KF51 vs EMBT: duello fioretto maculato tra Rheinmetall e KNDS attorno al programma MGCS

Come il programma di velivoli da combattimento di nuova generazione SCAF, il programma Main Ground Combat System, o MGCS, volto a progettare la sostituzione dei carri armati tedeschi Leopard 2 e francesi Leclerc, sta incontrando molte difficoltà. Oltre alle profonde differenze dottrinali che si oppongono nelle specificazioni tra Esercito e Bundeswehr, la condivisione industriale tra i principali attori, il tedesco Rheinmetall da un lato, e i gruppi Nexter e Krauss Maffei Wegman riuniti nel gruppo KNDS sul altro, è anch'esso oggetto di intensa tensione. In effetti, il gruppo di Monaco, che è anche molto politicamente presentato al Bundestag, il parlamento tedesco, non è di...

Leggi l'articolo

MGCS: Italia, Polonia, Norvegia e Gran Bretagna potrebbero aderire al programma dal 2023

Risultato di uno studio preliminare lanciato congiuntamente da Francia e Germania nel 2012, il programma Main Ground Combat System, o MGCS, è stato lanciato ufficialmente nel 2017 da Emmanuel Macron e Angela Merkel per sostituire nel 2035 i carri armati francesi Leclerc e i tedeschi Leopard 2, insieme a 3 altri programmi emblematici della cooperazione franco-tedesca nel settore della difesa, il Future Air Combat System o SCAF per sostituire il Rafale e il Typhoon nel 2040, il Common Indect Fire System o CIFS per sostituire i cannoni semoventi e lanciarazzi multipli nel 2035, e il Maritime Airborne Warfare System o MAWS per...

Leggi l'articolo

SCAF, MGCS… Arriverà troppo tardi il nuovo equipaggiamento militare europeo?

In un'intervista rilasciata al sito lesecho.fr, Franck Haun, CEO del gruppo KNDS che riunisce il tedesco Krauss Maffei Wegman e il francese Nexter, ha invitato i governi francese e tedesco ad accelerare il Main Ground Combat System o programma MGCS , che secondo lui, allo stato attuale delle cose, non dovrebbe arrivare ad una consegna prima del 2040 e nemmeno del 2045. Se le considerazioni di Franck Haun sono soprattutto industriali, invitando in particolare ad allargare il programma sulla scena europea, resta il fatto non meno vero di un'analisi oggettiva dei palinsesti dei programmi in corso, MGCS come SCAF, il programma degli aerei da combattimento...

Leggi l'articolo

L'eurofondamentalismo del Ministero delle Forze Armate danneggia le capacità di equipaggiamento degli eserciti?

Per quasi un decennio il Ministero della Difesa, divenuto Ministero delle Forze Armate, e la Direzione Generale degli Armamenti, che sovrintende a tutti i programmi industriali per le Forze armate, hanno quasi sistematicamente privilegiato una visione europea dei programmi di Difesa. . Così, durante la sua ultima udienza, il Delegato Generale per gli Armamenti, Joel Barre, ha escluso la possibilità di dare la preferenza al Falcon X della Dassault Aviation per la sostituzione dell'Atlantic 2 della Patrouille Maritime, qualora il programma MAWS dovesse essere fatto senza La Germania (che ha appena ordinato a 5 Poseidon P-8A americani di sostituire i suoi P-3C più vecchi), sostenendo che ...

Leggi l'articolo

La Francia dovrebbe sviluppare un carro medio in parallelo con il programma MGCS?

Non è ormai un segreto che il rischio di vedere gli eserciti francesi impegnati in un conflitto ad alta intensità è aumentato considerevolmente negli ultimi anni, e aumenterà negli anni e nei decenni a venire. È in questo contesto che Parigi e Berlino hanno lanciato, nel 2017, diversi programmi di difesa industriale in cooperazione, i più simbolici dei quali sono il programma di aerei da combattimento SCAF di nuova generazione per sostituire il Rafale francese e il Typhoon tedesco, e il programma di carri armati da combattimento MGCS, per sostituire, tra l'altro, i Leclercs of the Army e i Leopard 2s della Bundeswehr....

Leggi l'articolo

Perché la cooperazione europea fallisce così spesso?

Nel luglio 2017, nel bel mezzo di una guerra di trincea tra Washington e Berlino sui temi della difesa e della bilancia commerciale, Emmanuel Macron e Angela Merkel hanno annunciato l'avvio di una vasta cooperazione industriale franco-tedesca nel campo della difesa, con ben 4 programmi principali, il Future Air Combat System o SCAF destinato a sostituire il francese Rafale e il tedesco Typhoon, il Main Ground Combat System o MGCS destinato a sostituire i carri armati pesanti Leclerc e Leopard 2, il Maritime Airborne Warfare System o MAWS per sostituire l'Atlantic 2 e il pattugliatore marittimo P3C Orion, e il fuoco indiretto comune...

Leggi l'articolo

Il programma SCAF sopravviverà alla partenza di Angela Merkel?

Dal suo annuncio a pochi mesi dall'elezione di Emmanuel Macron a Presidente della Repubblica francese nel 2017, il programma Future Air Combat System, o SCAF, ha incontrato molti ostacoli, al punto da essere già due volte sull'orlo della rottura. In questione, profonde divergenze e ambizioni contraddittorie tra le aspettative francesi, tedesche e spagnole, e soprattutto una flagrante sfiducia tra i 3 attori del programma, e soprattutto tra Francia e Germania. E le dichiarazioni del ministero della Difesa tedesco riportate dal sito del quotidiano Der Spiegel sono lontane dal chiarire questo quadro...

Leggi l'articolo

Nuovi partner, nuove capacità: Berlino ha grandi ambizioni per il programma MGCS

Se le prime discussioni sul programma Main Ground Combat System, o MGCS, risalgono al 2012, questo programma destinato a sostituire la componente corazzata pesante in Francia (Char Leclerc) e Germania (carro Leopard 2) è venuto alla ribalta dal 2017 e l'elezione del presidente francese Emmanuel Macron, quando lo integrò con una serie di altri programmi franco-tedeschi tra cui lo SCAF destinato a sostituire i velivoli Rafale e Typhoon, e il MAWS destinato a sostituire i velivoli Maritime Patrol Atlantic 2 e P3C Orion. La coppia franco-tedesca, stimolata dalle tensioni tra Berlino e Washington in seguito all'arrivo di Donald...

Leggi l'articolo

Droni militari ed etica: vero dibattito o finzione?

Da quando sono entrati in servizio una ventina di anni fa, i droni hanno fatto regolarmente notizia, in particolare in un'area in cui lo sviluppo dei sistemi di combattimento è poco previsto, ovvero l'etica. Alimentati da una cultura popolare ricca di riferimenti cinematografici e letterari, molti personaggi politici, ma anche scienziati, soldati e filosofi, hanno colto il dibattito nel tentativo di comprendere e controllare l'evoluzione di questi nuovi sistemi e prevenire la comparsa del famoso " robot assassini". Questo dibattito, sullo sfondo di valori etici ma anche di paure molto reali del combattimento in fuga automatizzato, ha basi e obiettivi...

Leggi l'articolo

La tecnologia si sta muovendo troppo velocemente per i programmi di difesa industriale?

Da 2 anni, il Corpo dei Marines degli Stati Uniti ha avviato una profonda riflessione sulla natura della sua missione negli anni a venire, e sui mezzi a sua disposizione per portarla a termine con successo contro un avversario tecnologicamente avanzato con ingenti risorse militari, come l'Esercito popolare di liberazione cinese, il tutto in un contesto di bilancio nel migliore dei casi fisso, nel peggiore in declino. I primi progressi in questo pensiero sono emersi con la pubblicazione lo scorso anno di una nuova dottrina di intervento per il Corpo, basata su unità più piccole, molto più mobili e agili, che agiscono in...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE