La General Dynamics e l'Epiro imbarcano il sistema anti-drone a microonde Leonidas sul veicolo corazzato Stryker

La lotta alla minaccia rappresentata oggi dai droni e dagli sciami di droni è al centro delle preoccupazioni dell'esercito americano, che ha sviluppato una strategia basata su 4 equipaggiamenti per far fronte alla maggior parte delle minacce, che vanno dai missili agli sciami di droni. Ma in questa costruzione di capacità è apparso un punto debole, l'assenza di sistemi mobili in grado di fronteggiare sciami di droni, ovvero un gran numero di droni che agiscono di concerto per saturare le difese dell'avversario, il sistema a microonde IPFS-HPM pensato per questo scopo avviene in un container di 20 piedi, che non può...

Leggi l'articolo

US Air Force per testare il laser ad alta energia dalla cannoniera AC-130J Ghostrider

All'inizio della guerra del Vietnam, l'aeronautica americana dispiegò un nuovo concetto di aereo da combattimento, il Gunship, inizialmente un C-47 Dakota da trasporto della seconda guerra mondiale caricato con mitragliatrici portuali e destinato a supportare le forze di fanteria di terra impegnate in feroci combattimenti contro l'avversario Viet Cong. Nacque così l'AC-47 Spooky, che divenne una delle armi principali dell'Air Commando Squadron. Ma divenne subito chiaro che il C-47 era troppo vulnerabile per questa missione poiché l'intensità dei combattimenti aumentava, con non meno di 19 aerei distrutti, di cui 12 dal fuoco nemico, dei 41 aerei...

Leggi l'articolo

L'esercito americano testa un drone Coyote 3 per contrastare uno sciame di droni

Il drone antidrone è in voga da qualche mese, ed in particolare da quando l'Arpia e altri Defender 1C di fattura israeliana implementati dagli operatori azeri, hanno spazzato i punti di resistenza, il DCA e l'artiglieria armena appena un anno fa, durante la guerra del Nagorno-Karabakh del 2020. Da allora, droni da ricognizione leggeri, munizioni vaganti e sciami di droni sono diventati contemporaneamente sfide tecnologiche che è diventato imperativo e urgente acquisire rapidamente, ma anche minacce dalle quali dovevamo proteggerci il più rapidamente possibile possibile. Oltre i sistemi cinetici e...

Leggi l'articolo

I 4 futuri sistemi di difesa aerea vicini a Directed Energy dell'esercito americano

In molti campi, come i sistemi terra-aria a lungo raggio, i missili anticarro, la guerra elettronica e persino l'artiglieria e l'armatura, l'esercito americano ha visto il suo vantaggio tecnologico ereditato dalla fine della Guerra Fredda erodersi in anni di intervento in Iraq e Afghanistan, mentre altri paesi, in particolare Russia e Cina, hanno investito metodicamente per recuperare, e talvolta persino superare, la tecnologia statunitense. Ma c'è un'area in cui gli eserciti americani hanno potuto investire tempo e abbastanza per mantenere un divario significativo rispetto ai loro concorrenti, le armi a energia diretta, in particolare per...

Leggi l'articolo

Per l'esercito americano diventa urgente sostituire i sistemi antiaerei Patriot e Stinger

Negli ultimi 4 anni, Raytheon e il Dipartimento di Stato americano sono riusciti a convincere 4 paesi europei ad acquisire il sistema antiaereo e antimissilistico MIM-104 Patriot: Svezia, Romania e Polonia nel 2017 e 2018, e più recentemente la Svizzera in una competizione tra il sistema americano e la SAMP/T franco-italiana. In totale, sono oggi 6 i paesi europei membri della NATO che implementano questo sistema, a cui si aggiungono Svezia e Svizzera, che sono o saranno presto dotati di questo sistema. Il sistema portatile FIM-92 Stinger equipaggia 9 forze armate europee. Questi due sistemi...

Leggi l'articolo

La Turchia vuole sviluppare il cacciatorpediniere più potente nel teatro del Mediterraneo

Dalla sua ascesa al potere nel 2003, RT Erdogan, primo Primo Ministro dal 2003 al 2014, poi Presidente della Repubblica di Turchia da quella data, ha intrapreso un vasto sforzo nazionale a favore degli eserciti, con un bilancio che ha 20 anni da $ 7 miliardi a oltre $ 20 miliardi, nonostante una lira turca si sia svalutata dell'80% del suo valore nello stesso periodo. Parallelamente, si è impegnata a sviluppare una vasta e solida industria della difesa nazionale, con l'emergere di diversi attori nazionali e globali come il produttore di missili Roketsan o il produttore di droni Baykar. In campo navale, lo sforzo è stato organizzato...

Leggi l'articolo

Gli Stati Uniti potrebbero presto dimostrare una nuova arma anti-satellite

Nel campo della guerra spaziale si scontrano al Pentagono due scuole di pensiero: quelle favorevoli alla riservatezza assoluta sulla maggior parte dei programmi, così da lasciare all'oscuro il potenziale avversario (Cina o Russia) sulle capacità esistenti e sui programmi in via di sviluppo e coloro che ritengono che la declassificazione di parte di queste informazioni sia essenziale per rafforzare l'effetto deterrente nei confronti di un avversario potenzialmente troppo sicuro di sé. Finora i partigiani della segretezza avevano il vantaggio, e un grave blackout aveva coperto per molti anni le reali capacità spaziali degli eserciti statunitensi, e della sua nuova componente Space Force, sia in campo offensivo...

Leggi l'articolo

L'esercito americano testa lo Stryker DE M-SHORAD armato con un laser da 50 Kw

Le armi a energia diretta, come le armi ipersoniche, sono state due priorità tecnologiche assolute per gli eserciti americani negli ultimi anni nel tentativo di mettersi al passo con le dinamiche tecnologiche imposte da Pechino e Mosca. Se i programmi ipersonici incontrano problemi, i programmi dell'esercito americano, della marina americana e dell'aeronautica americana relativi all'implementazione a breve termine di sistemi antidroni, antiaerei e antimissilistici basati su armi a energia diretta avanzano in conformità con la pianificazione molto ambiziosa imposta dal Pentagono. È così che, la scorsa settimana, l'esercito americano ha annunciato che un primo test di ingaggio "in una situazione di combattimento" era stato...

Leggi l'articolo

La US Navy sospende i finanziamenti per il progetto Rail Gun e proiettili ad alta velocità

Lanciato nel 2005, il programma americano inteso a sperimentare e progettare un cannone elettrico, o Rail Gun, ha dovuto, in più occasioni, far fronte al poco entusiasmo della Marina degli Stati Uniti e del Pentagono nei suoi confronti. Sospese anche le prove relative a questo cannone in grado di lanciare proiettili a velocità comprese tra Mach 6 e Mach 9, e potenzialmente in grado di raggiungere bersagli a quasi 200 km, o addirittura 400 km se la velocità all'uscita della volata superava Mach 10 , molte occasioni. Ma secondo le dettagliate indagini svolte dal sito The War Zone, sembra che...

Leggi l'articolo

DD (x), SSN (x) o NGAD, la US Navy non sarà in grado di finanziare tutti e 3 contemporaneamente

Pur disponendo da sola di un budget pari a quello di Germania, Francia e Regno Unito, la US Navy si trova oggi ad affrontare una situazione molto complessa in termini di pianificazione. Infatti, dopo 30 anni di errori di bilancio e programmi troppo ambiziosi ed eminentemente costosi per applicazioni operative limitate, come le corvette LCS, i cacciatorpediniere Zumwalt o i sottomarini d'attacco nucleare Seawolf, la Marina americana si trova a dover affrontare molti programmi imperativi da finanziare rinnovare e ammodernare le sue attrezzature, e un budget federale già al limite alto, che offre solo deboli margini di crescita in futuro.…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE