Mobilitazione parziale e armi nucleari, dobbiamo avere paura delle dichiarazioni di Vladimir Putin?

Dopo il discorso di Vladimir Putin sui canali pubblici russi questa mattina, grande fermento si è impadronito dei media europei, e di conseguenza dell'opinione pubblica nel suo insieme. Di fronte a quella che ogni giorno emerge sempre più come un'impasse operativa, il presidente russo ha annunciato 3 misure chiave per cercare di ribaltare la situazione in Ucraina e in Europa. Questa dichiarazione pubblica del presidente russo, sostenuta pochi minuti dopo dal ministro della Difesa, Sergey Choigou, ha portato una nuova tappa a questa guerra iniziata il 24 febbraio, sollevando lo spettro di un...

Leggi l'articolo

5 rivelazioni a sorpresa sull'esercito russo in Ucraina

A poche settimane dall'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, la stampa polacca ha fatto eco ai risultati di un esercizio di simulazione molto inquietante. Denominato "Zima-2020" (Inverno 2020), ha mostrato che un'offensiva russa contro la Polonia vedrebbe la caduta di Varsavia in soli 4 giorni e tutti i punti chiave del Paese in una sola settimana. Quattro settimane dopo, le forze russe che guidavano l'offensiva su Kiev furono bloccate nei sobborghi della città e subirono pesantissime perdite a causa di un esercito ucraino molto combattivo ma ancora scarsamente attrezzato e disorganizzato. Un mese dopo, Mosca decise...

Leggi l'articolo

Azerbaigian, Turchia, Cina: i rischi di conflitti di opportunità crescono sulle incertezze in Ucraina

Attaccando l'Ucraina nel febbraio 2022, la Russia non solo metterà in pericolo la pace e la sicurezza in Europa, ma in tutto il mondo. In effetti, molti conflitti latenti, vincolati dall'azione congiunta di Mosca e delle capitali europee e americane, stanno riemergendo, al punto che si può temere che possano sorgere anche grandi conflitti in più luoghi del mondo, alcuni dei quali potrebbero potenzialmente ulteriormente minare i difficili equilibri economici su cui è costruito l'Occidente. Nei giorni scorsi alcuni dei suoi teatri sono divampati, o mostrano segni di estrema tensione, poiché gli eserciti russi...

Leggi l'articolo

L'industria della difesa russa alle prese con la pressione operativa in Ucraina

Dall'inizio dell'aggressione russa contro l'Ucraina, molte fonti hanno fatto eco alle gravi difficoltà incontrate dall'industria della difesa russa. Indipendentemente dal fatto che siano contestati o meno, è chiaro che gli schieramenti di equipaggiamento militare russo in Ucraina tendono a rientrare nella gamma tecnologica, e non il contrario. Pertanto, se durante le prime settimane di conflitto le perdite russe documentate in termini di carri armati hanno riguardato principalmente modelli recenti come il T-72B3obr1989 o obr2016, e il T80BV e BVM, le osservazioni di distruzione del T-72A sono aumentate da Aprile, poiché le perdite dei carri armati moderni sono diminuite...

Leggi l'articolo

L'acquisizione da parte dell'Iran dei Su-35 russi potrebbe incendiare il Medio Oriente

Sebbene l'intervento russo in Ucraina abbia alterato profondamente la geopolitica europea e innescato una grave crisi energetica, la sua influenza sulla geopolitica globale è stata finora relativamente moderata. Col passare del tempo, alcuni paesi sembrano inclini a trarre vantaggio dal relativo isolamento della Russia su questa scena internazionale, a proprio vantaggio. È il caso della Corea del Nord, che nelle ultime settimane ha intensificato gli scambi con Mosca, in particolare offrendo manodopera disponibile ea bassissimo costo per sostenere lo sforzo bellico russo, in particolare per grandi opere, infrastrutture e necessità agricole. In cambio, Pyongyang intende che Mosca sollevi il...

Leggi l'articolo

Il ritorno in grazia del carro leggero negli eserciti moderni (1a parte / 2)

Pochi giorni fa, il 1° Reggimento di Cavalleria Straniera con sede a Carpiagne ha ricevuto i primi due Veicoli Corazzati da Ricognizione e Combattimento, o EBRC, anche designati Jaguar, per sostituire i suoi carri leggeri AMX10RC. Se gli eserciti francesi, abituati alle operazioni esterne in Africa e in Medio Oriente, non hanno mai trascurato questo tipo di veicoli blindati che combinano potenza di fuoco e mobilità con l'AMX10RC e l'ERC-90, la stragrande maggioranza delle forze armate mondiali li ha rimossi dalle loro scorte sui fondi di ristrutturazione dopo la fine della guerra fredda. Più recentemente, la congiunzione dell'inasprimento degli impegni asimmetrici da un lato, e...

Leggi l'articolo

Il nuovo Libro bianco sulla difesa giapponese indica la Cina e la Russia come le principali minacce

“Se va da sé, andrà ancora meglio dicendolo”. Questa famosa frase di Talleyrand pronunciata dal diplomatico francese al vertice di Vienna del 1814, potrebbe essere la battuta finale del nuovo Libro bianco sulla difesa pubblicato nella terra del sol levante. In effetti, il Giappone, sebbene tradizionalmente discreto e avveduto sulla scena internazionale, è particolarmente direttivo e chiaro in questo documento che inquadrerà lo sforzo di difesa giapponese per il decennio a venire, designando chiaramente la Russia come "nazione aggressiva". e la Cina e le sue ambizioni su Taiwan come una grave minaccia alla pace...

Leggi l'articolo

Dovremmo porre fine agli aerei da combattimento di "5a generazione"?

Quando Lockheed-Martin ha presentato per la prima volta il suo F-22 Raptor, è stato presentato come un velivolo di "5a generazione", per sottolineare il suo carattere dirompente sia dal punto di vista operativo che tecnologico, con i precedenti aerei da combattimento. Al di là del suo prezzo unitario di 160 milioni di dollari che, da solo, era sufficiente a giustificare un aspetto dirompente importante poiché due volte più costosi dell'F-15E o dell'F/A 18 E/F quindi gli aerei da combattimento più costosi in servizio o in preparazione dall'altra parte dell'Atlantico, il dispositivo aveva infatti capacità uniche, come lo stealth multi-aspetto molto avanzato, senza tuttavia eguagliare quelle dell'F117A...

Leggi l'articolo

Perché il sottomarino russo Belgorod e il siluro nucleare Poseidon 2M39 non cambiano nulla?

In occasione della campagna per le elezioni presidenziali russe del 2018, il presidente uscente Vladimir Putin ha suscitato un certo stupore in Occidente presentando pubblicamente alcuni programmi militari "rivoluzionari", che dovrebbero dare un vantaggio decisivo agli eserciti russi per il decennio a venire. venire. Tra questi programmi, i missili RS-28 SARMAT ICBM e l'aliante ipersonico Avangard dovrebbero entrare in servizio quest'anno, mentre il missile ipersonico aviotrasportato Kinzhal ha già equipaggiato alcuni Mig-31K modificati dal 2019. Il missile da crociera a propulsione nucleare Burevestnik ne ha di più o meno caduto nell'oblio. Per quanto riguarda il siluro pesante a propulsione nucleare...

Leggi l'articolo

La NATO si doterà di una forza di risposta di 300.000 uomini per affrontare la minaccia russa

Solo qualche anno fa, sotto le percosse di Donald Trump e RT Erdogan, diverse cancellerie europee hanno cominciato a dubitare dell'efficacia dell'Alleanza Atlantica, al punto che il presidente francese, in riferimento alla mancata reazione dell'alleanza di fronte delle provocazioni turche nel Mediterraneo occidentale, ha ritenuto di essere in uno stato di “morte cerebrale”, e che gli europei, Francia e Germania in testa, si sono impegnati a cercare di consolidare le capacità di risposta europee di fronte alle minacce emergenti. Quattro anni dopo, mentre la Russia ha riacceso una crisi di sicurezza in Europa di dimensioni paragonabili a quella della Guerra...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE