La Francia allineerà il suo sforzo di difesa con la Germania?

Tra i profondi sconvolgimenti geopolitici causati dall'offensiva russa in Ucraina, l'annuncio fatto domenica 27 febbraio dal cancelliere tedesco Olaf Scholz al Bundestag sul massiccio aumento dello sforzo di difesa tedesco, è senza dubbio quello che avrà più conseguenze in Europa a medio e lungo termine. Rompendo con 30 anni di sottoinvestimenti cronici da parte della Bundeswehr, che hanno portato il capo di stato maggiore tedesco ad avvertire pubblicamente Berlino del deterioramento delle capacità operative dei suoi eserciti dal primo giorno del conflitto in Ucraina, Berlino ha annunciato un piano volto a modernizzare l'esercito tedesco eserciti a breve termine con...

Leggi l'articolo

In che modo la guerra russo-ucraina ha ridisegnato la mappa geopolitica globale in pochi giorni?

Al di là dell'eroica resistenza degli ucraini e del loro presidente contro le forze russe, e dell'evidente cambio di strategia nel piano di attacco del Cremlino che torna a una strategia più convenzionale ma anche molto più violenta nei confronti delle popolazioni civili, la decisione di Vladimir Putin di lanciare questa offensiva contro l'Ucraina ha provocato, su scala internazionale, un'ondata geopolitica di portata senza precedenti dalla caduta del muro di Berlino. Perché se i soldati russi hanno seriamente sottovalutato la capacità di resistenza dei soldati ma anche dei civili ucraini, il Cremlino, dal canto suo, ha profondamente sottovalutato l'unità e la risposta che sarà dimostrata...

Leggi l'articolo

Quando la guerra informatica invade la guerra biologica

Una delle lezioni più sorprendenti della crisi del Covid, che sta colpendo il mondo da più di due anni, non è probabilmente la vulnerabilità delle società umane alla comparsa di un nuovo patogeno, argomento documentato da molti anni. . D'altra parte, questa crisi ha messo in luce l'immensa dipendenza delle società occidentali dal loro sistema sanitario e dall'adesione dei cittadini a questo sistema. Pertanto, non è mai stato il tasso di incidenza, ma l'alfa e l'omega dell'epidemiologia, non più del numero di decessi, che sono stati al centro delle decisioni politiche in Europa e negli Stati Uniti per arginare gli effetti di...

Leggi l'articolo

L'Unione europea schiera una squadra di reazione rapida informatica per proteggere l'Ucraina

Una decina di giorni fa, diversi siti ministeriali e le 3 più importanti banche ucraine sono stati presi di mira da un massiccio attacco informatico di tipo denial of access, o DDOS. Per quasi 24 ore, le capacità di comunicazione ei servizi di queste strutture sono stati così paralizzati da questo attacco, la cui origine è stata attribuita a gruppi di hacker russi. Nell'attuale contesto di tensioni estreme, la capacità delle autorità ucraine di mantenere canali di comunicazione funzionali con la popolazione e di mantenere attivi servizi bancari per la popolazione, è decisiva quanto le risposte militari operative del suo...

Leggi l'articolo

La Francia e l'Europa possono affrontare la sfida della sicurezza russa?

Dopo settimane e mesi di speculazioni e tentativi di mediazione diplomatica, Vladimir Putin ha svelato parte del suo gioco ieri lunedì 21 febbraio, all'indomani della fine dei Giochi Olimpici Cinesi, riconoscendo l'indipendenza delle due sedicenti repubbliche del Donbass, e commovente poche ore dopo, parte delle sue unità in questa regione, sulla base di pretesti tanto discutibili quanto artificiali. Tuttavia, l'eccezionale dispiegamento di forze effettuato dagli eserciti russi intorno all'Ucraina supera di gran lunga le esigenze di quest'ultima manovra da sola per dissuadere l'Ucraina da qualsiasi tentativo di rappresaglia, e il...

Leggi l'articolo

L'abbagliante dispiegamento della forza russa rende obsoleti i paradigmi di sicurezza europei

Lo scorso aprile, le forze armate russe avevano dispiegato in due mesi più di 100.000 uomini lungo i confini ucraini, creando notevoli tensioni regionali. Ma in assenza di alcune osservazioni, come il massiccio assemblaggio dell'Inter-arms Tactical Battalion, il formato di combattimento delle unità russe paragonabile al francese Inter-arms Tactical Group, scorte sufficienti di munizioni e carburante, preposizionamento di forze di supporto come ospedali da campo, questa dimostrazione di forza non ha permesso al Cremlino di convincere gli occidentali della realtà della minaccia. Tuttavia, questo dispiegamento di forze non ha portato a cambiamenti significativi nelle posizioni difensive...

Leggi l'articolo

Il Giappone aggiornerà 68 dei suoi F-15J per 5,6 miliardi di dollari

Le trattative sono state lunghe e difficili, ma sono andate a buon fine, visto che Tokyo ha appena annunciato la firma di un contratto del valore di 646,5 Tr de Yen, ovvero 5,6 miliardi di euro, per modernizzare 68 dei circa 200 F-15J ancora in servizio con la Forza di autodifesa aerea giapponese. Non è stato ancora deciso il destino dei 36 F-15DJ a due posti potenzialmente modernizzabili rimasti, mentre circa un centinaio dei più vecchi F-15 saranno ritirati dal servizio con l'arrivo degli F-35A ordinati da Tokyo due anni fa. . Entro il 2035, il Giappone avrà quindi una forte forza aerea da 300 a 350 aerei moderni,...

Leggi l'articolo

La Commissione Europea vuole abolire l'Iva per i programmi di difesa europei

Da diversi anni le autorità europee hanno compiuto sforzi significativi per stimolare la cooperazione europea nell'area dei programmi di difesa. L'osservazione iniziale è stata che nel 2000 gli eserciti europei hanno implementato più di una dozzina di diversi modelli di aerei da combattimento e quasi un centinaio di modelli di veicoli corazzati, molti dei quali sono stati prodotti e mantenuti al di fuori dei confini dell'Europa. Si trattava quindi di trovare approcci per razionalizzare l'equipaggiamento degli eserciti europei, per mettere in sicurezza le catene di produzione e manutenzione e per stimolare l'autonomia strategica europea in questo campo. Tra le soluzioni implementate troviamo la Cooperazione Strutturata Permanente, ovvero…

Leggi l'articolo

I 4 arbitrati chiave per le elezioni presidenziali francesi in termini di Difesa

Mentre Mosca ha appena annunciato contemporaneamente il ritiro parziale di alcune unità dislocate lungo i confini ucraini, e la Duma ha appena approvato l'integrazione delle Oblast' di Donetsk e Lugansk nel Donbass nella Federazione Russa, la decisione finale resta nelle mani di Vladimir Putin, i recenti eventi hanno dimostrato che le questioni della Difesa non possono più essere ignorate dai candidati alle elezioni presidenziali francesi. Tuttavia, i programmi finora presentati si accontentano il più delle volte di elencare determinate misure e promesse, senza offrire sufficiente visibilità agli elettori sulla reale strategia dei candidati se raggiungono...

Leggi l'articolo

Di fronte agli europei, l'esercito russo nel 2030 sarà molto più potente di oggi

L'attuale crisi russo-ucraina, qualunque sia la sua conclusione, avrà consentito a Mosca di dare una straordinaria dimostrazione di forza in Europa, al punto che nessun Paese europeo, nemmeno quello più vicino a Kiev, intende impegnarsi militarmente a fianco degli eserciti ucraini in caso di conflitto. Ed è chiaro che questi eserciti russi sono riusciti a mobilitare, muovere e radunare un centinaio di battaglioni tattici ad armi combinate, l'equivalente russo dei gruppi tattici inter-armati francesi, ovvero il 65% della sua forza operativa terrestre, e questo tra i Novembre e inizio febbraio. Per fare un confronto, l'Armata di...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE