Quali soluzioni per aumentare la disponibilità del French Naval Air Group a fronte delle esigenze operative?

Nel dicembre 2020, il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato il lancio di un nuovo programma di portaerei per la Marina francese. Destinata a sostituire la portaerei nucleare Charles de Gaulle entro il 2038, questa nuova nave, di cui non sappiamo ad oggi se comprenderà uno o due edifici, sarà molto più grande della precedente, con una lunghezza di 300 metri e un dislocamento di 70.000 tonnellate, contro i 261,5 metri e le 42.500 del Charles de Gaulle

Leggi l'articolo

Dispiegamenti di forze navali senza precedenti nel Mediterraneo

Nonostante i tentativi di mediazione francesi ed europei, negli ultimi giorni le tensioni tra Russia, Ucraina e NATO hanno continuato ad intensificarsi. Oltre al dispiegamento ininterrotto di nuove truppe lungo il confine ucraino in Russia, Crimea e Bielorussia, si dice che gli eserciti russi si siano impegnati a spostare la potente 2a armata combinata di armi combinate delle guardie, il pilastro del distretto militare centrale, in Occidente , ciò contribuisce al massiccio rinforzo notato per diversi giorni del dispositivo offensivo russo ai suoi confini occidentali. A questi schieramenti di forze aeree e terrestri, si aggiungono ora quelli di molte unità navali, creando una tensione senza precedenti dal...

Leggi l'articolo

Quali sono i punti di forza e di debolezza della Marina francese?

L'entrata in servizio della nuova fregata Alsazia, che offre capacità antiaeree potenziate pur mantenendo le capacità di guerra antisommergibile e anti-nave dei FREMM di classe Aquitania, è stata giustamente salutata come un passo importante nello sforzo di modernizzazione la marina francese. Molti altri programmi sono in corso per supportare questo sforzo, tra cui le fregate di difesa e di intervento FDI, i sottomarini d'attacco nucleare classe Suffren, le petroliere classe Jacques Chevallier, le future Ocean Patroller o ancora il programma di guerra SLAM-F Mines, tutti per entrare in servizio nel corso…

Leggi l'articolo

Le portaerei sono ora troppo vulnerabili per essere utili?

Dall'annuncio da parte del Presidente della Repubblica del lancio del programma Portaerei di nuova generazione francese, molte voci si sono levate per mettere in dubbio la rilevanza di un tale investimento, in particolare di fronte alla minaccia rappresentata, ormai, dal lungo raggio missili antinave ipersonici, come il russo 3M22 Tzirkon o il cinese DF26. Secondo loro, e secondo altri, in particolare negli Stati Uniti, tali colossi dei mari sono facilmente individuabili e quindi costituiscono i primi bersagli per i nuovi missili antinave nemici. Tuttavia, un'analisi fattuale e obiettiva delle capacità offerte dalle portaerei, nonché della realtà di ...

Leggi l'articolo

La Francia può esportare la sua futura portaerei nucleare a GN?

Il presidente francese Emmanuel Macron ha confermato, martedì 8 dicembre, il lancio ufficiale del programma New Generation Nuclear Aircraft Carrier destinato a sostituire la Charles de Gaulle nel 2038, entrata in servizio nel 2001. Questo annuncio fornisce alcune informazioni aggiuntive e conferme sulle scelte realizzato per questo programma, ma apre anche opportunità sulla scena internazionale. In questo articolo studieremo questi paesi che potrebbero vedere nel nuovo programma francese un'opportunità per rafforzare le proprie capacità aeree navali. Le caratteristiche annunciate L'annuncio del Presidente della Repubblica conferma un gran numero di ipotesi plausibili e...

Leggi l'articolo

Presto avviato ufficialmente il programma della nuova portaerei della Marina francese

Dalla sua entrata in servizio nel maggio 2001, la portaerei nucleare francese Charles de Gaulle ha percorso una distanza di oltre 30 in tutto il mondo e ha trascorso quasi 2500 giorni in mare.Con il suo gruppo aereo di quasi 30 aerei di cui 24 cacciatori Rafale, Si è affermata come una grande unità navale per la Francia e per l'Europa, ed è intervenuta in tutti i conflitti a cui la Francia ha partecipato in questo periodo: Afghanistan, Libia, Mali, Siria. Ha innegabilmente dimostrato l'efficienza operativa e anche diplomatica che una nave del genere rappresenta per un paese come la Francia. Allora…

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti autorizzano la vendita degli aerei radar E-2D Hawkeye per la Marina francese

Lunedì scorso, il Dipartimento di Stato americano ha annunciato di aver autorizzato l'esportazione di equipaggiamento militare per un valore di 7,5 miliardi di dollari in diversi paesi del mondo, tra cui Israele, Lituania, Argentina e Indonesia. Anche la Francia era preoccupata per questo annuncio, dal momento che il governo americano autorizza ufficialmente la Marina francese ad acquisire, nell'ambito di una procedura FMS (Foreign Military Sales), tre aerei radar E-2D Advanced Hawkeye. Con l'equipaggiamento associato, l'importo del contratto potrebbe salire a 2 miliardi di dollari (il doppio di quanto annunciato in precedenza), il prezzo di due cacciatorpediniere o di un'intera flottiglia di aerei da combattimento Rafale M. il prezzo...

Leggi l'articolo

In attesa della futura portaerei, la costruzione delle nuove navi cisterna BRF della Marina francese inizia a Saint-Nazaire

Ieri, presso i Chantiers de l'Atlantique di Saint-Nazaire, si è svolta la cerimonia del taglio del primo foglio di una delle quattro future Force Supply Ships. Queste petroliere di nuova generazione consentiranno alla Marina francese di rinnovare la sua flotta logistica, essenziale per lo svolgimento di operazioni a distanza a lungo termine. Il costo totale del programma è stimato a 1,7 miliardi di euro per tutte e quattro le navi. Queste quattro BRF formeranno la classe Jacques Chevallier, dal nome dell'ingegnere navale dietro le prime navi francesi a propulsione nucleare, e dovranno essere consegnate tra il 2022 e il 2029. Saranno quindi le prime navi militari costruite...

Leggi l'articolo

Nucleare: una risorsa strategica per gli eserciti francesi e non solo per la sua deterrenza

L'atomo, oltre al suo carattere decisivo nel nostro mix elettrico a basse emissioni di carbonio, spinge verso l'alto una serie di settori industriali: chimica, informatica, intelligenza artificiale... L'allentamento del sostegno statale al settore industriale nucleare potrebbe tuttavia avere un impatto decisivo sulle nostre capacità di difesa. In materia industriale, e in particolare in un settore tecnico come quello nucleare, le perdite legate al know-how possono essere molto rapide. I ritardi accumulati nella costruzione dell'EPR di Flamanville testimoniano anche le difficoltà dell'industria nucleare francese nel mantenere tutte le competenze tecniche necessarie per un tale lavoro, mentre l'ultimo reattore costruito risale...

Leggi l'articolo

HMS Queen Elizabeth e Charles de Gaulle: due diversi concetti di combattimento aereo navale

Il 29 aprile, la portaerei britannica HMS Queen Elizabeth salpò da Portsmouth per una lunga campagna di prove in mare.In precedenza, l'intero equipaggio era stato testato contro il coronavirus, per evitare che la Royal Navy conoscesse le stesse battute d'arresto della US Navy o la Marina Nazionale. Questa campagna di test dovrebbe consentire di qualificare la portaerei per i suoi primi schieramenti operativi, ora previsti per il prossimo anno. Dal 2021, quindi, la Royal Navy dovrebbe tornare ad avere capacità aeree navali, per la prima volta dal ritiro degli aerei Harrier nel 2010. Il futuro dell'aviazione navale britannica prende dunque forma attorno ai suoi due nuovi...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE