Joe Biden rinuncia alla dottrina del "nessun primo utilizzo" per le armi nucleari americane

Se la dottrina dell'uso delle armi nucleari nelle democrazie è un argomento fortemente politico, è chiaro che per cinquant'anni queste sono cambiate poco, sia in Francia, in Gran Bretagna come negli Stati Uniti. Durante l'ultima campagna presidenziale americana, il candidato Joe Biden ha promesso di incorporare una regola ferma sull'uso di queste armi se fosse stato eletto, rinunciando ad esse se non attaccato da altre armi nucleari. E poiché ce n'erano molti prima di lui, Joe Biden alla fine smise di implementare una tale dottrina, attenendosi alla dottrina molto tradizionale dell'uso ...

Leggi l'articolo

Gli Emirati Arabi Uniti sospendono i negoziati di acquisto dell'F-35

Poi, nel bel mezzo della campagna elettorale per la sua rielezione alla Casa Bianca, Donald Trump ha segnato un duro colpo nell'estate del 2020 annunciando la firma di un accordo di pace tra Emirati Arabi Uniti e Israele, accordo che è stato presto si unirono ad altre monarchie sunnite del Golfo nel tentativo di normalizzare le relazioni con lo stato ebraico dopo diversi decenni di tensioni sulla causa palestinese. Se i punti di convergenza sono stati numerosi, in particolare per quanto riguarda il potenziale rischio posto dal programma nucleare iraniano, gli Emirati Arabi Uniti hanno colto l'occasione per negoziare con Donald Trump la vendita delle tecnologie di Difesa finora riservate...

Leggi l'articolo

I Metavers, una questione di difesa e sicurezza critica nel medio termine

Il 28 ottobre il presidente di Facebook, Mark Zuckerberg, ha annunciato il lancio di un vasto programma volto a fare della sua azienda, ribattezzata in questa occasione "Meta" il pilastro globale nel campo del Metaverse. Pur non essendoci stati, a rigore, annunci precisi durante questa conferenza stampa, né in termini di progetto né in termini di tempistica, questa ambizione segna chiaramente l'inizio di una fase successiva nell'evoluzione del legame che tutti possono avere con digitale. In quanto tale, il Metaverso porta molte opportunità in termini di difesa per chi sa coglierle, ma anche...

Leggi l'articolo

Perché la Germania favorisce la partnership strategica con gli Stati Uniti?

Nelle ultime settimane, le relazioni franco-tedesche attorno ai programmi di cooperazione industriale della difesa hanno iniziato a somigliare allo scenario di una brutta serie sudamericana, con la sua quota di colpi di scena artificiali e dichiarazioni destinate a essere clamorose sotto forma di cliffhanger. Gli ultimi avvenimenti fino ad oggi, l'amara constatazione da parte dei funzionari francesi delle difficoltà incontrate nelle discussioni intorno al programma Tiger 3, con l'obiettivo di una possibile acquisizione di elicotteri AH-64E Apache da parte di Berlino attraverso l'Atlantico, e le profonde divergenze che si oppongono la visione francese della visione tedesca sul programma dei carri armati di nuova generazione MGCS. Sembra che lì…

Leggi l'articolo

Secondo quanto riferito, Israele, Arabia Saudita, Bahrein e Emirati Arabi Uniti discutono di alleanza militare contro l'Iran

Il nemico del mio nemico è mio amico, dice un proverbio italiano. Ed è vero che non c'è niente di più efficace di una minaccia pressante e importante per portare nazioni a cui tutto finora si è opposto, a scoprire legami e formare alleanze. Si pensa naturalmente agli Stati Uniti e all'Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale, ma tali esempi sono disseminati nella storia dell'umanità, al di là dei continenti, delle epoche e delle culture. Tuttavia, immagina solo pochi mesi fa che Gerusalemme, Riyadh, Abu Dhabi e Manama potessero negoziare, anche se non ufficialmente, un'alleanza militare al di fuori della supervisione americana,...

Leggi l'articolo

Su-35, S-400… L'Arabia Saudita fa pressione su Washington

Il 28 gennaio, pochi giorni dopo il suo giuramento, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato che avrebbe sospeso il sostegno degli Stati Uniti all'intervento militare in Yemen guidato dalla coalizione guidata da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti. . In concomitanza, furono sospesi anche diversi contratti di armi, in particolare per quanto riguarda bombe guidate per Riad e l'acquisizione di F35 e MQ9B Gardian da parte di Abu Dhabi. Anche se la decisione presidenziale è stata immersa in un contesto diplomatico, spiegando che spettava alla nuova amministrazione esaminare questi contratti, alcuni dei quali sono stati firmati appena un'ora prima della fine del suo mandato presidenziale da...

Leggi l'articolo

Quale sarà la strategia di Joe Biden per la NATO e l'Europa?

Molte cancellerie europee hanno appreso dell'elezione di Joe Biden alla Casa Bianca con sincero sollievo, poiché i rapporti con il suo predecessore erano così tesi e difficili. Donald Trump non aveva mai nascosto il suo disprezzo per la NATO e per quegli europei che "hanno beneficiato della protezione americana" senza pagarne il prezzo. Con l'eccezione di alcuni paesi, come la Polonia, che si è schierata troppo apertamente con l'ex presidente, e che ora deve mantenere un atteggiamento discreto in attesa del tempo per svolgere il suo lavoro, molti leader del vecchio continente hanno accolto con favore l'arrivo di Joe Biden alla guida degli Stati Uniti in generale...

Leggi l'articolo

La strategia di Pechino per conquistare Taiwan può essere contrastata?

"L'indipendenza di Taiwan significa guerra". È in questi termini inequivocabili che Wu Qian, portavoce del Ministero della Difesa della Repubblica popolare cinese, conclude venerdì 29 gennaio un briefing alla stampa cinese sulle ripetute manovre ed esercitazioni svolte dall'Esercito popolare di liberazione, le sue forze aeree e navali, nei giorni scorsi nel Taiwan Pass e nel Mar Cinese. E per chiarire che finché il DDP, il partito indipendentista al potere dal 2016 sull'isola, continuerà a rifiutare la reintegrazione di Taiwan in Cina, le tensioni con Taipei e i suoi alleati andranno...

Leggi l'articolo

Social Warfare, questa nuova minaccia contro le democrazie occidentali

L'assalto al Campidoglio da parte di un gruppo di rivoltosi il 6 gennaio, a margine della fine del mandato di Donald Trump, ha avuto l'effetto di una scossa elettrica per tutte le capitali occidentali. Improvvisamente, la minaccia cospirativa, che fino a quel momento era stata considerata un epifenomeno, certamente grave, ma limitato nei suoi potenziali danni, è stata spinta al rango di minaccia maggiore per la sopravvivenza stessa della Democrazia e dello Stato di diritto. Da quel momento in poi, tutti i capi di stato occidentali si sono impegnati ad agire per cercare di controllare questa minaccia manipolata da alcuni politici senza scrupoli e da alcune persone il cui status di guru sociale è lusinghiero...

Leggi l'articolo

La Cina autorizza la Guardia Costiera a usare la forza anche in acque "contestate"

Mentre l'attenzione dei media questo fine settimana si è concentrata sulle conseguenze della crisi del Covid, sui primi passi di Joe Biden come presidente e sulle proteste pro-Navalny in Russia, le tensioni nel Pacifico occidentale sono tornate al loro livello prima della crisi politica che ha colpito gli Stati Uniti durante il Elezioni presidenziali. Allo stesso tempo, 18 aerei dell'Esercito popolare di liberazione, inclusi diversi bombardieri strategici H-6K e cacciabombardieri J-16, sono entrati nella zona di difesa aerea dell'isola di Taiwan, provocando l'allerta dell'aviazione indipendente dell'isola. Allo stesso tempo, la Marina degli Stati Uniti si stava schierando in mare...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE