L'americano Raytheon sta sviluppando un drone "cacciatore di droni"

Impegni recenti, come nel Nagorno-Karabakh nel 2020, in Siria o nello Yemen, hanno mostrato l'onnipresenza dei droni sul campo di battaglia, così come la difficoltà che i sistemi antiaerei incontrano nell'eliminarli. Tuttavia, siano essi utilizzati per attacchi diretti di artiglieria, per lanciare munizioni aria-terra leggere o sotto forma di munizioni erranti, i droni leggeri si sono rivelati anche estremamente efficaci, al punto da diventare la principale minaccia individuata dai combattenti in questi teatri operativi. Da allora è stata lanciata la corsa per trovare una contromisura efficace contro questa minaccia e molti eserciti, così come molti industriali, stanno provando...

Leggi l'articolo

Social Warfare, questa nuova minaccia contro le democrazie occidentali

L'assalto al Campidoglio da parte di un gruppo di rivoltosi il 6 gennaio, a margine della fine del mandato di Donald Trump, ha avuto l'effetto di una scossa elettrica per tutte le capitali occidentali. Improvvisamente, la minaccia cospirativa, che fino a quel momento era stata considerata un epifenomeno, certamente grave, ma limitato nei suoi potenziali danni, è stata spinta al rango di minaccia maggiore per la sopravvivenza stessa della Democrazia e dello Stato di diritto. Da quel momento in poi, tutti i capi di stato occidentali si sono impegnati ad agire per cercare di controllare questa minaccia manipolata da alcuni politici senza scrupoli e da alcune persone il cui status di guru sociale è lusinghiero...

Leggi l'articolo

Vittime di hacking giganti, le agenzie statunitensi puntano alla Russia

Il caso ha suscitato scalpore dall'altra parte dell'Atlantico. In effetti, molte delle più importanti agenzie governative americane, tra cui il Department of Homeland Security, sono state hackerate per diversi mesi da un team di hacker che potenzialmente avevano accesso a tutte le email e ai documenti scambiati da queste agenzie, creando una delle più grandi violazioni della sicurezza gli Stati Uniti hanno visto negli ultimi decenni. Oltre ai metodi impiegati dagli hacker e ai dati potenzialmente trapelati, il Dipartimento della Sicurezza Nazionale sta ora cercando di determinare l'origine dell'hacking e sembra che tutte le strade portino a Mosca. È attraverso una piattaforma software Orion...

Leggi l'articolo

La Gran Bretagna cambia radicalmente la dottrina strategica

Per diversi mesi si susseguono dichiarazioni provenienti da Londra sull'evoluzione degli eserciti britannici, con riduzioni molto spesso drastiche dei mezzi, in particolare pesanti, delle sue forze. Si parla infatti di dimezzare la flotta F35B, oltre a ridurre la flotta di superficie della Royal Navy di 5 fregate e di mettere fuori servizio i carri armati Challenger 2 e i Warrior Infantry Combat Vehicles dell'esercito britannico. Finora il governo di Boris Johnson si era accontentato di indicare che nulla era stato deciso oggi in merito agli arbitrati che si svolgeranno al termine della Strategic Review in...

Leggi l'articolo

Possiamo ancora fare affidamento sulla deterrenza nucleare?

Il 5 novembre 1956, un corpo di spedizione franco-britannico sbarcò in Egitto per riprendere il controllo del Canale di Suez recentemente nazionalizzato dal presidente Gamal Abdel Nasser, in un'operazione militare organizzata congiuntamente con Israele, che aveva preso il Sinai egiziano pochi giorni prima. presto. Nonostante i successi militari di questa coalizione, le truppe franco-britanniche si ritirarono dopo pochi giorni, quando l'Unione Sovietica minacciò Parigi e Londra di attacchi nucleari. Anche se la NATO avesse dichiarato in quel momento che una tale azione sovietica avrebbe portato a una risposta della stessa natura, Washington ha anche fatto pressioni sui suoi due alleati europei per ottenere il loro ritiro, effettuando un attacco...

Leggi l'articolo

Con Akinci, la Turchia completa la sua gamma di droni armati di lunga durata

I droni turchi, negli ultimi mesi, hanno ampiamente dimostrato la loro efficacia operativa, sia nei teatri operativi in ​​Siria, Libia o Iraq. Che si tratti del drone Anka medio o del drone TB2 leggero, combinano una notevole resistenza (24 ore), capacità di rilevamento e comunicazione efficaci e comprovate capacità di trasporto di munizioni. Così, in Libia, i TB2 turchi avrebbero distrutto diversi sistemi antiaerei Pantsir S1 forniti dagli Emirati Arabi Uniti alle forze del generale Haftar, registrando solo un numero limitato di perdite. Inoltre, sono rinomati per essere poco costosi,...

Leggi l'articolo

Con una nuova vendita in Marocco, l'AH-64 Apache di Boeing conferma il suo status di best seller mondiale

Il caso andava avanti già da quasi un anno. Nel 2019, a seguito dell'acquisto di nuovi F-16, il Regno del Marocco ha annunciato l'intenzione di acquisire elicotteri da combattimento AH-64 Apache dalla Boeing americana. Dopo il fallimento della vendita francese di Rafale nel 2006, e nonostante l'acquisizione di una fregata francese FREMM, Rabat sembra ora risolutamente orientata verso la cooperazione con gli Stati Uniti in termini di difesa e acquisto di armi. Lo scorso novembre Washington ha logicamente autorizzato la vendita di 36 elicotteri Apache tramite la procedura Foreign Military Sales (FMS), che garantisce prezzi bassi e consegne veloci. Rimase in Marocco solo a...

Leggi l'articolo

Barkhane: sei mesi dopo il vertice di Pau, quali effetti sul teatro saheliano?

Il 13 gennaio 2020 si è tenuto il Vertice di Pau per ridare slancio a un Sahel del G5 demoralizzato e destabilizzato sotto gli attacchi aggressivi dei Gruppi terroristici armati (GAT). Pochi mesi dopo osserviamo effetti incoraggianti sul terreno, sia per la pressione esercitata sui GAT, sia per l'ascesa al potere degli eserciti saheliani. All'inizio del 2020, l'operazione Barkhane ha perso legittimità in proporzione alle perdite subite dagli eserciti saheliani e alle critiche dell'opinione pubblica francese. Il Vertice di Pau non ha modificato l'effetto finale desiderato (EFR) dell'operazione Barkhane: tieni ...

Leggi l'articolo

Arma laser aviotrasportata: il comando delle operazioni speciali degli Stati Uniti mira a un dimostratore entro il 2022

Dopo anni di rinvio e inizialmente previsto per l'anno fiscale 2019, la prospettiva di integrare un sistema d'arma laser nella vasta gamma di armamenti della cannoniera AC-130J Ghostrider sembra tornare a farsi più chiara ed è ora auspicata per il 2022. Svelata lo scorso maggio dall'Air Force Special Operations Command (AFSOC), è probabile che questo programma fornisca nuove capacità tattiche, ma i cui contorni e portata d'azione rimangono comunque incerti. Per comprendere appieno le problematiche operative alla base della tecnologia laser, che molti definiscono rivoluzionaria, è necessario identificarne il funzionamento, i suoi punti di forza e anche i suoi punti deboli. Le cosiddette armi laser agiscono per effetto...

Leggi l'articolo

Mentre l'Eurodrone ristagna, l'aviazione americana prepara il successore del famoso MQ-9 Reaper

Lo scorso marzo, il capo delle acquisizioni della United States Air Force, Will Roper, ha annunciato davanti al Congresso degli Stati Uniti che l'USAF voleva interrompere la produzione dei droni MQ-9 Reaper dal 2022. Come abbiamo spiegato in un dettagliato articolo all'epoca , questa prematura cessazione delle consegne dei Razziatori dovrebbe consentire di finanziare una nuova famiglia di droni più o meno complessi in grado di riprendere sia le missioni ISR ​​(intelligence, sorveglianza, ricognizione) che le operazioni di attacco attualmente assegnate ai Razziatori, estendendo al contempo lo spettro di missioni che possono essere affidate a sistemi aerei senza pilota (UAS). Oggi un primo...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE