Quanti Rafale schiereranno le forze aeree francesi nel 2030?

All'inizio di questa settimana, il Ministero delle Forze Armate ha annunciato che un nuovo ordine per 42 aerei da combattimento Rafale sarà collocato nell'anno di bilancio 2023. Ciò era previsto, poiché in linea con la legge di programmazione militare 2019-2025 e in linea con la obiettivi della revisione strategica del 2017. Tuttavia, a causa del rinvio delle consegne dal 2016 per liberare capacità industriali per l'esportazione, ma anche per sbloccare i crediti di investimento necessari altrove, nonché per la vendita di 12 Rafale di seconda mano alla Grecia nel 2020, poi 12 aerei per la Croazia nel 2021, tutti prelevati dal...

Leggi l'articolo

LPM 2023: la Francia vuole dare alle sue Forze Armate i mezzi necessari per far fronte alle nuove minacce

Dopo l'elezione di François Hollande a Presidente della Repubblica nel 2013, il nuovo governo di Jean-Marc Ayrault si è impegnato a progettare una nuova legge di programmazione militare, con l'obiettivo chiaramente dichiarato di ridurre al minimo indispensabile la spesa militare in questo settore. È in questo contesto che i servizi del Ministero delle Finanze di Bercy si sono impegnati a proporre il famoso "Piano Z", volto a limitare le forze armate francesi a un corpo di spedizione di 60.000 uomini per operazioni esterne, e a dissuadere dal trattare le minaccia poi percepita come particolarmente diffusa, nonostante i numerosi avvisi che hanno mostrato...

Leggi l'articolo

Quali sono le 5 criticità della prossima legge francese sulla programmazione militare?

Il giorno dopo l'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, la maggioranza dei francesi ha scoperto, o riscoperto, in modo molto brutale, il ruolo delle forze armate nell'assicurare ciò che avevano dato per scontato per diversi decenni, ovvero la loro sicurezza. Nel tentativo di rassicurare l'opinione pubblica e di occupare uno spazio mediatico trascurato dai politici sullo sfondo delle elezioni presidenziali e legislative, gli eserciti francesi hanno quindi moltiplicato le comunicazioni, cercando di presentare ai francesi un volto confortante, in particolare insistendo su detti esercizi “ad alta intensità”, termine che è apparso anche improvvisamente nelle discussioni, anche sui set…

Leggi l'articolo

Quali saranno le priorità della prossima legge francese di programmazione militare?

Fino all'inizio dell'intervento russo in Ucraina, l'esecutivo francese aveva una parola d'ordine e una sola riguardante lo svolgimento dello sforzo di difesa: Tutta la Legge di Programmazione Militare 2019-2025, ma quella LPM 2019-2025. Progettata sulla base della Revisione strategica del 2017, a sua volta fortemente vincolata dal Libro bianco del 2013, la LPM 2019-2025 mirava a riparare i notevoli danni derivanti da due decenni di sotto-investimenti negli eserciti francesi, anche se la pressione operativa rimaneva molto alto. È chiaro che in 5 anni la situazione degli eserciti è notevolmente migliorata, con un budget annuo aumentato di 8,5 miliardi di euro, ovvero...

Leggi l'articolo

Gli eserciti francesi (anche) hanno bisogno di un piano di ricapitalizzazione da 100 miliardi di euro

A pochi giorni dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha presentato al Bundestag, il parlamento tedesco, un piano per investire una busta di 100 miliardi di euro destinata a riparare alcune delle più critiche rilevate all'interno della Bundeswehr, impegnando al contempo un dinamica al fine di portare lo sforzo di difesa del Paese oltre la soglia del 2% del PIL richiesta dalla NATO entro il 2025. Da allora, la stragrande maggioranza dei Paesi europei, membri o meno della NATO, ha annunciato un aumento significativo del proprio i propri sforzi di difesa, tutti impegnandosi, più a lungo...

Leggi l'articolo

F Gouttefarde, JC Lagarde, JL Thériot: questi deputati uscenti necessari per la Commissione nazionale di difesa e forze armate

All'interno dell'Assemblea nazionale francese, la Commissione per la difesa nazionale e le forze armate è lungi dall'essere la commissione più popolare tra i deputati. Essendo la funzione sovrana per eccellenza un dominio riservato dell'Eliseo, è difficile brillarvi, o affermare una voce alternativa o semplicemente costruttiva, di fronte alla doxa imposta dalla Presidenza della Repubblica e dal Ministero delle Forze Armate . . In effetti, è raro che i parlamentari, della maggioranza o dell'opposizione, svolgano un ruolo significativo. Tuttavia, durante la precedente magistratura, diversi deputati sapevano, dal loro...

Leggi l'articolo

Il presidente Macron annuncia la rivalutazione della legge sulla programmazione militare e un maggiore sforzo in difesa

Durante il discorso di inaugurazione della mostra Eurosatory, il presidente francese ha annunciato che erano stati avviati i lavori in vista di un aumento dello sforzo di difesa francese per far fronte agli sviluppi geopolitici di quest'ultimo, e che i risultati dovrebbero emergere da poche settimane qui . Mentre la stragrande maggioranza delle cancellerie europee aveva annunciato un aumento significativo dei propri investimenti nella difesa a seguito dell'offensiva russa in Ucraina, le autorità francesi, dal canto loro, erano rimaste sorprendentemente discrete sull'argomento. In occasione dell'inaugurazione della mostra Eurosatory 2022, il più importante incontro mondiale sugli armamenti terrestri che si tiene…

Leggi l'articolo

Dopo 100 giorni di guerra in Ucraina, la Francia non ha ancora adattato i suoi sforzi e le sue ambizioni di difesa

Informazioni importanti: un problema tecnico ha impedito agli abbonati di rinnovare l'abbonamento con lo stesso indirizzo e-mail. Il problema ora è risolto. Come l'attacco alla Polonia nel 1939 da parte della Germania nazista, e quello di Pearl Harbor da parte della flotta imperiale giapponese nel 1941, l'avvio dell'"operazione militare speciale" russa in Ucraina, il 24 febbraio 2022, ha preso i leader occidentali, compreso il Regno Unito. Stati, a sorpresa, in particolare a livello strategico. Non solo questo ha segnato il ritorno della guerra ad alta intensità, ma ha coinvolto una delle due potenze nucleari più importanti del pianeta. Peggio ancora, lei aveva...

Leggi l'articolo

Perché uno sforzo di difesa del 2% del PIL è insufficiente per la Francia?

Al suo arrivo all'Eliseo nel 2017, il nuovo presidente Emmanuel Macron ha compiuto un grande sforzo per portare lo sforzo di difesa della Francia al 2% del suo prodotto interno lordo, come la Francia si era impegnata nel 2014 durante il vertice della NATO a Cardiff. Per raggiungere questo obiettivo, il nuovo esecutivo ha attuato una nuova legge di programmazione militare dal 2019 al 2025 volta a raggiungere questo obiettivo, nonché a riparare le numerose e talvolta drammatiche carenze di cui soffrivano gli eserciti francesi dopo 20 anni di sottoinvestimenti di un attività operativa particolarmente pesante. Questo era un paradosso per questo periodo designato...

Leggi l'articolo

The Defense Base, la risposta ai vincoli francesi in termini di spesa per la difesa

Nel novembre 2018, a seguito di un articolo di Michel Cabirol per il sito economico La Tribune, il progetto Socle Défense aveva brevemente attirato l'attenzione dei media e della politica, al punto da essere oggetto di un argomento nelle 20 ore di Francia 2. Mentre lo Strategico Revisione e Legge di programmazione militare in preparazione, questo progetto proponeva di fare affidamento su una nuova architettura di finanziamento attraverso il risparmio e un modello di noleggio di attrezzature per la difesa, che consentisse di aumentare gli investimenti della difesa oltre il 2,65% del PIL, soglia definita dalla Base di Difesa per consentire alla Francia di...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE