La Difesa britannica vedrà il suo budget crescere di 24 miliardi di sterline nei prossimi 4 anni

La Gran Bretagna è un paese di contrasti e la sua classe politica, come il clima, a volte può riservare grandi sorprese. Così, dopo 3 mesi di voci e timori relativi al futuro budget destinato alla Difesa del Regno, e alle probabili conseguenze degli assi strategici che saranno definiti dalla prossima revisione strategica, il governo di Boris Johnson ha preso la decisione di impegnarsi in uno sforzo senza precedenti per 30 anni attraverso la Manica per fornire agli eserciti britannici i mezzi per svolgere le loro missioni. In termini concreti, il budget delle forze armate aumenterà gradualmente di 24 miliardi di sterline nei prossimi 4 anni, uno sforzo di...

Leggi l'articolo

L'impostazione della rete 5G di Huawei potrebbe compromettere la cooperazione militare tra Londra e Washington

A priori, non c'è alcuna relazione tra il dispiegamento di una rete di telecomunicazioni civili 5G e gli accordi di difesa tra due partner storici come Regno Unito e Stati Uniti. Tuttavia, in un clima di guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, l'amministrazione Trump non manca di fare pressione sul suo più stretto alleato oltre che sui suoi potenziali nemici. Come riportato dal Telegraph, un certo numero di senatori americani vorrebbe introdurre nel NDAA (National Defense Authorization Act) una clausola che vieti il ​​parcheggio degli aerei sulle basi di un paese ospitante facendo appello a appaltatori rischiosi per la sua...

Leggi l'articolo

Gli oggetti collegati Trojan sono nelle mani dell'FSB?

La domanda può sembrare molto propagandata, tuttavia è lecita, se dobbiamo credere alle pubblicazioni fatte dal collettivo di hacker russi Digital Revolution sul proprio account Twitter. E a sostegno delle sue affermazioni, pubblica in una cartella condivisa diversi documenti word e una serie di screenshot presi, secondo loro, su server appartenenti all'FSB, i servizi di intelligence e sicurezza russi. I documenti presentati mostrano l'esistenza di una suite di strumenti di hacking basati sul BotNet Fronton, e specializzati nel prendere il controllo degli oggetti connessi per trasformarli in piattaforme di attacco in Denial of Access, o DDOS, server...

Leggi l'articolo

Il vecchio PC della Bundeswehr venduto usato conteneva ancora informazioni riservate

L'informazione ha suscitato scalpore attraverso il Reno. Gli specialisti della sicurezza informatica della società G-Data, con sede nella città di Bochum tra Essen e Dortmund, sono stati in grado di acquistare un computer portatile rinforzato dalla Bundeswehr, l'esercito tedesco, su eBay. Tuttavia, questo computer conteneva ancora informazioni riservate, in questo caso la documentazione per l'utente per il sistema LeFlaSys Ozelot, l'unica protezione antiaerea ravvicinata corazzata in Germania, entrata in servizio nel 2001 e ancora in servizio oggi così come nelle forze greche. La documentazione accessibile non ha certo un elevato grado di riservatezza, in quanto il manuale utente non fornisce alcuna informazione sensibile sul sistema. Riguarda…

Leggi l'articolo

Il Pentagono inizia lo studio di mini reattori nucleari portatili e proiettabili

Il Pentagono ha annunciato lunedì 9 marzo l'aggiudicazione di 3 contratti a 3 società americane per lo studio preliminare di un reattore nucleare miniaturizzato trasportabile e proiettabile con una potenza elettrica da 1 a 5 MW, destinato ad alimentare autonomamente una prevista base americana senza ricorrere alla produzione locale di energia elettrica. 13,5 milioni di dollari sono stati così assegnati a BWX Technologies, Inc in Virginia, 11,9 milioni di dollari a Westinghouse Government Services a Washington DC e 14,3 milioni di dollari a X-energy nello Stato del Maryland, ovvero un totale di 39,7 milioni di dollari per questo programma noto come "Progetto Pele". . Le aziende avranno due anni per studiare...

Leggi l'articolo

L'F35A non spara dritto secondo il Pentagono

Sicuramente, quando non vuole... Secondo il sito Bloomberg.com, i test riguardano la precisione del cannone da 25 mm a bordo dell'F35A, la versione destinata all'US Air Force e alla maggior parte dei paesi acquirente del velivolo della Lockheed-Martin, avrebbe dato risultati "inaccettabili", specialmente durante il tiro aria-terra. E come se non bastasse, il supporto della canna mostrerebbe delle crepe, dette anche martinetti in aeronautica, a causa dell'uso della canna. Si precisa che le versioni F35B a decollo verticale e F35C imbarcati su portaerei non presentano tale difetto.

Leggi l'articolo

Lockheed-Martin per sostituire il sistema di manutenzione ALIS F35

Durante i primi anni del programma F35, il sistema automatizzato di supervisione della manutenzione ALIS for Autonomic Logistics Information System, è stato presentato come il Santo Graal della manutenzione aeronautica militare. Come spesso accade con i nuovi sistemi informatici rivoluzionari, la realtà si è rapidamente discostata dalle ambizioni iniziali. Ritardi nella consegna dei pezzi di ricambio, cattiva gestione delle scorte, eccessive informazioni trasmesse al produttore americano e osservati sovraccarichi di lavoro hanno rapidamente deteriorato l'immagine del software, al punto da essere ora considerato uno dei principali ostacoli al miglioramento della disponibilità degli aeromobili. Per rispondere a queste critiche, Lockheed progetterà un nuovo sistema più operativo,...

Leggi l'articolo

I paesi occidentali dovrebbero prepararsi per il "giorno dopo" di un massiccio attacco informatico?

In un articolo pubblicato sul sito Defenseone.com, la dott.ssa Samantha F. Ravish, titolare della Cattedra di Cyber ​​and Technological Innovation della Defense and Democracy Foundation, chiede la creazione urgente di un piano per la ripresa dell'attività economica e previdenza sociale degli Stati Uniti, in caso di attacco informatico massiccio, facendo riferimento al piano "The Day After" che il Pentagono ha sviluppato durante la Guerra Fredda in caso di attacco nucleare sull'intero territorio americano. In effetti, molti raggi oggi indicano le capacità crescenti e, ora sufficienti, di paesi come la Cina o la Russia, di svolgere operazioni informatiche globali contro...

Leggi l'articolo

La sicurezza informatica dei satelliti occidentali potrebbe essere compromessa

Secondo un rapporto del rinomato Think Tank britannico Chatham House, i satelliti utilizzati per scopi di difesa dalle nazioni occidentali dovrebbero essere tutti considerati potenzialmente compromessi nella pianificazione dei sistemi d'arma e delle tecnologie che impiegano questi sistemi. Un rapporto complementare sottolinea anche le vulnerabilità dei sistemi missilistici occidentali, siano essi strategici, di difesa antiaerea o tattici. In questi report, il Think tank elabora una valutazione senza compromessi delle debolezze della guerra informatica che caratterizzano l'uso dei sistemi di comunicazione e localizzazione satellitare che, molto spesso, hanno vocazioni civili e militari miste, quindi...

Leggi l'articolo

Caso di Huawei: il punto sul braccio di ferro Cina-USA e le sue conseguenze per la difesa

Dopo aver prima emesso un decreto presidenziale per vietare l'acquisto da parte di aziende americane di tecnologie sviluppate da Huawei, il Dipartimento del Commercio americano concede finalmente una tregua di 3 mesi al produttore cinese. In apparenza, questi cambiamenti di rotta potrebbero aver indotto a credere che il governo americano stesse navigando di vista. Tuttavia, venerdì Donald Trump ha annunciato che non chiuderà la possibilità di includere il caso Huawei nelle trattative per un accordo commerciale con la Cina. Nonostante la fermezza delle misure adottate, gli Stati Uniti svelano la loro mano: sfruttando l'affare Huawei per stabilire un favorevole equilibrio di forze nella guerra commerciale condotta contro...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE