La difesa antiaerea russa catturata dai droni ucraini

I due successivi attacchi effettuati da droni ucraini contro due basi aeree russe che ospitano bombardieri strategici o a lungo raggio sono stati ampiamente commentati dai media. Al di là dell'ovvio successo degli ucraini, che hanno danneggiato almeno due velivoli, un bombardiere strategico Tu-95 basato su Engels-2 e un bombardiere a lungo raggio Tu-22M3 basato su Dyagilevo, sono anche riusciti a effettuare attacchi di notevole precisione utilizzando droni trasformati in missili da crociera di fabbricazione locale, senza utilizzare sistemi d'arma occidentali. Soprattutto questi due scioperi, come quello di oggi contro...

Leggi l'articolo

Drone Kızılelma, caccia T-FX, carro armato Altay: industria turca sotto pressione per i suoi programmi di nuova generazione

Dall'intervento di terra turco nel nord della Siria nel 2018, al coinvolgimento militare di Ankara nella guerra civile libica nel 2019 e alle tensioni tra le flotte aeree e navali turche e greche nel Mar Egeo nel 2020, e in particolare la consegna del primo S-400 batteria antiaerea nel luglio 2020, l'industria della difesa turca, fino ad allora molto dinamica sotto l'impulso del presidente Erdogan che ne aveva fatto un punto chiave della sua azione politica, ha vissuto momenti molto difficili sotto gli effetti combinati delle sanzioni europee e americane. In effetti, molti programmi chiave, come il carro armato di nuova generazione...

Leggi l'articolo

L'esercito americano posticipa la produzione del suo Stryker DE M-SHORAD Guardian

Con armi ipersoniche e avanzati sistemi di comando e comunicazione al centro della dottrina JDAC2, le armi a energia diretta sono oggi una delle principali priorità del Pentagono e tutti gli eserciti americani sono impegnati nello sviluppo di molti di questi sistemi, siano essi ad alta -laser a energia o pistole a microonde, sia per proteggere le truppe di terra e le infrastrutture, sia per le navi da combattimento e persino gli aerei. Se la Marina degli Stati Uniti era stata a lungo in prima linea in questo settore, con il sistema Helios da 60 Kw, l'esercito americano ha prodotto uno sforzo molto significativo questi...

Leggi l'articolo

In che modo i droni collaborativi sconvolgeranno il mercato degli aerei da combattimento?

Dal suo arrivo sul mercato internazionale degli aerei da combattimento circa quindici anni fa, l'F-35 Lighting II della Lockheed-Martin ha in gran parte preso la parte del leone nelle competizioni internazionali, con ordini fermi provenienti da non meno di 14 forze aeree al di fuori degli Stati Uniti. E lo slancio non sembra voler esaurirsi, con molti altri paesi, quindi 5 paesi europei (Germania, Spagna, Grecia, Repubblica Ceca e Romania) che hanno annunciato l'intenzione di attrezzarsene a breve o medio termine. In molti casi, l'aereo americano ha vinto dopo una competizione tra esso e altri caccia americani e...

Leggi l'articolo

Per i droni da combattimento cooperativo, le sfide tecnologiche e operative sono nella scala dei benefici attesi

Per la maggioranza dell'opinione pubblica, compresi molti militari, il futuro dei droni da combattimento fa parte di un'evoluzione lineare che va avanti da circa quarant'anni. È vero che durante questo periodo i droni hanno sostanzialmente acquisito capacità con maggiore autonomia, velocità e capacità di carico e con sensori ed effettori sempre più efficienti. Ed è chiaro che le ultime versioni del Reaper hanno poco a che fare con la prima versione del Predator, e ancor meno con i droni leggeri usati da Tsahal nel 1982 in Siria per localizzare i siti...

Leggi l'articolo

Sistemi hard-kill, robotizzazione e autonomia al centro delle evoluzioni dei corpi corazzati dell'esercito americano

La mostra AUSA, che si tiene fino ad oggi alla periferia di Washington, è l'occasione, ogni anno, per fare il punto sugli sviluppi attuali e programmati in termini di armamento terrestre e strategia per le forze di terra americane e, di conseguenza, per loro alleati. Ma con la guerra in Ucraina, la crisi sino-taiwanese e le varie tensioni ai diversi livelli di gestazione sul pianeta, l'edizione 2022 assume una dimensione del tutto speciale. Fu proprio in questa occasione che l'esercito americano presentò la sua nuova dottrina di ingaggio che sostituirà quella elaborata nei primi anni '90 sulla base della fine...

Leggi l'articolo

L'MQ-Next, futuro sostituto del drone MALE MQ-9 Reaper, prende forma per General Atomics

In servizio con 10 forze aeree, di cui 9 membri della NATO, il drone Medium Altitude Long Endurance MQ-9 Reaper della American General Atomics, è oggi il riferimento occidentale nel campo dei droni da combattimento di questa gamma. Capace di rimanere in aria per 15 ore ad una quota superiore a 7 km e a più di 300 km/h trasportando 4 missili aria-terra Hellfire o Brimstone, il Reaper è oggi una componente centrale delle operazioni svolte dagli eserciti occidentali, soprattutto sulle vaste distese dell'Africa e del Medio Oriente, sia per monitorare i movimenti di potenziali avversari sia per condurre...

Leggi l'articolo

In Occidente vengono lanciate importanti manovre per progettare droni da combattimento di nuova generazione

Esistono, ad oggi, ben 7 programmi volti a progettare o integrare droni al fine di estendere le capacità degli aerei da combattimento, e questo solo per il campo occidentale. Negli Stati Uniti, questi programmi ruotano attorno al Next Generation Air Dominance della US Air Force e all'F/A-XX della US Navy; in Europa intorno ai programmi SCAF e Tempest; e in Asia intorno ai programmi FX giapponesi, KF-21 Boramae sudcoreano, così come l'australiano MQ-28 Ghost Bat. Tutti mirano a progettare droni da combattimento stealth ad alte prestazioni, in grado di evolversi attorno e a beneficio degli aerei da combattimento con equipaggio, in modo da...

Leggi l'articolo

Gli eserciti statunitensi stanno preparando la loro evoluzione verso la guerra con i droni prima del 2030

L'uso dei droni militari non è un argomento recente. Già, durante la seconda guerra mondiale, si tentava di trasformare alcuni caccia e bombardieri, nonché di utilizzare sistemi telecomandati per condurre ricognizioni a corto raggio. Durante la guerra del Vietnam, le forze americane impiegarono frequentemente droni per svolgere alcune rischiose missioni di ricognizione o per portare alla luce le difese antiaeree del Vietnam del Nord. Ma il primo esercito che ha fatto un uso intensivo e coordinato di droni in combattimento è stata l'aviazione israeliana che, nel 1982 durante l'operazione Peace in Galilee, ha impiegato intensivamente i droni per...

Leggi l'articolo

Arrow 3, KF-51 Panther, F-35..: la Germania volta le spalle alla Francia senza dirlo

Da diversi mesi i programmi di cooperazione industriale della difesa franco-tedesca soffrono di una profonda divergenza industriale, come nel caso dell'opposizione tra Dassault Aviation e Airbus DS nel campo della nuova generazione SCAF del programma di aerei da combattimento, o tra Nexter e Rheinmetall in quello del programma di carri armati del futuro MGCS. Inoltre, Berlino ha preso le distanze o addirittura si è ritirata da certe collaborazioni, come il programma di velivoli da pattugliamento marittimo MAWS affondato dall'acquisizione dell'americano P-8A Poseidons, il programma per l'evoluzione dell'elicottero da combattimento Tiger 3 che sarà prodotto solo da Parigi e Madrid (ma a cui il...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE