Joe Biden promette di fare "tutto il possibile" per i nuovi F-16 turchi

Come abbiamo scritto, la richiesta del presidente Erdogan agli Stati Uniti di acquisire una quarantina di nuovi caccia F-16, oltre a 80 kit per modernizzare parte della sua flotta allo standard Block 70 Viper, chiaramente le autorità americane, e in particolare il presidente Biden, in una posizione molto delicata, soprattutto perché Ankara minaccia di rivolgersi alla Russia e ai suoi Su-35 o addirittura Su-57E se Washington dovesse rifiutare queste licenze di esportazione. Allo stesso tempo, le autorità turche continuano a negoziare con Mosca l'acquisizione di nuovi sistemi S-400, nonché partnership tecnologiche nel campo del...

Leggi l'articolo

Washington pronta a vendere nuovi F-16 alla Turchia secondo RT Erdogan

Le relazioni tra gli Stati Uniti e la Turchia sono tese da diversi anni, e si tingono di un gioco di poker bugiardo che il presidente Erdogan sembra assecondare con un certo gusto sulla scena internazionale. Ma dall'entrata in servizio dei sistemi antiaerei a lungo raggio S-400 acquisiti dalla Russia, la posizione del presidente turco è diventata notevolmente più complessa con la sanzione da parte di Washington di ciò che a volte viene presentato, in modo discutibile, come “il secondo esercito della NATO”, privando Ankara di alcune tecnologie chiave per i propri programmi di difesa, come il carro armato Altay e l'elicottero T129. Peggio ancora, è...

Leggi l'articolo

La Turchia vuole 40 nuovi F-16 e 80 kit di modernizzazione dagli Stati Uniti

Con 245 aerei da combattimento F-16 nella flotta, l'Aeronautica Militare Turca è il terzo più grande utilizzatore del Fighting Falcon del pianeta dopo Stati Uniti e Israele, e come tale rappresenta una componente essenziale del sistema di difesa turco. fianco dell'Alleanza. Tuttavia, alcuni di questi dispositivi stanno iniziando a mostrare il peso degli anni e, anche se la maggior parte della flotta è stata portata allo standard Block 50+, ora sta segnando il tempo di fronte all'arrivo di nuovi, più efficienti ordigni, come i russi Su-35 e Su-57, ma anche, e soprattutto, contro il Rafale e il Blocco F-16…

Leggi l'articolo

Cosa risponde se la Turchia acquista di nuovo i sistemi S-400 dalla Russia?

Il presidente turco RT Erdogan ha incontrato ancora una volta il suo omologo russo, Vladimir Putin, nella località balneare di Sochi, sulle rive del Mar Nero. Tra i tanti argomenti discussi dai due capi di Stato, l'acquisizione da parte di Ankara di un secondo reggimento di sistemi antiaerei a lungo raggio S-400 sembra essere il più problematico dal punto di vista occidentale. Il primo ordine di due batterie S-400 complete nel 2017 da parte della Turchia ha provocato una forte risposta da parte di Washington, Donald Trump che, dopo molte procrastinazioni e sotto la pressione del Congresso, ha deciso di escludere Ankara dal programma F-35 e di cancellarlo nel 2020 l'ordine di 100...

Leggi l'articolo

La Turchia vuole sviluppare il cacciatorpediniere più potente nel teatro del Mediterraneo

Dalla sua ascesa al potere nel 2003, RT Erdogan, primo Primo Ministro dal 2003 al 2014, poi Presidente della Repubblica di Turchia da quella data, ha intrapreso un vasto sforzo nazionale a favore degli eserciti, con un bilancio che ha 20 anni da $ 7 miliardi a oltre $ 20 miliardi, nonostante una lira turca si sia svalutata dell'80% del suo valore nello stesso periodo. Parallelamente, si è impegnata a sviluppare una vasta e solida industria della difesa nazionale, con l'emergere di diversi attori nazionali e globali come il produttore di missili Roketsan o il produttore di droni Baykar. In campo navale, lo sforzo è stato organizzato...

Leggi l'articolo

Il ministero francese delle forze armate pubblica una revisione della revisione strategica del 2017

Al suo arrivo all'Eliseo, il presidente Emmanuel Macron ha ordinato la redazione di una Revisione Strategica per inquadrare gli obiettivi della nuova Legge di Programmazione Militare 2019-2025. Se l'intenzione era certamente quella giusta, i vincoli che hanno circondato la redazione di questo documento, in particolare il rispetto del formato degli eserciti previsto dal Libro bianco 2013, nonché il quadro di bilancio, che è certamente in crescita, ma già fisso, hanno fortemente limitato i benefici attesi dall'esercizio. Come previsto, la Strategic Review presentata nell'autunno del 2017 si è rivelata estremamente consensuale e ha mancato alcuni punti importanti, come il ritorno dell'impegno...

Leggi l'articolo

Esclusa dal programma F35, la Turchia riorganizza le sue ambizioni aeronautiche senza l'Occidente

Mentre il Dipartimento della Difesa statunitense aveva appena comunicato ufficialmente ad Ankara la sua definitiva esclusione dal programma F35 a seguito dell'acquisizione dei sistemi S400 dalla Russia, Selcuk Bayraktar, il CTO della compagnia Bayraktar, nota per i suoi droni TB2 che hanno giocato un ruolo determinante durante gli impegni turchi in Siria e Libia, nonché i motti delle forze azere durante il conflitto del Nagorno-Karabakh del 2020. Quest'ultimo ha dettagliato la tabella di marcia che le autorità turche si stavano preparando a seguire nel campo dell'aeronautica militare. E il minimo che si possa dire è che il Paese non...

Leggi l'articolo

L'industria turca potrebbe acquisire il 50% del produttore di motori ucraino Motor Sich

In un articolo del 12 marzo, avevamo previsto che in seguito alla nazionalizzazione del produttore ucraino di motori aeronautici Motor Sich decisa dal presidente Zelensky per impedirne l'acquisizione da parte della società cinese Skyrizon, kyiv potrebbe avvicinarsi ad Ankara in questo ambito. In effetti, la mancanza di attività industriale dell'uno corrispondeva alle esigenze in questo campo dell'altro, essendo l'industria aeronautica della difesa turca autonoma in molti campi, tranne che in quello della motorizzazione, che ostacola molti dei suoi programmi, sia droni che elicotteri, trasporti aereo e il caccia T-FX di nuova generazione. Questa ipotesi ora sembra prendere...

Leggi l'articolo

L'ipotesi di Sukhoi riemerge in Turchia

Dopo una chiusura d'anno molto tesa, in particolare per l'attuazione delle sanzioni imposte dal Congresso americano, le autorità turche avevano scelto di adottare un profilo più conciliante sulla scena internazionale, almeno in apparenza, così da ingraziarsi nuovo presidente degli Stati Uniti Joe Biden e revocare le sanzioni statunitensi ed europee che stanno ostacolando gravemente il regolare svolgimento dei programmi di difesa del paese. Se qualcuno ha davvero cambiato posizione, come l'Europa che, sotto la pressione di Berlino, ha sospeso l'applicazione delle sanzioni ancora simboliche decise a fine dicembre per non...

Leggi l'articolo

L'Ucraina nazionalizza il produttore di motori Motor Sich impedendo l'acquisizione da parte della Cina

È senza dubbio un grande servizio che l'Ucraina, e il suo presidente Volodymyr Zelenskiy, ha appena reso agli Stati Uniti e all'Occidente, decidendo di nazionalizzare il produttore nazionale di motori aeronautici Motor Sich, per impedire che l'azienda, e il suo know-how nel settore aeronautico e i motori degli elicotteri non rientrano nel controllo della società cinese Skyrizon, consentendo così alle industrie aeronautiche cinesi di recuperare terreno nel campo dei turbojet e dei turboelica aeronautici. Così facendo, il presidente Zelenskiy espone l'Ucraina all'ira di Pechino, oltre a danni significativi, almeno se dobbiamo credere al discorso ufficiale di...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE