Dopo il Giappone, la Corea del Sud sceglie l'americano SM-6 per contrastare la minaccia ipersonica

Mentre gli occhi del mondo rimangono puntati sulla guerra in Ucraina, le tensioni nel teatro del Pacifico rimangono molto alte e le principali nazioni coinvolte stanno raddoppiando i loro investimenti e innovazione nel tentativo di avere il sopravvento sui loro potenziali avversari. Così, negli ultimi mesi, le due Coree si sono impegnate in un tiro alla fune sulle rispettive capacità di attacco a lungo raggio, dimostrando successivamente l'efficacia dei loro nuovi missili balistici e da crociera, mentre la Cina ha anche implementato nuove capacità in questo settore, tra cui armi a traiettoria ipersoniche e semibalistiche. Quelli…

Leggi l'articolo

I nuovi missili anti-nave ipersonici della Cina sono un punto di svolta nel Pacifico

La Cina avrebbe potuto rubare la cortesia alla Russia schierando un missile antinave ipersonico a bordo dei suoi nuovi cacciatorpediniere pesanti Tipo 055? In ogni caso, questa è la domanda che si pone a seguito della pubblicazione di foto che mostrano il lancio di un missile identificato come YJ-21 da una di queste navi, suggerendo che il missile potrebbe essere effettivamente in servizio, o almeno in fase di test avanzato . Come se quella notizia da sola non bastasse, sono emerse nuove foto che mostrano un bombardiere navale a lungo raggio H-6N che trasporta anche un missile balistico antinave, che...

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti annunciano la fine dei test dei propri sistemi antisatellite

Il 15 novembre 2021, la Russia ha distrutto il satellite Kosmos-1408 utilizzando un missile anti-satellite, provocando il rilascio di quasi 1500 detriti in un'orbita trafficata, anche dalla Stazione Spaziale Internazionale. Dagli anni '60, non meno di una dozzina di test riusciti sono stati effettuati da Stati Uniti, Unione Sovietica/Russia, Cina e India in questo campo, creando più di 6500 frammenti di detriti spaziali di cui 4500 sono ancora in orbita, minacciando costellazioni di satelliti sia civili che militari. Per Kamala Harris, vicepresidente americana, era ora necessario porre fine a questa escalation, tra cui,...

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti potrebbero presto dimostrare una nuova arma anti-satellite

Nel campo della guerra spaziale si scontrano al Pentagono due scuole di pensiero: quelle favorevoli alla riservatezza assoluta sulla maggior parte dei programmi, così da lasciare all'oscuro il potenziale avversario (Cina o Russia) sulle capacità esistenti e sui programmi in via di sviluppo e coloro che ritengono che la declassificazione di parte di queste informazioni sia essenziale per rafforzare l'effetto deterrente nei confronti di un avversario potenzialmente troppo sicuro di sé. Finora i partigiani della segretezza avevano il vantaggio, e un grave blackout aveva coperto per molti anni le reali capacità spaziali degli eserciti statunitensi, e della sua nuova componente Space Force, sia in campo offensivo...

Leggi l'articolo

La Cina costruirà il terzo sito di lancio di missili nucleari ICBM

All'inizio di luglio 2021 due ricercatori americani hanno evidenziato la costruzione di un vasto sito sugli altipiani di Gunza, tra Mongolia e Tibet, destinato ad ospitare almeno 119 silos in grado di implementare missili balistici intercontinentali ICBM, il primo per Pechino, che fino ad ora aveva schierato solo 2 siti limitati per implementare missili DF-5 di vecchia generazione e che sembrava fare affidamento soprattutto sui suoi nuovi missili balistici intercontinentali mobili DF-41 per rafforzare l'aumento di potenza della sua forza di deterrenza strategica. 3 settimane dopo, la costruzione di un secondo sito, a circa 380 km dal primo, è stata identificata da questi...

Leggi l'articolo

La US Navy distrugge il missile intercontinentale con il missile SM3 dal sistema AEGIS

Questo lunedì, 16 novembre, la Marina degli Stati Uniti è riuscita, utilizzando un missile antibalistico SM3-IIA, ad intercettare e distruggere un missile balistico con la traiettoria di un ICBM, un missile intercontinentale. Il test si è svolto nel Pacifico vicino alle Hawaii e ha coinvolto il cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke John Finn, che, utilizzando il suo sistema Aegis Baseline 9, ha rilevato il missile balistico bersaglio lanciato dal Centro sperimentale Ronald Reagan sull'atollo di Kwajalein, quindi lo ha distrutto con un missile SM3-IIA appena lanciato. Questa dimostrazione è un vero successo, sia per la US Navy che per Raytheon, designer e...

Leggi l'articolo

Pechino utilizza missili ipersonici DF-17 per aumentare la pressione su Taiwan

L'annessione con la forza dell'isola indipendente di Taiwan sembra diventare una delle principali preoccupazioni dei leader cinesi e dell'Esercito popolare di liberazione, che moltiplicano le dichiarazioni e le azioni prendendo come cornice tale ipotesi. L'ultima azione non è altro che il presunto dispiegamento di batterie di missili terra-superficie DF-17 vicino alle coste sud-orientali del Paese per poter colpire Taiwan in brevissimo tempo se necessario, il DF-17 presentato come un missile ipersonico. Il sito web statale in lingua inglese globaltimes.cn, che trasmette informazioni dai media taiwanesi e di Hong Kong, ha effettivamente...

Leggi l'articolo

Difesa antimissile: il Giappone annulla l'acquisto di due sistemi Aegis a terra

Nel dicembre 2017, il Giappone ha approvato la costruzione di due siti di difesa antimissilistica Aegis Ashore per contrastare la minaccia balistica proveniente dalla Corea del Nord, ma anche dalla Cina. Particolarmente strategici per la politica di deterrenza giapponese, questi due sistemi Aegis Ashore dovevano consentire di coprire l'intero territorio giapponese grazie ai missili SM-3 Block IIA a lunghissimo raggio. La scorsa settimana, tuttavia, il Giappone ha annunciato di voler abbandonare questa acquisizione. L'argomento addotto è il rischio rappresentato dal primo stadio (booster) del missile SM-3, che potrebbe cadere su un'area popolata in determinate configurazioni di tiro. Modifica i missili per evitare tali...

Leggi l'articolo

La messa in servizio del sistema antimissile Aegis a terra in Polonia è stata nuovamente posticipata di due anni

L'entrata in servizio operativo del sito di difesa antimissile balistico della NATO in Polonia è stata nuovamente posticipata di due anni. Inizialmente prevista per il 2018, poi per il corso del 2020, la consegna del sito polacco di Aegis Ashore non è finalmente prevista prima del 2022 per difficoltà legate alla realizzazione degli edifici. Il sistema Aegis Ashore è una versione terrestre del sistema di difesa aerea a lungo raggio AEGIS che si trova a bordo di incrociatori e cacciatorpediniere americani delle classi Ticonderoga e Arleigh Burke, nonché su alcuni spagnoli, sudcoreani, australiani o addirittura giapponesi. Il…

Leggi l'articolo

Il missile balistico ritorna dalle ceneri?

Durante la Guerra Fredda, il missile balistico, dotato o meno di testate nucleari, era considerato un'unità di riferimento per la determinazione della potenza militare di un Paese. All'epoca non esisteva un sistema in grado di intercettare efficacemente questo tipo di ordigni, il cui solo possesso rappresentava quindi una minaccia esistenziale per tutti gli Stati entrati nel raggio del missile. È per questo motivo che due delle principali crisi di questo periodo, la crisi di Cuba nel 1962, e quella degli Euromissili nel 1983, sono risultate dall'impiego di queste macchine vicino ai confini degli Stati. Con l'entrata in servizio, presso il...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE