Per Berlino, il futuro del programma di pattugliamento marittimo MAWS è nelle mani di Parigi

Nel settembre 2017 il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel hanno annunciato una partnership senza precedenti tra Francia e Germania nel campo dell'industria della difesa, al fine di dare quella che è stata poi presentata come una visione condivisa per la costruzione di un'Europa de La Défense trovando il suo perno nella coppia franco-tedesca. Accanto agli ormai famosi programmi SCAF per lo sviluppo della sostituzione dei velivoli da combattimento Rafale e Typhoon, e MGCS per sostituire i carri pesanti Leclerc e Leopard 2, c'era anche il programma Maritime Airborne Warfare System, o MAWS, che doveva farlo possibile progettare il…

Leggi l'articolo

Il probabile fallimento dello SCAF è stato pianificato da Berlino per molto tempo?

Che si tratti di autorità industriali, militari o persino politiche, oggi non ci sono quasi voci in Francia o Germania che sperano che il programma Future Air Combat System, o SCAF, mantenga il suo termine. Anche il Ministero delle Forze Armate francese, voce delle ambizioni di cooperazione europea e franco-tedesca dell'Eliseo da più di 5 anni a questa parte, non è rassegnato, ma quantomeno discreto, addirittura scettico sull'argomento. Questo fallimento in divenire, che ora sembra quasi inevitabile, viene spesso presentato come la conseguenza di un'opposizione industriale tra Dassault Aviation e Airbus Defence & Space in merito al Next...

Leggi l'articolo

Anche la Deutsche Marine potrebbe beneficiare dell'aumento dello sforzo di difesa tedesco

Informazioni importanti: un problema tecnico ha impedito agli abbonati di rinnovare l'abbonamento con lo stesso indirizzo e-mail. Il problema ora è risolto. Dall'annuncio dell'attuazione di uno sforzo eccezionale da parte di Berlino per modernizzare le sue forze armate, che ha portato a un budget di investimento di 100 miliardi di euro presentato dal cancelliere Olaf Scholz pochi giorni dopo l'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, molti programmi sono stati lanciati in tutta il Reno per la Luftwaffe (velivoli F-35 e Typhoon ECR, elicotteri CH-47F, SCAF, Eurodrone) e per la Bundeswehr (VCI Marder, munizioni, difesa antiaerea -aria e antimissilistica..). D'altra parte, la Deutsche Marine...

Leggi l'articolo

Non sorprende che Berlino si stia avvicinando all'acquisizione dell'americano P8A Poseidon

Interpellato da un parlamentare in merito alla sostituzione del pattugliatore marittimo P3 Orion ancora in servizio presso le forze tedesche, il rappresentante del ministero della Difesa presso il Bundestag, Thomas Silberhorn, ha dichiarato che il ministero non ha tenuto in considerazione l'offerta francese relativa ad un provvedimento provvisorio soluzione basata sul prestito di 4 velivoli Atlantique 2 dalla Marina francese come soluzione adattata alle esigenze delle forze armate tedesche in quest'area, mentre l'acquisizione di 5 Boeing P8A Poseidon soddisfa le aspettative operative dello Stato-Maggiore tedesco. Secondo lui, le trattative per l'acquisizione di questi dispositivi, un contratto valutato dal...

Leggi l'articolo

La Marina degli Stati Uniti convalida molti aspetti della cooperazione con i droni durante l'esercizio UxS IBP

La Marina degli Stati Uniti si aspettava molto dall'esercitazione Pacific Fleet Unmanned Systems Integrated Battle Problem 21, o UxS IBP, che fu il primo esperimento su vasta scala riguardante l'uso di droni e navi e aerei con equipaggio in campo navale. Ora sappiamo di più sulla natura degli esercizi che sono stati effettuati, e sui risultati, che sembrano molto promettenti, ottenuti, e questo in vari campi che vanno dal lancio di missili anti-nave oltre l'orizzonte allo schieramento da un sciame di droni antinave, a una simulazione di caccia ai sottomarini. I risultati ottenuti consentiranno all'ammiraglio Gilday, capo delle operazioni navali degli Stati Uniti...

Leggi l'articolo

La Norvegia dà accesso agli Stati Uniti a determinate basi aeree e navali

Con il rafforzamento militare della Flotta del Nord russa, divenuta recentemente un distretto militare a sé stante, le esigenze di sorveglianza e difesa lungo la rotta del mare artico intorno alla Norvegia sono notevolmente aumentate negli ultimi anni, per tornare ai livelli conosciuti durante la Guerra Fredda . Inoltre, Mosca ha compiuto notevoli sforzi per aumentare la sua presenza militare nell'Artico, sia per proteggere il dispiegamento della sua flotta di sottomarini con missili balistici a propulsione nucleare che, poche settimane fa, conducendo un'esercitazione di fuoco simultanea guidata da...

Leggi l'articolo

La Francia offre il prestito di 4 Avions Atlantique 2 alla Germania come soluzione in attesa

Questo, è improbabile che i tedeschi lo abbiano visto arrivare! Non torneremo sulla situazione più complessa che attualmente si oppone a Francia e Germania in merito ai vari programmi di cooperazione in materia di difesa lanciati in contemporanea con l'arrivo del presidente Macron all'Eliseo, mentre i rapporti tra Berlino e Washington erano al peggio con quelli di Donald Trump ripetuti attacchi contro la mancanza di desiderio di Berlino di investire nella sua difesa e di acquisire attrezzature prodotte negli Stati Uniti. Dall'arrivo di Joe Biden alla Casa Bianca, la situazione è però molto cambiata per Berlino, che...

Leggi l'articolo

India sotto minaccia di sanzioni da parte dell'amministrazione Biden per l'acquisto di S400

Finora, la legislazione CAATSA, utilizzata per sanzionare i clienti chiave della difesa degli "avversari degli Stati Uniti", come la Russia, era stata principalmente spinta dall'amministrazione Trump a far fare marcia indietro alle capitali prese di mira nei negoziati con Mosca. Ma molti di loro, come Ankara, Il Cairo o Nuova Delhi, sfidarono apertamente Washington acquisendo sistemi antiaerei S-400 o caccia Su-35 di fabbricazione russa. Sebbene sia stato l'ideatore della legislazione, Donald Trump non ha mai utilizzato questa legislazione per sanzionare un paese durante il suo mandato presidenziale. E ci volle il deciso intervento del Congresso americano...

Leggi l'articolo

Nuova tensione tra Cina e India sull'Himalaya

La situazione è tornata ad essere tesa tra forze cinesi e indiane nella regione himalayana del Ladakh, a livello della zona di demarcazione che è di fatto il confine tra i due Paesi. Secondo una dichiarazione rilasciata dal Ministero della Difesa indiano, le forze cinesi avrebbero iniziato, nella notte dal 19 al 30 agosto 2020, unilateralmente un movimento di forze lungo la sponda meridionale del lago Pangong Tso, rompendo lo status quo immesso posto a seguito degli scontri tra i militari dei due paesi lo scorso maggio. Immediatamente anche le forze armate indiane hanno preso posizione per rafforzare...

Leggi l'articolo

Nonostante l'accordo di recesso, Cina e India rafforzano le loro posizioni sull'Himalaya

Il rumore degli stivali sta iniziando a diventare assordante in quest'anno 2020, poiché le crisi regionali e internazionali stanno crescendo rapidamente e stanno emergendo conflitti armati potenzialmente importanti. E se le tensioni sino-indiane sugli altipiani himalayani del Ladakh non fanno notizia sui media europei, rappresentano comunque le premesse di un conflitto tra le due maggiori nazioni del mondo dal punto di vista demografico, inoltre entrambe hanno il nucleare Armi. Un simile confronto avrebbe, senza dubbio, conseguenze incalcolabili sull'economia mondiale… Ovviamente, di fronte alla ripresa dei Campionati Europei di calcio….…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE