Prime lezioni della guerra russo-ucraina

A 5 giorni dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, è ora possibile comprendere meglio le strategie messe in atto dai vari protagonisti, e apprendere le prime lezioni riguardanti le capacità operative dei belligeranti, e così capire e anticipare meglio i possibili sviluppi in questo conflitto e tensioni in Europa. Il piano di invasione russo e la strategia difensiva ucraina Chiaramente, la strategia adottata dalle forze russe dall'inizio del conflitto risponde a un piano di invasione meticolosamente elaborato e di lunga data. Gli eserciti russi sono andati molto vicini a ottenere una totale sorpresa operativa non guidando ...

Leggi l'articolo

Il conflitto russo-ucraino dopo 36 ore di combattimenti

Mentre l'offensiva russa contro l'Ucraina è iniziata poco più di 36 ore fa, le informazioni sullo svolgimento delle operazioni dei due belligeranti, ma anche la realtà dei combattimenti riferite dalla comunità OSINT e dai pochi giornalisti rimasti sul posto, già permettono di trarre le prime lezioni di questa guerra, ma anche delle capacità operative dei due eserciti. Più di 160 missili balistici e da crociera sparati in 24 ore Se le forze russe implementassero i missili da crociera Kalibr lanciati da corvette e sottomarini posizionati nel Mar Nero e...

Leggi l'articolo

La Russia può davvero invadere l'Ucraina?

Da diverse settimane, a seguito di una mobilitazione senza precedenti di forze da parte di Mosca ai confini dell'Ucraina, i servizi occidentali, in particolare americani, e molti specialisti in materia, ritengono ormai possibile, se non probabile, una massiccia offensiva delle forze russe contro l'Ucraina. E le ultime dichiarazioni e atti di Vladimir Putin, che dopo aver riconosciuto l'indipendenza delle due autoproclamate repubbliche di Donetsk e Luhansk, ha dichiarato che le sue ambizioni territoriali si estendevano a tutto il Donbass, e non solo ai limiti di queste due entità , costituiscono infatti minacce e rischi molto significativi di deriva militare straordinaria in questo...

Leggi l'articolo

La crisi corre tra Ucraina, Russia e Occidente

La tensione è ora al massimo tra l'Ucraina, i suoi partner occidentali e la Russia, e la catena di eventi sembra aver accelerato nelle ultime ore. Dopo la prevedibile falsa partenza del 16 febbraio, data proposta pubblicamente da Washington come probabile per un attacco russo contro l'Ucraina, e dopo l'annuncio, di fatto infondato, di un ritiro parziale delle forze russe schierate lungo il confine ucraino, queste ultime ore sono state lo scenario di una serie di dichiarazioni di Mosca, Washington e dell'Europa, che mostrano una traiettoria molto disastrosa per l'Ucraina e, più in generale, per la pace in Europa. 1- Ridistribuzione discreta delle forze...

Leggi l'articolo

Il dispiegamento militare russo intorno all'Ucraina raggiunge la soglia critica

Da diversi mesi ormai, dal novembre 2021, gli eserciti russi hanno dispiegato e stazionato un gran numero di truppe in giro per l'Ucraina, sia lungo il confine con il Donbass, in Crimea, sia lungo il confine settentrionale del Paese. Al Fun di dicembre, le osservazioni fisiche e satellitari hanno permesso di stimare in 100.000 il numero di soldati dispiegati nelle immediate vicinanze dei confini dell'Ucraina e in circa sessanta il numero di battaglioni di armi combinate, l'equivalente russo del Battle Group Inter- Armes, o GTIA, francese, costituita. Ma negli ultimi giorni Mosca ha effettuato un significativo rafforzamento delle forze schierate,...

Leggi l'articolo

Verso il fallimento dei negoziati Russia-NATO?

I negoziati che si stanno svolgendo questa settimana a Ginevra tra i rappresentanti della Federazione Russa e quelli del campo occidentale, compresi Stati Uniti e NATO, hanno subito da ieri sera un forte inasprimento dopo il rigetto, tutto sommato prevedibile, del Occidentali delle rivendicazioni sotto forma di ultimatum messo sul tavolo dal Cremlino. Da allora, la situazione ha continuato a deteriorarsi; e le dichiarazioni, provenienti in gran parte dalla parte russa, fanno temere un inasprimento molto severo delle relazioni tra i due campi, che potrebbe sfociare anche in un conflitto armato, in Ucraina o anche oltre. Ricordiamo che la Russia chiede diverse concessioni alla NATO...

Leggi l'articolo

Questi i conflitti che minacciano nel 2022: Ucraina-Russia

Se c'è stato un fattore significativo nel descrivere l'anno 2021, a parte la crisi del Covid, è senza dubbio il notevole aumento delle tensioni dirette tra molti Stati, con il rischio ormai concretissimo di veder riapparire lo spettro conflitti tra grandi potenze a livello regionale o anche su scala globale. Inoltre, e contrariamente alle tensioni e ai conflitti che hanno segnato il periodo successivo alla Guerra Fredda, queste guerre in divenire minacciano, per la maggior parte, di portare sulla loro scia l'opposizione delle superpotenze nucleari, e persino di avere un effetto scatenante tra di loro, in modo che il deterioramento della situazione per uno di loro possa avere conseguenze significative sul...

Leggi l'articolo

L'intelligence ucraina e occidentale temono l'offensiva invernale russa in Ucraina

Lo scenario è ormai noto. Secondo le osservazioni satellitari e i servizi di intelligence ucraini e occidentali, la Russia sta infatti ammassando una considerevole forza armata di quasi 100.000 uomini e un centinaio di battaglioni da combattimento sul confine ucraino, di fronte al Donbass e in Crimea. E ancora una volta, come nel marzo 2021, ma anche nel 2019 e nel 2020, riappare abbastanza logicamente il timore di vedere Mosca lanciare un'offensiva contro l'Ucraina. Secondo i servizi di intelligence americani, le forze armate russe avrebbero infatti già più di sessanta BTG (Battalion Tactical group),...

Leggi l'articolo

Ucraina, Taiwan: gli Stati Uniti cambieranno posizione nei confronti di Russia e Cina?

La mappa geopolitica globale oggi è ancora largamente condizionata da accordi firmati durante o subito dopo la Guerra Fredda, ed è stata messa in scena in modo molto efficace da Mosca e Pechino negli ultimi 20 anni, senza che né gli Stati Uniti né l'Occidente in generale abbiano mostrato alcun determinazione ad opporvisi. Fu così che dall'inizio degli anni '70 furono negoziati gli accordi sino-americani intorno al caso dell'isola di Taiwan, con l'obiettivo di togliere Pechino dall'equazione Guerra Fredda e campo sovietico, e questo nonostante l'isola avesse nessuna intenzione di entrare nella Repubblica popolare...

Leggi l'articolo

In un discorso apparentemente banale, V. Putin conferma la sua supremazia militare sull'Europa

Infine, la montagna avrà partorito un topo? Nel suo discorso annuale davanti al parlamento russo, atteso con ansia da russi, ucraini e bielorussi, Vladimir Putin non ha infine fatto alcun annuncio clamoroso sul possibile attaccamento delle province ucraine secessioniste del Donbass o della Bielorussia alla Federazione russa. Tuttavia, le tensioni rimangono ai massimi livelli nei due paesi, mentre il raduno delle forze russe ai confini dell'Ucraina e il dispiegamento delle forze di sicurezza in Bielorussia rimangono molto elevati. Senza pregiudicare le conseguenze future di questi due file, Vladimir Putin ha una conferenza...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE