Il francese ARES si rivolge a Mirage 2000 per addestrare gli eserciti europei

Negli ultimi anni, diverse compagnie si sono specializzate nella fornitura di servizi aerei avanzati agli eserciti di tutto il mondo. Questo è particolarmente vero in un campo molto specifico, quello dei RedAir, ovvero gli aerei privati ​​che svolgono il ruolo di velivoli ostili per addestrare le forze aeree, navali e terrestri ad affrontare questo tipo di avversario. Da 5 anni questo fenomeno ha assunto una crescita sbalorditiva in particolare negli Stati Uniti, da quando il mercato, che riunisce player come Draken o Atac, ha ormai raggiunto la soglia di maturità in un mercato che supera il miliardo di dollari all'anno. Va detto che, per gli eserciti,...

Leggi l'articolo

La FREMM per la difesa aerea dell'Alsazia entra a far parte della Marina francese

Dire che era previsto sarebbe un eufemismo. Venerdì 16 aprile, Naval Group ha consegnato la Fregata di difesa aerea dell'Alsazia alla Marina francese. Nei prossimi mesi prenderà il posto della fregata contraerea T70 Cassard ritirata dal servizio nel 2019, lasciando alla Marina francese solo 3 fregate dedicate a missioni di scorta aerea per grandi unità, come la portaerei Charles de Gaulle, o le portaelicotteri d'assalto di classe Mistral. Una seconda fregata FREMM DA è in costruzione nei cantieri navali del Gruppo Navale a Lorient, in Lorena, e sarà consegnata il prossimo anno alla Marina francese...

Leggi l'articolo

La Francia nella trappola della cooperazione europea in materia di difesa

Il programma Future Air Combat System, o FCAS, è destinato a fallire? Qualche mese fa, un'idea del genere avrebbe scatenato la furia di molti funzionari del Ministero delle Forze Armate, della DGA e persino dell'Eliseo. Ma oggi ci si può ragionevolmente chiedere come il programma non possa fallire, viste le tante criticità emerse nelle ultime settimane. Dopo l'obbligo tedesco di ottenere il pilotaggio condiviso tra Safran e MTU in merito al pilastro di propulsione del programma, e questo nonostante l'esperienza più che limitata del produttore di motori tedesco in questo tipo di propulsori, allora quello che trasporta...

Leggi l'articolo

I problemi di proprietà intellettuale minacciano il programma SCAF

Nel piccolo mondo della cooperazione europea in materia di difesa, le cose non vanno come sembrano. Perché se ufficialmente, gli industriali sono attivamente coinvolti con il sostegno dei governi in questi programmi, molte difficoltà, sia che si tratti delle differenze sul modo in cui i programmi sono gestiti politicamente, sia della condivisione industriale tra le basi industriali di ciascun paese, ostacolano il loro regolare svolgimento, almeno in modo civile. Ultimo problema fino ad oggi, significative tensioni oppongono gli industriali francesi che partecipano al programma SCAF alle loro controparti tedesche sul modo in cui le autorità politiche tedesche pilotano il...

Leggi l'articolo

La Francia sta sacrificando parte della sua industria della difesa sull'altare della cooperazione con la Germania?

È ufficiale, la società KNDS, che riunisce il francese Nexter e il tedesco Krauss-Maffei Wegman, e che fino ad ora era pilotata da una struttura a due capi composta dal CEO di Nexter Stephan Mayer e dal suo omologo di KMW, vedrà la sua struttura evolve, e ora sarà guidata da un consiglio di amministrazione di 9 persone presieduto da Philippe Petitcolin, amministratore delegato del produttore francese di motori Safran, mentre l'azienda passerà sotto la direzione di Frank Haun, finora boss di KMW, che sarà essere sostituito in questa posizione dal vicepresidente della società, Ralf Ketzel, mentre Stéphane Mayer lascerà Nexter, senza che il suo successore sia stato finora nominato....

Leggi l'articolo

Lo spagnolo Indra guiderà la sezione "Sensori" del programma SCAF, ma è una buona notizia?

Il 23 novembre la Direzione Generale degli Armamenti francese, nota con l'acronimo DGA, ha firmato, per delega degli Stati tedesco, francese e spagnolo, il contratto che concede alla società spagnola di elettronica di bordo Indra la gestione dei "sensori del futuro air combat system program, o SCAF, finalizzato allo sviluppo dei futuri velivoli da combattimento e dei relativi sistemi che equipaggeranno le forze aeree dei 3 paesi a partire dal 2040. Sarà quindi Indra, con le compagnie francesi Thales e la tedesca Hensoldt, a sviluppare il radar e tutti i sensori di nuova generazione che equipaggeranno il dispositivo chiave delle forze aeree europee...

Leggi l'articolo

L'aviazione navale francese riceverà 12 Dassault Falcon 2000 Albatros per la sorveglianza marittima

L'Aéronautique Navale de la Marine Nationale, creata nel 1912, è la più antica forza aerea militare francese e una delle più antiche del pianeta. Ora è composto da 3 componenti. La componente di caccia di bordo, che utilizza il Rafale M, ma anche gli aerei di sorveglianza aerea E-2C Hawkeye, e alcuni aerei Falcon 10 utilizzati per l'addestramento dei piloti in volo alla cieca e alcune missioni pettorali (l'aereo che interpreta il ruolo di bersaglio o attaccante). La componente elicotteristica opera NH90 Caiman Marine e Panther imbarcati su fregate, nonché Dauphin e Alouette III per missioni di salvataggio e...

Leggi l'articolo

Anche la prossima consegna di Rafale in India sarà un evento

La consegna dei primi 5 velivoli Rafale all'Aeronautica Militare indiana, nel luglio 2020, ha avuto un clamoroso successo mediatico e popolare, al punto da rappresentare un vero e proprio evento nazionale in India. Anche la prossima consegna di 3 dispositivi aggiuntivi, che avverrà il 4 novembre, potrebbe destare molto interesse. Infatti, oltre al ruolo decisivo che il nuovo velivolo è chiamato a ricoprire nella deterrenza e nell'aviazione dell'Aeronautica Militare indiana mentre continuano a crescere le tensioni con Pakistan e Cina, questa consegna sarà al suo interno, anche spettacolare, poiché i 3 aerei da combattimento faranno il viaggio tra...

Leggi l'articolo

La Turchia afferma di voler acquistare i sistemi terra-aria SAMP / T Mamba dalla Francia

Il ministro della Difesa turco Hulusi Akar ha dichiarato oggi che il suo Paese sta valutando l'acquisizione di batterie dei sistemi terra-aria a medio e lungo raggio SAMP/T Mamba per completare la sua difesa antiaerea. Tuttavia, questo sistema è progettato dal consorzio Eurosam, che riunisce l'italiana Aliena e le francesi Thales e MBDA, e se i rapporti tra Ankara e Roma possono ancora salvare la faccia, questo non è affatto il caso dei rapporti con Parigi, che per alcuni mesi sono stati molto tesi, sullo sfondo della crisi siriana, libica e cipriota, e su cui le forze turche e francesi si sono avvicinate pericolosamente...

Leggi l'articolo

I pattugliatori oceanici della marina francese disporranno di un cannone RapidFire da 40 mm

Ciò che fino a quel momento era a metà strada tra dicerie e deduzioni logiche è stato confermato oggi dal comandante Ghislain Deleplanque incaricato dell'ufficio di protezione e sicurezza della Marina francese. Le 10 nuove navi da pattugliamento oceanico che sostituiranno le navi da pattugliamento d'altura di classe A69 dal 2025 saranno quindi infatti dotate di un cannone RapidFire da 40 mm. Questo sistema di protezione ravvicinata consentirà alle navi di fornire protezione contro bersagli navali leggeri e medi, ma anche contro droni, elicotteri, aerei da combattimento operanti a bassa quota, nonché...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE