Secondo quanto riferito, il trauma uditivo degli equipaggi dei carri armati britannici è collegato agli elmetti dell'esercito britannico

L'esercito britannico ha appena emesso un'ordinanza che limita la durata dell'esposizione del personale blindato a bordo dei veicoli che va da 5 ore per alcuni tipi di veicoli blindati a un massimo di 55 minuti per altri modelli, a causa di un difetto riscontrato riguardante i caschi utilizzati da questi soldati, secondo il quotidiano britannico The Times. Questa misura precauzionale mira a proteggere il personale delle forze armate mentre il numero dei traumi uditivi degli equipaggi corazzati britannici sarebbe aumentato in modo significativo. Sarebbe in corso un'indagine approfondita per stabilire se effettivamente gli elmetti utilizzati dagli equipaggi per comunicare a bordo dei mezzi blindati siano...

Leggi l'articolo

Missione Last Chance del veicolo corazzato britannico Ajax

Per diversi mesi, il programma di veicoli blindati Ajax destinato alle forze armate britanniche è stato oggetto di molte critiche, dopo che importanti problemi tecnici sono stati rivelati dalla stampa d'oltremanica e diverse centinaia di soldati sono rimasti feriti dalle vibrazioni molto elevate e dal livello sonoro all'interno del blindato veicolo quando si muove. Le autorità hanno esitato per un po', non sapendo se il programma doveva essere continuato, per cercare di correggere i difetti a volte paralizzanti osservati, o semplicemente interrotto. Alla fine, la decisione sul futuro del programma è caduta sul direttore delle consegne del programma del...

Leggi l'articolo

L'esercito britannico dovrà abbandonare il programma corazzato dell'Ajax?

A metà degli anni '90, l'esercito britannico decise di sostituire i suoi veicoli corazzati da ricognizione e corazzati specializzati Scorpion, Scimitar, Spartan e Sultan, che erano in servizio dall'inizio degli anni '70 e che stavano iniziando a mostrare chiaramente il peso degli anni in un ambiente mutevole veloce. Tuttavia, è stato solo nel 2010 che, nell'ambito del programma Future Rapid Effect System, il Ministero della Difesa britannico si è espresso a favore dello Scout SV di Lockheed-Martin, con dispiacere di BAe e del suo CV90 che stava già vincendo un vero e proprio successo in Europa. Derivato dal modello ASCOD progettato congiuntamente da Spagna e Austria,...

Leggi l'articolo

Il British Char Challenger 3 (anche) sarà protetto dal sistema Israeli Trophy

Sapevamo che Londra stava progettando di equipaggiare il suo futuro carro Challenger 3, un retrofit del Challenger 2 attualmente in servizio per compensare difetti e obsolescenza e per rendere possibile il collegamento con una possibile sostituzione dal 2035, con un sistema di protezione Hard -Kill per aumentare la sua protezione contro missili anticarro e razzi. Il Ministero della Difesa britannico ha appena confermato che per questo era stato selezionato il sistema di protezione attiva Trophy dell'israeliano Rafael, in questo caso nella sua versione più leggera Trophy MV/VPS. L'esercito britannico sarà quindi il 3° esercito NATO a scegliere il sistema di autoprotezione israeliano,...

Leggi l'articolo

Nuovi partner, nuove capacità: Berlino ha grandi ambizioni per il programma MGCS

Se le prime discussioni sul programma Main Ground Combat System, o MGCS, risalgono al 2012, questo programma destinato a sostituire la componente corazzata pesante in Francia (Char Leclerc) e Germania (carro Leopard 2) è venuto alla ribalta dal 2017 e l'elezione del presidente francese Emmanuel Macron, quando lo integrò con una serie di altri programmi franco-tedeschi tra cui lo SCAF destinato a sostituire i velivoli Rafale e Typhoon, e il MAWS destinato a sostituire i velivoli Maritime Patrol Atlantic 2 e P3C Orion. La coppia franco-tedesca, stimolata dalle tensioni tra Berlino e Washington in seguito all'arrivo di Donald...

Leggi l'articolo

Svelato il nuovo carro armato britannico Challenger 3

Prima della pubblicazione della nuova Revisione strategica integrata, in Gran Bretagna erano circolate molte voci relative a severi tagli ad alcune capacità chiave della difesa britannica. Tra questi c'erano una severa revisione al ribasso del numero di F35 ordinati dalla Royal Air Force, la riduzione del numero di fregate della Royal Navy, nonché l'eliminazione definitiva dei 3 battaglioni di carri armati pesanti che l'esercito britannico, e che sono equipaggiato con il carro pesante Challenger 2. Infine, il carro pesante rimarrà in servizio nell'esercito britannico, poiché il 148 Challenger 2 sarà gradualmente portato a...

Leggi l'articolo

La tecnologia è un sostituto per le masse in difesa?

Dal suo rilascio pubblico la scorsa notte, il nuovo Libro bianco sulla difesa britannica ha fatto scorrere infiniti flussi di inchiostro digitale. Nel mirino della maggior parte dei commenti, molto spesso ostili all'approccio proposto dal governo conservatore di Boris Johnson, la riduzione della manodopera e del volume della forza dell'esercito britannico, che perderà 10.000 uomini per stabilirsi in 70.000 soldati, alcuni dei suoi Carri pesanti Challenger II e tutti i suoi veicoli da combattimento della fanteria Warrior una volta raggiunto il limite di età, ma anche 24 Typhoon di prima generazione della Royal Air Force, o anche...

Leggi l'articolo

L'esercito britannico all'apice di una grande trasformazione

Molti sono quelli che pensano che l'esercito britannico sembri essere il grande perdente degli arbitrati che verranno in Gran Bretagna a seguito della pubblicazione della nuova Integrated Strategic Review. È vero che questo sancisce il ruolo preponderante della Royal Navy e della Royal Air Force nei conflitti e nelle tensioni a venire, e che questi due eserciti sono destinati a ricevere la parte del leone, con la forza dissuasiva, dei 16,5 miliardi di sterline aumento del budget della Difesa promesso da Boris Johnson nei prossimi 4 anni. Inoltre, il clamoroso verbale sullo stato di degrado dei mezzi pesanti...

Leggi l'articolo

Revisione strategica: il Regno Unito guarda al Pacifico e rafforza la sua forza deterrente

Il governo britannico di Boris Johnson ha presentato, il 16 marzo, la prima parte della sua Integrated Strategic Review, che traccia la traiettoria di difesa della Gran Bretagna per gli anni a venire. Londra ha ovviamente scelto una strategia deliberata che rompe con quella applicata dalla fine della Guerra Fredda, per affrontare le sfide strategiche che stanno emergendo in tutto il mondo. Questa prima parte affronta i principali assi strategici che saranno i pilastri dell'evoluzione degli obiettivi e dei mezzi destinati alle forze armate di Sua Maestà nei prossimi anni. La seconda parte, presentata la prossima settimana, specificherà...

Leggi l'articolo

L'esercito britannico si interessa al programma di carri armati MGCS franco-tedesco

I programmi di cooperazione europea sembrano essere al centro delle novità della Difesa all'inizio dell'anno. Infatti, dopo Italia e Polonia, tocca alla Gran Bretagna interessarsi al programma franco-tedesco MGCS, che prevede di progettare e realizzare entro il 2035 un nuovo carro pesante da combattimento in sostituzione del Leopards.2 della Bundeswehr e del Leclerc di l'esercito. Secondo il sito Defensenews.com, le autorità britanniche hanno infatti aperto discussioni con le loro controparti tedesche e francesi su questo argomento, al fine di trovare un sostituto per i suoi carri armati Challenger 2 che rimarranno in servizio all'interno degli inglesi...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE