Con il bilancio 2023, gli eserciti americani svelano la loro strategia di trasformazione di fronte alla Cina

È comune leggere fino a che punto gli eserciti russi impegnati in Ucraina fanno affidamento sull'equipaggiamento ereditato dal periodo sovietico. È vero che, sebbene modernizzati, i T-72B3, T80BV, BMP-2 e altri Msta-S sono stati tutti progettati negli anni '70 e '80, come nel caso degli aerei da combattimento della serie Flanker o degli elicotteri Mil e Kamov. Tuttavia, è chiaro che in Occidente la situazione è sostanzialmente identica, anche per quanto riguarda la punta della spada, ovvero l'esercito americano, che continua a fare affidamento sui carri armati Abrams, i Bradley VCI, i...

Leggi l'articolo

Il Corpo dei Marines degli Stati Uniti imbarcherà 20 F-35B su una portaelicotteri per farne un "Lightning-Carrier"

L'arrivo dell'F-35B, la versione verticale oa decollo e atterraggio corto del Lighting II, offre prospettive completamente nuove in termini di portaerei leggere e/o senza catapulte. Molto più efficienti e versatili degli AV-8 Harrier II che sostituiscono, gli F-35B danno anche al gruppo aereo a bordo di queste navi la possibilità di svolgere missioni avanzate, siano esse di interdizione dall'aria o attacchi a terra o contro navi navali obiettivi, anche in assenza di velivoli di supporto come la guerra elettronica EA-18G Growler o la sorveglianza aerea E-2C/D Hawkeye. Infatti, una portaerei armata di 18 per...

Leggi l'articolo

12 portaerei, 50 fregate: la US Navy torna ai suoi fondamenti

Dire che la pianificazione della US Navy è stata caotica negli ultimi 30 anni sarebbe un eufemismo. Tra programmi calamitosi e cronicamente overcost come i cacciatorpediniere Zumwalt, le corvette Littoral Combat Ship, o i sottomarini Seawolf, notevoli difficoltà tecniche come per le portaerei classe Ford, e obiettivi segnati da considerazioni politiche ed economiche, e non da esigenze operative , le prospettive e le opzioni della principale forza navale mondiale sono state irrimediabilmente oscurate, mentre allo stesso tempo, le potenze navali dei suoi principali concorrenti come la Russia e soprattutto la Cina, si sono sviluppate con rigore...

Leggi l'articolo

La Marina degli Stati Uniti mitiga le sue ambizioni per una flotta autonoma

In un articolo pubblicato a fine dicembre sul sito War on the Rock, gli autori, inclusa un'offerta attiva della US Navy, hanno evidenziato il rischio di trasferire il carico di manutenzione a bordo di navi senza pilota a una maggiore manutenzione portuale, potenzialmente generando significativi costi aggiuntivi, scarsa disponibilità e possibile saturazione delle infrastrutture di manutenzione navali a causa della congestione degli edifici portuali. Il fatto è che molti ufficiali di marina che hanno prestato servizio a bordo delle navi dubitano che la tecnologia attuale possa effettivamente fornire alle navi autonome un'affidabilità in mare compatibile con i requisiti operativi. E…

Leggi l'articolo

Il futuro cacciatorpediniere DDG(x) della Marina degli Stati Uniti sarà un cacciatorpediniere di "transizione"?

Mentre il Congresso ha approvato la costruzione di un ulteriore cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke III per il 2022, e la Marina degli Stati Uniti ha annunciato un vasto piano per modernizzare i suoi cacciatorpediniere Arleigh Burke Flight IIA per installare il nuovo radar SPY -6 con antenna elettronica attiva come per il Volo III e delle fregate della classe Constellation, la marina americana avanza anche sulla sostituzione del cacciatorpediniere Arleigh Burke ma anche degli incrociatori della classe Ticonderoga, mentre 32 unità di queste due classi dovranno essere ritirate dal servizio negli anni a venire. Comunicazione intorno alla nuova nave,...

Leggi l'articolo

La Marina degli Stati Uniti equipaggerà i suoi cacciatorpediniere Arleigh Burke Flight IIA con il nuovo radar EASA SPY-6

Come gli incrociatori Ticonderoga e una serie di cacciatorpediniere e fregate contraeree in servizio con le marine alleate degli Stati Uniti, i cacciatorpediniere americani della classe Arleigh Burke, che oggi costituiscono la spina dorsale della superficie statunitense con 69 navi in ​​servizio, sono equipaggiati con il famoso radar SPY-1, proprio quello che è al centro del sistema antiaereo e antimissilistico AEGIS. Ma questo radar, entrato in servizio negli anni '70, sta cominciando a mostrare il peso degli anni nonostante i numerosi aggiornamenti, motivo per cui i futuri cacciatorpediniere della US Navy attualmente in costruzione, l'Arleigh Burke Flight III,...

Leggi l'articolo

Il programma sottomarino nucleare australiano crollerà?

Nessuno ha dimenticato il clamoroso annuncio fatto dal primo ministro australiano Scott Morrison, insieme al suo omologo britannico Boris Johnson e al presidente degli Stati Uniti Joe Biden nel settembre 2021, che ha posto fine al programma sottomarino franco-australiano Shortfin. Barracuda a beneficio di una flotta nucleare -sottomarini a motore realizzati nell'ambito di una nuova alleanza che riunisce i 3 paesi, e designati con l'acronimo AUKUS. È vero che il programma sottomarino d'alto mare australiano Shortfin Barracuda è stato oggetto di critiche da diversi anni, in particolare a causa di una dotazione di bilancio complessiva di 90 miliardi di dollari australiani presentata come gigantesca per il...

Leggi l'articolo

La Marina degli Stati Uniti deve prolungare la vita dei suoi sottomarini per affrontare la Cina

La Marina degli Stati Uniti potrebbe avere la più grande flotta di sottomarini nucleari e l'industria più efficiente al mondo in questo campo, per affrontare la Cina manca di navi. Infatti, nonostante i 53 sottomarini d'attacco nucleare delle classi Los Angeles, Seawolf e Virginia in servizio, è appena alla pari con il 6 SNA classe Shang (Tipo 09III/A), e i 44 sottomarini a propulsione convenzionale del Song (14 unità), Improved Kilo (8+2 unità) e Yuan (18 unità dotate di propulsione anaerobica). Inoltre, la flotta cinese dispone di numerosi asset operativi in ​​caso di confronto con...

Leggi l'articolo

Si dice che i sottomarini nucleari statunitensi siano stati costruiti con acciaio di qualità inferiore

Si tratta di informazioni che cadono piuttosto male, mentre la US Navy è impegnata in una corsa strategica con la Marina cinese, e che l'Australia ha risolto il contratto per la costruzione di 12 sottomarini francesi Shortfin Barracuda per passare a una soluzione nucleare molto probabilmente proveniente dal Stati Uniti. In effetti, Elaine Marie Thomas, ex manager della fonderia Tacoma, si è dichiarata colpevole di aver falsificato i conti di qualità dell'acciaio consegnato ai cantieri navali Electric Boat e Newport News Shipbuilding tra il 1985 e il 2017, acciaio utilizzato per la costruzione di sottomarini nucleari della US Navy. Secondo il rapporto di indagine, 240 lotti di acciaio...

Leggi l'articolo

Droni marittimi: americani e turchi aprono la strada

di Noam Akhoune In un momento in cui i droni rimescolano le carte della guerra, il settore navale è ben lungi dall'essere risparmiato da questa evoluzione. A differenza dei droni aerei e/o di supporto a terra che abbiamo visto all'opera durante il conflitto tra Azerbaigian e Armenia, o in Siria, le navi senza pilota o i droni navali non hanno ancora affrontato il combattimento, ma potrebbe accadere prima di quanto si pensi . Insieme alle armi a energia diretta, armi ipersoniche, intelligenza artificiale e capacità informatiche, le navi senza pilota (o navi di superficie senza pilota – usv) sono una delle nuove capacità,...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE