La Russia continua gli sforzi per modernizzare la sua forza navale

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, la Marina russa ha vissuto un lungo periodo di scarsità, vedendo le sue navi non mantenute e le nuove unità arrivare alla grande, quando sono arrivate. Alla fine degli anni 2000 la situazione operativa era addirittura catastrofica, con la maggioranza delle navi inadatte al combattimento, se non alla navigazione. Fu a questo punto che Mosca prese la decisione di iniziare a modernizzare la sua flotta, prima acquisendo nuovi modelli di motovedette e corvette ben armate, come Buyan e Buyan-M, e sottomarini convenzionali Improved Kilo, mentre intraprendeva un vasto piano di…

Leggi l'articolo

Arleigh Burke, Kongo, Super Gorshkov: Modern Destroyers - Parte 2

Questo articolo segue l'articolo “Hobart, Type 52D, Sejong le Grand: modern destroyers – Part 1” pubblicato il 24 maggio 2021, che presentava la Hobart (Australia), Type 052D/DL (Cina), Sejong le Grand (Corea del Sud). ) e Calcutta (India). La seconda parte completa questo pannello delle 8 classi principali di Modern Destroyers, con la classe Kongo (Giappone), Arleigh Burke (Stati Uniti), Daring (Regno Unito) e 22350M Super Gorshkov (Russia). Classe Kongo (Giappone, 4+2+2 unità) Le Forze di autodifesa navali giapponesi sono considerate la 3a flotta più potente al mondo, alla pari della Russia e seconde solo alla Marina degli Stati Uniti...

Leggi l'articolo

Tipo 31, FDI, Gorshkov: quanto valgono le fregate oggi?

Oggi, la fregata rappresenta la nave da combattimento di superficie d'eccellenza per le marine di prima classe, combinando la versatilità dei loro sensori con sistemi d'arma avanzati per garantire un'ampia gamma di missioni, dalla scorta al controllo degli spazi marittimi, e talvolta anche negazione dell'accesso e scioperi a terra. In questo articolo analizzeremo alcune delle principali classi di fregate moderne di medio tonnellaggio, destinate a diventare la spina dorsale di molte marine nel mondo, per confrontarle tra loro ma anche per affinare la percezione degli equilibri tecnologici di potere e militari sul campo...

Leggi l'articolo

La marina russa vuole più fregate di classe 22350, ammiraglio Gorshkov

Dall'entrata in servizio della prima fregata del progetto 22350, la fregata Admiral Gorshkov, si susseguono annunci per aumentare il numero. Inizialmente prevista per sole 4 unità, la classe è stata continuamente ampliata, prima nell'aprile 2019 con la costruzione di 2 unità aggiuntive, questa volta dotate non di 16 ma di 24 silos UkSK che possono ospitare missili lunghi quanto il P-800 Onyx, l'ipersonico 3M22 Tzirkon e il missile da crociera 9M54 Kalibr, pur conservando i 32 silos per i missili antiaerei del sistema Poliment-Redut. Pochi mesi dopo, a settembre 2019, il Ministero della Difesa...

Leggi l'articolo

Moderne navi da combattimento russe di acque profonde

Mentre la Marina russa fa spesso notizia della sua flotta di sottomarini, la sua flotta da combattimento di superficie sta ora subendo un pieno risveglio e ha nuove capacità che probabilmente porranno problemi significativi alla NATO e alla sua forza navale di primo piano. Questa panoramica delle unità di combattimento di superficie in alto mare della Marina russa ci consentirà di comprendere le loro capacità e le sfide. Incrociatori di classe Kirov (2) L'entrata in servizio dell'incrociatore Kirov nel 1980 preoccupò così tanto la US Navy che decise di riattivare le 4 corazzate di classe Iowa ereditate dalla seconda guerra mondiale, per riequilibrare gli equilibri di potere...

Leggi l'articolo

Vladimir Putin traccia la traiettoria per la modernizzazione della Marina russa negli anni a venire

In occasione dei 14 incontri de La Défense, tenutisi a Sochi, il Presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, ha definito gli assi principali per l'ammodernamento della Marina russa negli anni a venire, rientrando nell'attuale legge di programmazione da Dal 2019 al 2027. Durante i periodi precedenti, la Marina russa era stata alquanto trascurata, poiché gli investimenti si erano concentrati sulla costruzione di motovedette e corvette lanciamissili leggeri, sottomarini 636.3 Kilo migliorati, sviluppo del programma Borei e del missile strategico Bulava . Con la scomparsa del Trattato INF, la Russia farà meno ricorso a questo...

Leggi l'articolo

Le fregate dell'ammiraglio Gorshkov segnano il rinnovamento dell'industria navale e della marina russa

Dopo una costruzione che richiederà quasi 10 anni, la fregata Admiral Kasanotov, prima unità di produzione del progetto classe Admiral Gorshkov 22350, ha iniziato le sue prove in mare per la Marina russa, prima di entrare in servizio che dovrebbe aver luogo prima della fine del anno. Dopo quasi tre decenni di vacche magre e difficoltà, l'imminente entrata in servizio della nuova fregata segna il ritorno dell'industria navale militare russa sul mercato delle unità d'alto mare e consente alla Marina russa di iniziare il rinnovo delle sue navi ereditate da il periodo sovietico. Con un calibro...

Leggi l'articolo

Il programma "Super Gorshkov" diventa più chiaro

Secondo un articolo dell'agenzia TASS, le future fregate "pesanti" del progetto 22350M "Super Gorshkov" saranno equipaggiate con 48 missili "lunghi", ovvero un mix di missili da crociera Kalibr, missili anti-nave Onyx e ipersonici Zirkon missili, nonché un sistema Poliment-Redut, una versione navale dell'S350 che entra in servizio quest'anno nelle forze russe, equipaggiato con 100 missili. Se questi valori saranno confermati, queste fregate saranno quindi equipaggiate con quasi 150 missili in un silo, per un edificio del peso di "solo" 7000 tonnellate, ovvero l'equivalente delle fregate Horizon della Marina francese, che trasportano 48 Aster anti- missili aerei in silos e...

Leggi l'articolo

Quando il ministro della Difesa russo fa il punto della sua azione

Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigou, ha presentato, durante un discorso al Comitato di difesa della camera bassa della Duma, una valutazione degli sviluppi intrapresi ed efficaci negli eserciti russi dal 2012, cioè al momento del suo insediamento. E questa valutazione è a dir poco positiva, per non dire lusinghiera. Così, mentre nel 2012 le forze di combattimento russe erano limitate a 16 brigate, a loro volta spesso parzialmente equipaggiate, oggi conta 136 battaglioni su 200 composti da personale militare sotto contratto, ovvero più di 65 brigate e reggimenti. Nello stesso periodo, gli eserciti avranno percepito...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE