La Turchia vuole 40 nuovi F-16 e 80 kit di modernizzazione dagli Stati Uniti

Con 245 aerei da combattimento F-16 nella flotta, l'Aeronautica Militare Turca è il terzo più grande utilizzatore del Fighting Falcon del pianeta dopo Stati Uniti e Israele, e come tale rappresenta una componente essenziale del sistema di difesa turco. fianco dell'Alleanza. Tuttavia, alcuni di questi dispositivi stanno iniziando a mostrare il peso degli anni e, anche se la maggior parte della flotta è stata portata allo standard Block 50+, ora sta segnando il tempo di fronte all'arrivo di nuovi, più efficienti ordigni, come i russi Su-35 e Su-57, ma anche, e soprattutto, contro il Rafale e il Blocco F-16…

Leggi l'articolo

La bomba nucleare B-61 della NATO ha ancora un interesse militare o politico?

Dall'inizio della Guerra Fredda, gli Stati Uniti si sono impegnati a schierare sul suolo dei loro alleati europei armi nucleari di vario tipo, come bombe gravitazionali, missili terra-superficie o terra-aria e persino missili aerei. -air rispetto all'AIR-2 Genie, per dissuadere la potentissima Armata Rossa dal cercare di sfruttare il suo vantaggio numerico in Europa. Senza sapere esattamente quando è iniziato il principio della condivisione nucleare, sembra che fosse già stato attuato nel 1968, durante le prime discussioni tra sovietici e americani su questioni di limitazione delle armi nucleari, poiché Mosca ne era stata informata...

Leggi l'articolo

Cosa risponde se la Turchia acquista di nuovo i sistemi S-400 dalla Russia?

Il presidente turco RT Erdogan ha incontrato ancora una volta il suo omologo russo, Vladimir Putin, nella località balneare di Sochi, sulle rive del Mar Nero. Tra i tanti argomenti discussi dai due capi di Stato, l'acquisizione da parte di Ankara di un secondo reggimento di sistemi antiaerei a lungo raggio S-400 sembra essere il più problematico dal punto di vista occidentale. Il primo ordine di due batterie S-400 complete nel 2017 da parte della Turchia ha provocato una forte risposta da parte di Washington, Donald Trump che, dopo molte procrastinazioni e sotto la pressione del Congresso, ha deciso di escludere Ankara dal programma F-35 e di cancellarlo nel 2020 l'ordine di 100...

Leggi l'articolo

Altay, Black Panther, Oplot: quanto valgono i moderni carri armati? 3/3

Si diceva che fosse obsoleto o troppo vulnerabile, eppure il carro da combattimento ha registrato una notevole rinascita di interesse negli ultimi anni da parte dei principali eserciti del mondo. Dopo aver presentato nei due articoli precedenti i principali carri armati occidentali, russi e cinesi, ci accingiamo, in quest'ultima analisi, a soffermarci su modelli meno conosciuti, eppure potenti e promettenti, sia nel panorama operativo che in quello dell'export. Largo oggi per il sudcoreano K2 Black Panther, il turco Atlay, il giapponese Type 10 e l'ucraino BM Oplot. Corea del Sud: K2 Black Panther Considerato da molti specialisti il ​​carro armato...

Leggi l'articolo

Gli eserciti turchi ricevono i loro primi droni Akinci

Due anni. Questo è il tempo impiegato dallo specialista turco nella produzione di droni militari Baykar, per portare il suo nuovo drone Akinci MALE Medium Altitude Long Endurance dalla fase di prototipo al suo ingresso operativo negli eserciti turchi. Il 29 agosto, durante una cerimonia dai forti slanci nazionalisti, è stato lo stesso presidente RT Erdogan a celebrare l'arrivo del nuovo drone da combattimento nei suoi eserciti, con sincero orgoglio da parte del leader turco. Va detto che l'Akinci PT-2 TIHA ha qualcosa da soddisfare il presidente e i suoi sforzi a favore di un'industria della difesa...

Leggi l'articolo

La Turchia vuole sviluppare il cacciatorpediniere più potente nel teatro del Mediterraneo

Dalla sua ascesa al potere nel 2003, RT Erdogan, primo Primo Ministro dal 2003 al 2014, poi Presidente della Repubblica di Turchia da quella data, ha intrapreso un vasto sforzo nazionale a favore degli eserciti, con un bilancio che ha 20 anni da $ 7 miliardi a oltre $ 20 miliardi, nonostante una lira turca si sia svalutata dell'80% del suo valore nello stesso periodo. Parallelamente, si è impegnata a sviluppare una vasta e solida industria della difesa nazionale, con l'emergere di diversi attori nazionali e globali come il produttore di missili Roketsan o il produttore di droni Baykar. In campo navale, lo sforzo è stato organizzato...

Leggi l'articolo

Il Baykar turco sviluppa un drone da combattimento stealth ad alte prestazioni

Senza raggiungere l'efficacia della campagna di presa in giro che circonda la presentazione del nuovo caccia leggero russo, il turco Baykar, forte dei successi commerciali e operativi del suo drone leggero Medium Altitude Long Endurance TB-2 Bayraktar, ha anche rilanciato in attesa di la presentazione del suo nuovo progetto di drone da combattimento in un enigmatico video che rivela alcune parti del dispositivo. Oggi è stato alzato il velo su questo nuovo dispositivo, che per il momento esiste solo in versione digitale, e che non ha ricevuto una designazione ufficiale, ma che, ovviamente, ha grandissime ambizioni per il produttore e per l'intera industria aeronautica...

Leggi l'articolo

Pakistan, Turchia: quando il Qatar addestra i suoi alleati per affrontare il Rafale

Il Qatar è stato uno dei primi due partner francesi a fidarsi del Rafale della Dassault Aviation, così come vent'anni prima si fidava del Mirage 2000, essendo l'aereo a lungo la spina dorsale della difesa aerea del piccolo stato. Non solo Doha ha ordinato 24 Rafale da Parigi nel 2015, solo poche settimane dopo il primo ordine di esportazione dell'aereo da parte dell'Egitto, ma due anni dopo ne ha ordinato una dozzina di copie aggiuntive, nonché la modernizzazione della sua flotta allo standard F3R. In questo senso, Doha ha sicuramente giocato un ruolo importante nel successo che oggi conosciamo di...

Leggi l'articolo

Secondo quanto riferito, la Bielorussia usa migranti siriani e iracheni contro la Lituania

Per diversi anni il presidente turco RT Erdogan ha utilizzato la minaccia di liberare ondate di migranti dalla Siria, dall'Iraq e più in generale, da tutto il Medio Oriente, verso le coste europee, per far cedere Bruxelles e le cancellerie europee. Questa strategia, che ha permesso ad Ankara di negoziare un accordo di compensazione da 6 miliardi di euro per mantenere questi migranti sul suo suolo. Ovviamente il metodo è stato emulato, dal momento che secondo il ministro dell'Interno lituano Agnė Bilotaitė, Minsk ora utilizzerebbe un metodo simile per rispondere alle sanzioni europee e in particolare al sostegno fornito dalla Lituania agli oppositori bielorussi in esilio. Mais…

Leggi l'articolo

I droni da combattimento turchi moltiplicano i successi commerciali

I droni TB2 e ANKA hanno avuto un'enorme visibilità mediatica durante la guerra del Nagorno-Karabakh nel 2020, durante la quale, insieme alle munizioni itineranti Harop e Harpy di origine israeliana, hanno contribuito notevolmente al successo delle forze armate azere sulle forze armene. Da allora, Ankara ha moltiplicato contratti e trattative in esclusiva per esportare i suoi preziosi equipaggiamenti, contribuendo a posizionare il Paese tra le prime tre nazioni mondiali in questo campo, insieme a Stati Uniti e Cina. Infatti, oltre agli eserciti turchi e azeri, negli ultimi mesi sono stati ordinati droni turchi anche Ucraina, Qatar, Marocco,...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE