Gli Emirati Arabi Uniti si affidano al missile MICA VL NG per le sue corvette Gowind 2500

Nel novembre 2017, gli Emirati Arabi Uniti hanno confermato l'ordine di due corvette Gowind 2500 dal costruttore navale militare francese Naval Group. Se molti degli equipaggiamenti selezionati da Abu Dhabi erano di origine francese, la difesa antiaerea è stata poi affidata alla coppia americana formata dal sistema di lancio verticale VLS Mk41 e dal missile antiaereo ESSM Block 2, la nuova versione dell'erede al passero di mare. Ma secondo il sito Naval News, le autorità degli Emirati hanno cambiato posizione, per rivolgersi al missile francese MICA VL NG del missile MBDA, una nuova versione dello stesso missile terra-aria MICA VL derivato proprio dal...

Leggi l'articolo

La corvetta Gowind 2500 del Naval Group è ancora la preferita nelle competizioni greche

Dopo l'italiana Fincantieri con una versione alleggerita delle fregate leggere classe Doha, e la Lockheed-Martin con la secolare MMSC, tocca ora al britannico Babcock provare ad entrare nella competizione greca per costruire localmente 5 corvette alla greca Marina Militare. Come l'americana Lockheed-Martin, Babcock propone ad Atene la stessa nave offerta nella competizione "Frigate" che ha visto il successo dell'FDI Belharra, in questo caso una versione meno armata ed equipaggiata delle sue 140 tonnellate Fregata ArrowHead 5.700 che è stata trattenuta dalla Royal Navy per la classe Type 31,...

Leggi l'articolo

Infuria la competizione tra Naval Group, Fincantieri e Damen per le corvette greche

Il concorso per la costruzione e la consegna di 5 corvette per la Marina ellenica potrebbe benissimo essere la ripetizione di quello che imperversava sulle fregate, e che vide finalmente Atene arbitrare a favore della Fregata Difesa e Intervento o FDI Belharra del Gruppo Navale lo scorso settembre, dopo due anni di intense trattative e clamorosi capovolgimenti. Come prima, nonostante le avanzate discussioni in merito tra il costruttore francese e le autorità greche, i concorrenti europei e americani di Naval Group sono determinati a non facilitare le trattative, con tante controproposte e...

Leggi l'articolo

Trattative per le corvette Gowind 2500 costruite in Grecia per avanzare rapidamente

Dopo aver seguito con dolore i commenti più spesso faziosi e privi di materiale sulla stampa australiana sul programma sottomarino Shortfin Barracuda, seguiamo le reazioni della stampa greca all'annuncio della scelta delle fregate FDI Belh@ rra per l'ammodernamento di la flotta del paese è più che rinfrescante, poiché l'entusiasmo trabocca dagli articoli di stampa e dai commenti degli stessi greci. Apprendiamo anche, a cavallo di un paragrafo, che la fregata del Gruppo Navale aveva ricevuto, di gran lunga, la migliore valutazione dal Consiglio superiore della Marina ellenica, lasciando poche possibilità di...

Leggi l'articolo

La Grecia sarebbe vicina a ordinare 3 fregate FDI e 3 corvette Gowind 2500 dal gruppo navale francese

Dopo il doloroso episodio australiano, dire che il Gruppo navale francese aveva bisogno di buone notizie per restaurare la sua immagine sarebbe riduttivo. Sembra che questa buona notizia sia prossima ad arrivare, se dobbiamo credere agli account più attivi sui social network della penisola ellenica in quest'area, dal momento che secondo molti di loro Atene e Parigi sono riuscite a un accordo per l'acquisizione di 3 fregate FDI Belh@rra, nonché, e questa è una sorpresa, 3 corvette Gowind 2500, accompagnate da una partnership industriale e strategica che include, come ci si potrebbe aspettare, la costruzione locale di parte delle navi. Tuttavia, devi prendere...

Leggi l'articolo

Quanto valgono le Corvette moderne?

Durante la seconda guerra mondiale, le corvette erano navi di stazza limitata, 1000 tonnellate per la prolifica classe Flower della Royal Navy, destinate a scortare i convogli contro le minacce subacquee e a proteggere le coste. Nel corso degli anni, le corvette sono scomparse dalla maggior parte delle grandi marine moderne, sostituite da fregate più pesanti e versatili o da motovedette missilistiche meno costose, mentre la minaccia sulle coste è svanita e le esigenze di guerra antisommergibile sono state affrontate maggiormente dai sottomarini stessi , e velivoli da pattugliamento marittimo. Tuttavia, negli ultimi anni,...

Leggi l'articolo

Il Mediterraneo è nuovamente un'area di concentrazione delle forze?

Tradizionalmente, quando si pensa ad aree geografiche in tensione dove sono presenti molte forze militari, è comune riferirsi al Medio Oriente e al Golfo Persico, o più recentemente al Pacifico occidentale, soprattutto intorno al Mar Cinese. Il Mediterraneo, ed in particolare il Mediterraneo orientale, che fu tra la seconda guerra mondiale e la fine degli anni Sessanta una delle aree più attive militarmente, è invece scivolato, nella percezione complessiva, verso lo status di un'area sicura, consentendo un notevole traffico commerciale. Ma negli ultimi dieci anni, molte nazioni che si affacciano sul Mediterraneo, così come altre là...

Leggi l'articolo

Nel sud-est asiatico, il numero di sottomarini è aumentato del 300% negli anni 20

Con l'ascesa della flotta cinese, che mira a eguagliare la marina americana entro il 2050, e la politica del fatto compiuto a volte attuata da Pechino, le tensioni navali nel sud-est asiatico sono aumentate da dieci anni. Non sorprende quindi notare che la maggior parte dei paesi della zona sta sviluppando e modernizzando le proprie marine, a volte in modo sostanziale. Al di là del Giappone, delle due Coree, Australia e India, molti Marines, che fino ad allora erano confinati in missioni di difesa costiera e di azione statale in mare, ora ricevono...

Leggi l'articolo

Roma era pronta a vincere al Cairo sulle macerie della cooperazione di difesa franco-egiziana

All'inizio della scorsa settimana, la stampa italiana ha rivelato che l'Egitto sarebbe in trattative per l'acquisizione delle ultime due fregate polivalenti italiane FREMM-GP, la F598 Spartaco Schergat e la F599 Emilio Bianchi. Nella nostra analisi dell'argomento abbiamo evocato le logiche industriali, diplomatiche e operative che potrebbero essere alla base di tale acquisto, ricordando che tali trattative sono per definizione lunghe e incerte. Tuttavia, lo scorso fine settimana, la twittosfera della difesa italiana si è fatta nuovamente travolgere evocando un potenziale mega-contratto da oltre 9 miliardi di euro che sarebbe in trattativa tra Roma e Il Cairo, oltre ai primi due FREMM,...

Leggi l'articolo

Per affrontare la Cina, l'Indonesia è interessata a Rafale e ai sottomarini francesi

Secondo Michel Cabirol sulle colonne del sito economico latribune.fr, la visita del ministro della Difesa indonesiano, Prabowo Subianto, a Parigi all'inizio della settimana avrebbe aperto interessanti opportunità per l'industria della difesa francese nel Paese. Giacarta, infatti, che ha appena aumentato del 16% il budget degli eserciti nel 2020, sarebbe interessata a diversi importanti equipaggiamenti francesi per rafforzare le sue forze armate e per poter dissuadere Pechino da qualsiasi azione per eccesso di fiducia nella regione . Se si tratta, per il momento, solo di discussioni preliminari, la soluzione francese offrirebbe diverse risorse significative per portare avanti la decisione. Secondo le informazioni...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE