La Cina potrebbe sviluppare videogiochi bellicosi per non esporre i suoi militari ai valori occidentali

Il Partito Comunista Cinese e l'Esercito popolare di liberazione hanno compreso da diversi anni il ruolo che i videogiochi potrebbero svolgere nella loro politica di comunicazione, reclutamento e persino addestramento dei loro soldati. Ma al di là di questi aspetti puramente mediatici, il videogioco è anche un formidabile vettore ideologico, e può, in questo senso, rappresentare un pericolo per il futuro della Cina, perché la maggior parte dei videogiochi "guerrieri" a cui l'esercito cinese è entrato in l'abitudine di suonare per rilassarsi proviene dagli studi occidentali e sostiene valori come democrazia e libertà, che non corrispondono a...

Leggi l'articolo

La US Air Force sperimenta il copilota digitale sul famigerato aereo spia U2

L'aereo da ricognizione d'alta quota U2 è stato uno degli aerei più famosi della Guerra Fredda. Progettato dalla divisione Skunk Works della Lockheed, fece il suo primo volo nel 1955 e permise rapidamente agli Stati Uniti di effettuare numerose missioni di ricognizione sul territorio sovietico, essendo il dispositivo oltre la portata dei sistemi antiaerei, degli aerei e degli intercettori sovietici di alla fine degli anni 50. Fu un U2 che, nel 1962, individuò i primi missili balistici SS-4 sovietici schierati a Cuba. Fu anche questo dispositivo a causare una grave crisi tra Mosca e Washington, quando gli U2...

Leggi l'articolo

L'APL innova nella sua comunicazione di reclutamento

Se c'è un settore in cui l'Esercito popolare di liberazione ha un vantaggio decisivo rispetto ai suoi omologhi occidentali, è quello del reclutamento e, più in generale, della comunicazione con la popolazione civile. Certo, un governo autoritario come quello di Pechino facilita l'accesso ai media, tutti di proprietà dello Stato. Pertanto, APL ha il proprio canale televisivo, il 7° canale nazionale o CCTV-7. Tuttavia, non si limita a sfruttare semplicemente il suo vantaggio, in particolare con una popolazione di 1,4 miliardi di abitanti e 105 milioni di giovani tra i 20 e i 29 anni, né delle sue strutture mediatiche, e non esita...

Leggi l'articolo

T-7 Red Hawk, T-50 Golden Eagle, M-346 Master e F-22 Raptor: le grandi ambizioni del programma RFX Reforge della US Air Force

Nel 2018, la US Air Force ha selezionato Boeing e il produttore di aeromobili svedese Saab nella competizione TX, con l'obiettivo di fornire un nuovo velivolo da addestramento avanzato per sostituire il vecchio T-38 Talon in servizio negli Stati Uniti. Designato T-7 Red Hawk, il nuovo velivolo Boeing/Saab si è dimostrato particolarmente maturo per un semplice prototipo e dovrebbe essere operativo dal 2024. Nonostante questo tempo abbastanza breve per un nuovo velivolo, l'USAF ha rapidamente manifestato l'intenzione di noleggiare un velivolo avanzato aereo da addestramento in attesa dell'arrivo del Red Hawk. Infatti, oltre alla sostituzione dei Talon per le missioni di addestramento dei piloti, l'USAF mira a utilizzare il suo nuovo...

Leggi l'articolo

I futuri velivoli da addestramento della Marina statunitense non possono imbarcarsi sulle portaerei americane

Il 14 maggio, la Marina degli Stati Uniti ha emesso una richiesta di informazioni (RFI) per un nuovo aereo a reazione destinato ad addestrare i suoi piloti all'atterraggio della portaerei. Se per il momento si tratta solo di conoscere le offerte messe a disposizione dai produttori, questa RFI segna l'avvio del programma per sostituire il Boeing T-45 Goshawk attualmente utilizzato dalla US Navy. Tuttavia, le richieste della NAVAIR (responsabile della gestione dell'aviazione navale americana) non riguardano un aeromobile navalizzato in grado di salire a bordo di portaerei. Secondo la documentazione ufficiale, la Marina degli Stati Uniti cercherebbe un aereo derivato da un addestratore a reazione esistente in grado di simulare un...

Leggi l'articolo

F35 non riesce a risolvere i problemi del software Pentagono

In un rapporto pubblicato dall'Operational Test and Evaluation Office del Pentagono, il capo tester Robert Behler esprime un giudizio critico e quantomeno problematico in merito alla procedura di evoluzione e correzione dei bug riguardanti il ​​sistema F35, di cui è sia il responsabile. sistema di bordo e il sistema ALIS. Infatti, secondo lui, gli sviluppatori preposti a queste missioni non sono in grado di correggere e sviluppare i programmi senza generare, a loro volta, un gran numero di malfunzionamenti, questo spiegando che il numero di bug individuati in questo programma varia poco da diversi anni, nonostante i notevoli sforzi e crediti che lui...

Leggi l'articolo

La coppia sino-russa prevarrà sulle forze occidentali secondo le simulazioni del Pentagono

La sentenza è definitiva: durante le simulazioni effettuate dal Pentagono all'inizio del 2019, basate su un grande conflitto tra l'Occidente e le forze della coalizione cinese e russa, le forze occidentali sarebbero sistematicamente spazzate via e solo l'uso della strategia il fuoco potrebbe scongiurare la debacle; che, come sappiamo, è ben lungi dall'essere una soluzione accettabile. Queste simulazioni hanno valutato anche altri scenari e hanno mostrato, ad esempio, che le forze statunitensi non sarebbero in grado di impedire la cattura di Taiwan da parte delle forze cinesi e che qualsiasi impegno "vicino" alle acque cinesi (che comprende meno di 1000 miglia), sarebbe vantaggioso. .

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE