Gli Emirati Arabi Uniti si affidano al missile MICA VL NG per le sue corvette Gowind 2500

Nel novembre 2017, gli Emirati Arabi Uniti hanno confermato l'ordine di due corvette Gowind 2500 dal costruttore navale militare francese Naval Group. Se molti degli equipaggiamenti selezionati da Abu Dhabi erano di origine francese, la difesa antiaerea è stata poi affidata alla coppia americana formata dal sistema di lancio verticale VLS Mk41 e dal missile antiaereo ESSM Block 2, la nuova versione dell'erede al passero di mare. Ma secondo il sito Naval News, le autorità degli Emirati hanno cambiato posizione, per rivolgersi al missile francese MICA VL NG del missile MBDA, una nuova versione dello stesso missile terra-aria MICA VL derivato proprio dal...

Leggi l'articolo

Quali soluzioni per affrontare la minaccia dei droni leggeri e delle munizioni vaganti?

All'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, l'equilibrio delle forze, in particolare in termini di potenza di fuoco disponibile, era così tanto favorevole alle forze russe che sembrava molto difficile, se non impossibile, perché le forze ucraine potevano resistere a più di un poche settimane di fronte all'assalto di fuoco e acciaio che doveva venire. Tuttavia, il comando ucraino è riuscito a utilizzare al meglio i mezzi a sua disposizione per sfruttare le debolezze dell'avversario, come la necessità di rimanere su strade e strade asfaltate, per vessare con unità di fanteria mobili e determinate, le linee logistiche russe, mentre bloccando le offensive meccanizzate di...

Leggi l'articolo

Dopo il Giappone, la Corea del Sud sceglie l'americano SM-6 per contrastare la minaccia ipersonica

Mentre gli occhi del mondo rimangono puntati sulla guerra in Ucraina, le tensioni nel teatro del Pacifico rimangono molto alte e le principali nazioni coinvolte stanno raddoppiando i loro investimenti e innovazione nel tentativo di avere il sopravvento sui loro potenziali avversari. Così, negli ultimi mesi, le due Coree si sono impegnate in un tiro alla fune sulle rispettive capacità di attacco a lungo raggio, dimostrando successivamente l'efficacia dei loro nuovi missili balistici e da crociera, mentre la Cina ha anche implementato nuove capacità in questo settore, tra cui armi a traiettoria ipersoniche e semibalistiche. Quelli…

Leggi l'articolo

La Cina ha consegnato alla Serbia i missili antiaerei a lungo raggio HQ-22

La Cina è solo un attore recente nel campo dell'esportazione di sistemi antiaerei, ma si sta affermando su sempre più mercati, anche in Europa. È così che il cinese HQ-9, un sistema paragonabile al russo S-300, è stato inizialmente selezionato da Ankara nel 2015, offrendo, secondo le autorità turche, un rapporto prestazioni-prezzo molto più alto di quello dei sistemi russi e occidentali. Se, sotto la pressione dei suoi alleati della NATO, la Turchia ha finalmente annullato questo ordine, per rivolgersi finalmente all'S-400 russo, che ha avuto conseguenze ben peggiori per Ankara, Pechino ha registrato negli ultimi anni altri...

Leggi l'articolo

Maggiori dettagli sulle nuove fregate polacche Mièçznick

Il 4 marzo, quando l'attenzione dei media era tutta concentrata sui combattimenti in Ucraina, Varsavia ha annunciato il vincitore del concorso finalizzato alla progettazione e realizzazione di 3 nuove fregate e alla sostituzione delle due fregate tipo OH Perry acquisite di seconda mano dalla US Navy, e entrato a far parte della Marina polacca all'inizio degli anni 2000. È stato il britannico Babcock, associato ai cantieri navali PGZ Stocznia Wojenna e Remontowa Shipbuilding SA, nonché Thales e MBDA, a vincere la competizione contro il Meko 300 della tedesca Thyssenkrupp. Il modello scelto da Varsavia è l'Arrowhead 140, su cui si basa la nuova fregata in arrivo...

Leggi l'articolo

Con la consegna degli S-300PMU slovacchi, l'Occidente cambia marcia per supportare l'Ucraina

Se dall'inizio del conflitto l'Occidente si era limitato a reagire sulla scena internazionale contro la Russia, in particolare consegnando all'Ucraina solo armamenti leggeri o difensivi, la dinamica sembra essersi notevolmente evoluta negli ultimi giorni. Pertanto, dopo l'annuncio della consegna di diverse dozzine di carri armati T-72M1 e veicoli da combattimento di fanteria BMP-1 dalle riserve dell'esercito ceco, è il turno di oggi della Slovacchia di annunciare il trasferimento del suo esclusivo S-300PMU a lungo raggio batteria di difesa antiaerea all'Ucraina, informazioni confermate dal primo ministro slovacco Edouar Heger su Twitter. La Gran Bretagna, dal suo...

Leggi l'articolo

La Turchia è nuovamente interessata al sistema antiaereo e antimissilistico franco-italiano SAMP/T

Le relazioni tra l'Europa, e in particolare la Francia, e la Turchia sono state tumultuose negli ultimi anni, per non dire altro. Tra l'intervento turco nel nord della Siria contro gli alleati curdi di Francia e Stati Uniti, il supporto militare fornito da Ankara al regime di Tripoli in Libia, e le tensioni nel Mediterraneo orientale, nel Mar Egeo e intorno a Cipro, i punti di gli attriti tra Ankara e Parigi non sono mancati, ei rapporti tra i due Paesi, come tra i due capi di Stato, erano diventati molto difficili. Allo stesso tempo, la decisione turca di acquisire il sistema antiaereo a...

Leggi l'articolo

In che modo la guerra in Ucraina trasformerà la pianificazione strategica in Europa?

Solo 3 settimane fa, pochissimi in Occidente credevano che la Russia avrebbe davvero intrapreso una guerra globale di aggressione contro l'Ucraina. Per molti, il dispiegamento delle forze russe intorno all'Ucraina aveva lo scopo di far piegare il presidente Zelensky sulla sua appartenenza alla NATO e sullo status delle repubbliche separatiste del Donbass. Per i più informati, come lo Stato maggiore degli eserciti francesi, e come abbiamo discusso in un articolo del 23 febbraio, i rischi militari e politici associati a tale offensiva non superavano i potenziali benefici, sicché tale decisione appariva irrazionale e quindi poco...

Leggi l'articolo

Le 5 armi occidentali Le forze ucraine hanno bisogno di più oggi

Da 12 giorni a questa parte, le Forze armate e la Difesa territoriale ucraine sono riuscite a resistere all'offensiva russa, nonostante un evidente inasprimento delle regole di ingaggio dell'avversario, quando è ovvio che non avrà alcuna possibilità di una rapida vittoria o di conquista il sostegno o addirittura la neutralità della stragrande maggioranza della popolazione ucraina. Iniziate prima del conflitto dagli Stati Uniti e da alcuni paesi europei, le consegne di armi alle forze ucraine svolgono ora un ruolo decisivo nella loro capacità di mantenere la pressione sulle unità che prendono parte all'offensiva russa, colpendo efficacemente i convogli di rifornimenti e bloccando alcune offensive, in…

Leggi l'articolo

Abbiamo sopravvalutato gli eserciti russi?

Dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, gli eserciti del Cremlino sono stati attentamente osservati da specialisti militari. Questo è, infatti, il primo massiccio dispiegamento di questi eserciti dall'invasione della Georgia nel 2008, un'operazione che ha rivelato molte gravi carenze al loro interno. Tuttavia, come nel 2008, sembra che gli eserciti russi siano oggetto di notevoli difficoltà, anche se le riforme del 2008 e del 2012 sono state pensate proprio per correggerle e portare gli eserciti russi a uno standard operativo molto più elevato di quello osservato sul campo . A queste condizioni, e alla luce delle osservazioni fatte su...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE