La Polonia ordinerà 32 elicotteri AW149 dall'italiano Leonardo

Il ministro della Difesa polacco Mariusz Błaszczak ha annunciato dopo un incontro con il presidente Duda e lo stato maggiore polacco che Varsavia ordinerà 32 elicotteri medi AW149 dall'italiano Leonardo, in 3 versioni che saranno assemblati in loco dallo stabilimento PZL Świdnik di proprietà del costruttore aeronautico italiano . La difesa è ovviamente LA QUESTIONE politica del momento in Polonia. Da alcune settimane, infatti, gli annunci riguardanti nuovi programmi o nuovi investimenti si moltiplicano a un ritmo quasi giornaliero, mentre Varsavia intende compiere uno sforzo senza precedenti per modernizzare le proprie forze armate, aumentando il proprio sforzo di difesa a...

Leggi l'articolo

La Polonia vuole passare da 4 a 6 divisioni operative nel 2035

Nell'ambito del lavoro sul programma "Modello 2035" volto a modernizzare e rafforzare gli eserciti polacchi entro il 2035, il ministro della Difesa polacco, Mariusz Błaszczak, ha annunciato che le dimensioni dell'esercito del paese sarebbero passate da 4 divisioni attuali a 6 divisioni nel 2035, con un aumento significativo della manodopera e delle attrezzature di personale. Mentre la Polonia ha un PIL di soli 600 miliardi di euro, un quarto di quello della Francia, e una popolazione di 38 milioni, appena il 55% dei 68 milioni di francesi, il paese ha una forza armata molto grande, in...

Leggi l'articolo

La Polonia continua a escludere le offerte europee dai suoi contratti di armi

Dall'annullamento del contratto elicotteristico Caracal annunciato nel 2016 per rivolgersi a elicotteri di fabbricazione americana, Varsavia ha mostrato una netta preferenza per l'equipaggiamento americano, con l'ordine di 2 batterie antiaeree e antimissilistiche Patriot PAC3 nel 2018, 20 HIMARS sistemi a lancio multiplo di razzi, 185 missili anticarro Javelin e 32 cacciabombardieri F-35A nel 2019 e, più recentemente, 250 carri armati pesanti M1A2 Abrams nel 2021. In molti casi sono stati proposti equipaggiamenti equivalenti o addirittura superiori di fattura europea (Rafale/Typhoon /Gripen, missili MMP/EuroSpike, sistema SAMP/T Mamba e carri armati Leopard 2A7), senza potersi imporre alle offerte americane.…

Leggi l'articolo

Germania, Polonia, Slovacchia: presto i carri armati europei in Ucraina?

Fino a che punto siamo arrivati ​​dal giorno dopo l'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, un diplomatico tedesco avrebbe risposto al suo omologo ucraino che non aveva senso inviare equipaggiamento militare agli eserciti ucraini, poiché questi ultimi sarebbero stati spazzati via in un pochi giorni. In questi giorni, infatti, si sono moltiplicate le dichiarazioni in Europa, e più in generale in tutto il campo occidentale, a favore di un sostegno molto più sostenuto dato all'Ucraina in termini di equipaggiamento di difesa, compreso il pesante equipaggiamento richiesto per diverse settimane da Kiev per resistere alle ondate d'assalto lanciate da Mosca. Già, la scorsa settimana, Praga aveva confermato...

Leggi l'articolo

Maggiori dettagli sulle nuove fregate polacche Mièçznick

Il 4 marzo, quando l'attenzione dei media era tutta concentrata sui combattimenti in Ucraina, Varsavia ha annunciato il vincitore del concorso finalizzato alla progettazione e realizzazione di 3 nuove fregate e alla sostituzione delle due fregate tipo OH Perry acquisite di seconda mano dalla US Navy, e entrato a far parte della Marina polacca all'inizio degli anni 2000. È stato il britannico Babcock, associato ai cantieri navali PGZ Stocznia Wojenna e Remontowa Shipbuilding SA, nonché Thales e MBDA, a vincere la competizione contro il Meko 300 della tedesca Thyssenkrupp. Il modello scelto da Varsavia è l'Arrowhead 140, su cui si basa la nuova fregata in arrivo...

Leggi l'articolo

MGCS: Italia, Polonia, Norvegia e Gran Bretagna potrebbero aderire al programma dal 2023

Risultato di uno studio preliminare lanciato congiuntamente da Francia e Germania nel 2012, il programma Main Ground Combat System, o MGCS, è stato lanciato ufficialmente nel 2017 da Emmanuel Macron e Angela Merkel per sostituire nel 2035 i carri armati francesi Leclerc e i tedeschi Leopard 2, insieme a 3 altri programmi emblematici della cooperazione franco-tedesca nel settore della difesa, il Future Air Combat System o SCAF per sostituire il Rafale e il Typhoon nel 2040, il Common Indect Fire System o CIFS per sostituire i cannoni semoventi e lanciarazzi multipli nel 2035, e il Maritime Airborne Warfare System o MAWS per...

Leggi l'articolo

Il sostegno militare europeo all'Ucraina dovrebbe essere aumentato?

Pochissimi, anche tra i più informati, avevano immaginato che dopo 5 settimane di combattimento, l'operazione militare speciale russa sarebbe stata così contenuta dai difensori ucraini, e che anche gli eserciti russi avrebbero subito perdite materiali e umane importanti. Tuttavia, oggi, nonostante la sua straordinaria potenza di fuoco e aviazione, è l'esercito russo a mettersi in posizione difensiva su molti fronti, e persino a ritirarsi di fronte ad alcuni contrattacchi ucraini, soprattutto intorno a Kiev. Tuttavia, questa percezione data sia dai media occidentali che dall'efficientissima comunicazione di guerra ucraina, non consente...

Leggi l'articolo

Cacofonia all'interno della NATO sui MiG-29 polacchi

Ieri sera abbiamo pubblicato un articolo (per evitare confusione, è stato cancellato ed è consultabile per informazioni alla fine di questo articolo) riguardante l'annunciata decisione di Varsavia di trasferire i suoi caccia Mig-29 nella base americana di Rammstein in Germania , suggerendo che gli Stati Uniti assicurerebbero la consegna di questi caccia all'aviazione ucraina per sostenere lo sforzo di difesa contro l'aggressione russa. Nello stesso comunicato stampa, le autorità polacche hanno annunciato che avrebbero sostituito l'aereo offerto indirettamente all'Ucraina, acquistando aerei da combattimento di seconda mano con le stesse capacità di quelli dei suoi Mig-29, suggerendo che ...

Leggi l'articolo

L'Unione europea schiera una squadra di reazione rapida informatica per proteggere l'Ucraina

Una decina di giorni fa, diversi siti ministeriali e le 3 più importanti banche ucraine sono stati presi di mira da un massiccio attacco informatico di tipo denial of access, o DDOS. Per quasi 24 ore, le capacità di comunicazione ei servizi di queste strutture sono stati così paralizzati da questo attacco, la cui origine è stata attribuita a gruppi di hacker russi. Nell'attuale contesto di tensioni estreme, la capacità delle autorità ucraine di mantenere canali di comunicazione funzionali con la popolazione e di mantenere attivi servizi bancari per la popolazione, è decisiva quanto le risposte militari operative del suo...

Leggi l'articolo

La crisi corre tra Ucraina, Russia e Occidente

La tensione è ora al massimo tra l'Ucraina, i suoi partner occidentali e la Russia, e la catena di eventi sembra aver accelerato nelle ultime ore. Dopo la prevedibile falsa partenza del 16 febbraio, data proposta pubblicamente da Washington come probabile per un attacco russo contro l'Ucraina, e dopo l'annuncio, di fatto infondato, di un ritiro parziale delle forze russe schierate lungo il confine ucraino, queste ultime ore sono state lo scenario di una serie di dichiarazioni di Mosca, Washington e dell'Europa, che mostrano una traiettoria molto disastrosa per l'Ucraina e, più in generale, per la pace in Europa. 1- Ridistribuzione discreta delle forze...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE