La Polonia è pronta a pagare la maggior parte dei costi per ricevere le forze statunitensi sul suo territorio

La decisione del presidente Trump di ritirare 12.000 dei 37.000 uomini stabilmente dispiegati in Germania per fare pressione su Berlino per la mancanza di investimenti nella NATO, continua a suscitare polemiche negli Stati Uniti, o almeno la misura è impopolare soprattutto all'interno del Pentagono. Va detto che i costi di questa ridistribuzione, metà del personale che torna negli Stati Uniti e l'altra metà ridistribuita in Belgio e Italia, è molto probabile che taglino il budget della Difesa americana ben oltre la costruzione dell'anti- muro dell'immigrazione al confine con il Messico. Secondo il segretario di...

Leggi l'articolo

Stati Uniti: Donald Trump rinnegato dai militari?

Mentre l'epidemia di coronavirus infuria ancora negli Stati Uniti, il Paese vive da diversi giorni un'intensa crisi sociale, che rischia di degenerare in una crisi costituzionale a seconda della gestione che verrà svolta alla Casa Bianca. In effetti, dall'omicidio di George Floyd da parte di un agente di polizia il 25 maggio, le manifestazioni pacifiche che chiedono uguali diritti per tutti i cittadini americani si sono moltiplicate nella maggior parte delle principali città americane. A margine di questi, rivolte e scontri più violenti con le forze dell'ordine hanno anche portato diverse città e stati a imporre il coprifuoco e...

Leggi l'articolo

La marina americana dividerà il programma delle fregate FFG / X.

È legato agli effetti della crisi del Covid19 sul settore della Difesa? Tuttavia, la US Navy ha annunciato che dividerà il programma FFG/X in due sottoprogrammi di 10 navi. Al vincitore dell'attuale competizione tra 4 gruppi industriali sarà assegnata la costruzione di 10 navi, mentre sarà subito lanciato un nuovo concorso per la costruzione di 10 fregate di classe diversa. Questo approccio consentirà di distribuire velocemente il carico di lavoro tra i cantieri americani e i loro subappaltatori, molti dei quali sono duramente colpiti dalle conseguenze della crisi sanitaria ed economica legata al Covid19. Permetterà inoltre...

Leggi l'articolo

La Marina degli Stati Uniti e il Segretario alla Marina sostengono il ritorno del comandante Crozier al timone dell'USS Theodore Roosevelt.

La decisione di sollevare dal comando il capitano Brett Crozier, al comando della portaerei USS Theodore Roosevelt, appena arrivata al molo di Guam in seguito all'esplosione del numero dei casi Covid19 a bordo, ha provocato molte reazioni negli Stati Uniti, sia nell'opinione pubblica e nella sfera politica e militare. Anche il segretario della Marina Thomas Modly, all'origine di questa decisione, finisce per dimettersi a seguito di osservazioni fatte a bordo della portaerei americana. Questo episodio inglorioso della US Navy rischia di subire un colpo di scena finale poiché, secondo il New York Times, il suo capo...

Leggi l'articolo

Il Dipartimento della Difesa vuole rimuovere 2 portaerei dalla Marina degli Stati Uniti

Come abbiamo già ampiamente ribadito in questa sede, la pianificazione della costruzione di navi negli anni a venire da parte della Marina degli Stati Uniti si trova oggi ad affrontare grandi incertezze. Si è infatti incastrato tra le richieste del presidente Trump, assunte dal suo segretario alla Difesa Mark Esper, di costituire una flotta di 2030 navi entro il 355 (contro le 293 di oggi), la volontà dello Stato maggiore dell'US Navy rafforzare e razionalizzare la propria flotta di superficie a scapito dei numeri, e di un budget che ha già raggiunto il tetto massimo, e che non potrà, nelle circostanze attuali, avanzare nel...

Leggi l'articolo

Le dimissioni del Segretario della Marina degli Stati Uniti aggiungono incertezza sul futuro della Marina degli Stati Uniti

Il segretario ad interim della Marina degli Stati Uniti Thomas Modly ha rassegnato le dimissioni dopo la frenesia politica e mediatica seguita alla sostituzione del capitano B. Crozier come comandante della portaerei nucleare Theodore Roosevelt, in seguito alla pubblicazione di una lettera inviata a diverse autorità per richiedere lo sbarco del suo equipaggio mentre a bordo sono aumentati i casi di contaminazione da Covid-19. Viene sostituito dall'attuale sottosegretario dell'esercito, James McPherson, appena 15 giorni dopo che quest'ultimo è stato confermato dal Congresso in carica. Non torneremo sulle reazioni politiche e mediatiche...

Leggi l'articolo

Washington solleva il comandante della portaerei Theodore Roosevelt dal suo comando

Il segretario alla marina statunitense Thomas Modly ha dichiarato ieri (2 aprile) che l'ufficiale in comando della portaerei a propulsione nucleare USS Theodore Roosevelt era stato sollevato dal suo comando in seguito alla pubblicazione sui media della lettera che aveva inviato alla sua catena gerarchica, in cui ha chiesto insistentemente lo sbarco del suo equipaggio a Guam mentre a bordo l'epidemia di Coronavirus Covid19 avanzava molto rapidamente, e aveva già contagiato più di 200 membri dell'equipaggio. Questa decisione brutale e goffa del comando americano è giustificata dal fatto che il comandante Brett Crozier, un ufficiale in servizio...

Leggi l'articolo

La US Navy lancia uno studio fondamentale per il futuro delle super portaerei

Sebbene la US Navy non sia in grado di progettare un modello soddisfacente per mantenere la supremazia navale sulla Cina a lungo termine, ha lanciato, secondo il sito breakingDefense.com, uno studio intitolato Future Carrier 2030 Task Force che vuole essere decisivo sul futuro delle portaerei nel suo inventario, così come la Task Force costruita attorno a loro. I risultati attesi potrebbero portare la US Navy a limitare il numero di super vettori di classe Ford attualmente in costruzione a sole 4 unità. Questo studio, che come suggerisce il nome si concentrerà sullo stato della minaccia e sulle capacità difensive e offensive delle portaerei...

Leggi l'articolo

Il segretario alla Difesa americano svela la sua strategia per una flotta di 355 navi nel 2030

Come abbiamo già discusso più volte su Meta-Defense, la Marina degli Stati Uniti sta lottando per definire il suo piano di costruzione navale per gli anni a venire, intrappolata tra la necessità di rinnovare diverse grandi classi di navi, come le portaerei di classe Nimitz, i sottomarini d'attacco a propulsione nucleare di Los Angeles e gli incrociatori di classe Ticonderoga, i limiti di budget imposti dal Congresso (e soprattutto dal debito pubblico americano eccedente il prodotto interno lordo) e la volontà politica del presidente Trump di costruire una flotta di 2030 navi da 355 per mantenere il vantaggio sulla flotta cinese in rapida crescita. E…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE