Joe Biden dà il tono alle relazioni USA-Russia per i prossimi 4 anni

Tra le primissime decisioni prese dal nuovo presidente americano Joe Biden dopo il suo insediamento, la proroga per 5 anni del trattato di limitazione strategica delle armi nucleari tra Stati Uniti e Russia sarà senza dubbio la più attesa dalla comunità della difesa internazionale. Il suo predecessore, Donald Trump, aveva rifiutato per diversi mesi, mentre l'accordo stava per scadere, e questo in linea con la politica che aveva seguito negli ultimi anni, la proposta avanzata da Mosca in questa direzione, ritirando il Stati Uniti dal trattato INF sulle armi nucleari a medio raggio, così come dal trattato...

Leggi l'articolo

La Russia accusa la Germania di non rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari

Nel 1968, un gran numero di paesi ha firmato il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, un accordo sotto l'egida delle Nazioni Unite che obbliga i paesi firmatari a non sviluppare o esportare tecnologie nucleari militari. Seguì una serie di crisi legate al dispiegamento di armi nucleari da parte sia dell'Unione Sovietica che degli Stati Uniti sui territori alleati, creando ciclicamente forti tensioni, la più rappresentativa delle quali fu la crisi dei missili cubani, quando l'Unione Sovietica di Krusciov schierò SS-4 e SS -5 missili nucleari sull'isola comunista caraibica, provocando l'intervento delle forze americane, e 11 giorni di fortissimo...

Leggi l'articolo

La strategia di negoziazione internazionale degli Stati Uniti in un vicolo cieco

Con l'arrivo alla Casa Bianca del presidente Donald Trump, il Dipartimento di Stato, incaricato degli affari esteri, ha profondamente modificato la propria strategia negoziale sulle grandi questioni internazionali, passando da un atteggiamento fermo ma capace di compromessi a posizioni basate sugli equilibri di potere. In soli 4 anni l'amministrazione Trump è riuscita a porre fine al trattato INF che vietava la progettazione e il possesso di sistemi balistici e crocieristici a corto e medio raggio con la Russia, a ritirarsi dal trattato Open Sky consentendo lo svolgimento di voli di ispezione sui paesi firmatari, ma anche per rimuovere...

Leggi l'articolo

Lo sviluppo delle capacità tecnologiche e industriali della Cina preoccupa il Pentagono

Ogni anno, il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti pubblica per il Congresso un rapporto sulla sicurezza e gli sviluppi tecnologici nella Repubblica popolare cinese. Negli ultimi anni, questo rapporto è diventato sempre più pressante sotto molti aspetti, come la costruzione e la rapida attuazione di mezzi di negazione dell'accesso sulle coste cinesi e nel Mar Cinese, l'ampliamento della flotta di Pechino, nonché come i profondi cambiamenti in atto all'interno dell'Esercito popolare di liberazione. Per la prima volta quest'anno, mentre le tensioni tra Washington e Pechino sono...

Leggi l'articolo

La Cina investirà $ 500 miliardi in 10 anni per colmare il suo ritardo nelle armi nucleari

Secondo il sito web statale globaltimes.cn, citando fonti diplomatiche, Pechino ha notificato a Washington il suo rifiuto di partecipare ai negoziati USA-Russia sulla riduzione delle armi nucleari nel parco. Al contrario, la Cina dispiegherà sforzi colossali e senza precedenti per compensare il suo ritardo in termini di armi strategiche nei confronti degli Stati Uniti. C'è da dire che, su questo argomento, la narrativa cinese è particolarmente facile. Con meno di 500 testate nucleari in servizio, Pechino, come Parigi, non gioca oggi sullo stesso percorso di Washington o Mosca, che ne allinea quasi 6000 ciascuna. Inoltre, la Cina non ha gli stessi relè del...

Leggi l'articolo

Il ritiro degli Stati Uniti da Open Skies minaccia il controllo delle armi nucleari e la sicurezza del Baltico

La scorsa settimana, il New York Times ha annunciato che l'amministrazione Trump voleva ritirare gli Stati Uniti dal trattato "Open Skies". Sebbene questo accordo internazionale svolga ora un ruolo minore nel controllo degli armamenti, è ancora altamente simbolico e contribuisce direttamente alla sicurezza di alcuni alleati degli Stati Uniti, in particolare dei paesi baltici. Per la Casa Bianca, il ritiro americano sarebbe giustificato dalla mancanza di trasparenza e dalle ripetute violazioni della Russia nei confronti degli accordi Open Skies, come abbiamo accennato nel nostro precedente articolo sull'argomento. Nel bel mezzo di un anno elettorale, e mentre Donald Trump si presenta ancora come un negoziatore...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE