Perché la Francia dovrebbe avere interesse a "sponsorizzare" alcune delle sue esportazioni di attrezzature per la difesa?

Nel 2018, Atene ha annunciato l'ordine di 84 kit di modernizzazione per portare parte del suo F-16 C/D Block 52 allo standard Block 72, in modo da migliorare le capacità deterrenti greche contro l'ascesa delle forze aeree e della contraerea turca. Il contratto, del valore di 1,6 miliardi di dollari, prevedeva l'assemblaggio dei nuovi dispositivi in ​​Grecia da parte di HAI e la consegna di tutti i componenti da parte degli Stati Uniti, come il radar AESA AN/APG-80, una nuova suite per la guerra elettronica e un nuovo IRST (InfraRed Search and Track), che offre a questi cacciatori acquisiti negli anni '90, nuove capacità perfettamente moderne....

Leggi l'articolo

6 affermazioni ricorrenti ma errate sul programma aereo di nuova generazione SCAF

Annunciato nel 2017 poco dopo l'arrivo all'Eliseo di Emmanuel Macron per il suo primo mandato, il programma SCAF, per Future Air Combat System, rappresenta uno dei due pilastri principali, insieme al programma MGCS, dell'ambizione Francia-Germania sviluppata in questa data per rafforzare l'autonomia strategica europea nel campo della difesa attorno alla cooperazione industriale strategica tra i due paesi. Da allora, il programma ha integrato la Spagna al suo interno, ma è stato soprattutto segnato da tensioni crescenti e sempre più divisive tra Parigi e Berlino, in particolare tra gli industriali dei due paesi, in particolare intorno ai primi e principali 7 pilastri...

Leggi l'articolo

LPM 2029: I vincoli di bilancio e le esigenze degli eserciti possono convergere? (2/2)

La base di difesa offre un approccio innovativo e pertinente per affrontare le sfide del finanziamento dello sforzo di difesa in Francia nell'attuale contesto caratterizzato da forti vincoli di bilancio e dalla necessità di modernizzare ed estendere le capacità militari del paese altrettanto importanti. Nella prima parte di questo articolo abbiamo presentato la struttura e i paradigmi che stanno alla base di questo approccio di finanziamento basato su 4 pilastri: una società finanziaria che realizza un'offerta di noleggio di attrezzature destinate agli eserciti, un modello di finanziamento basato sul ricorso al risparmio, una moderna analisi dell'efficienza di bilancio degli investimenti, ecc.

Leggi l'articolo

LPM 2029: I vincoli di bilancio e le esigenze degli eserciti possono convergere? (1/2)

Come il più delle volte accade nella progettazione di una legge di programmazione militare, oggi si fronteggiano due vincoli critici tra Ministero delle Finanze e Ministero delle Forze Armate per disegnare la traiettoria di bilancio che sarà alla base della prossima Legge di pianificazione militare che inquadrare lo sforzo di difesa francese tra il 2023 e il 2029. Per lo Stato maggiore della difesa, il fabbisogno di investimenti è stato stimato in circa 435 miliardi di euro nell'intero periodo, al fine di consentire alle forze armate francesi di recuperare capacità operative compatibili con l'evoluzione della minaccia, in particolare nel campo del coinvolgimento ad alta intensità. Per…

Leggi l'articolo

Quali sono le 5 criticità della prossima legge francese sulla programmazione militare?

Il giorno dopo l'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, la maggioranza dei francesi ha scoperto, o riscoperto, in modo molto brutale, il ruolo delle forze armate nell'assicurare ciò che avevano dato per scontato per diversi decenni, ovvero la loro sicurezza. Nel tentativo di rassicurare l'opinione pubblica e di occupare uno spazio mediatico trascurato dai politici sullo sfondo delle elezioni presidenziali e legislative, gli eserciti francesi hanno quindi moltiplicato le comunicazioni, cercando di presentare ai francesi un volto confortante, in particolare insistendo su detti esercizi “ad alta intensità”, termine che è apparso anche improvvisamente nelle discussioni, anche sui set…

Leggi l'articolo

Il Senato degli Stati Uniti vota per riattivare il programma Lend-Lease a sostegno dell'Ucraina

All'inizio degli anni '30, gli Stati Uniti scelsero un atteggiamento internazionale di neutralità, rispondendo a un importante desiderio dell'opinione pubblica americana di non lasciarsi trascinare in una nuova guerra europea. Dal 1939, tuttavia, il presidente Roosevelt impose il sistema Cash and Carry, consentendo agli alleati occidentali degli Stati Uniti come Regno Unito e Francia di ordinare equipaggiamenti militari prodotti dall'industria statunitense per rafforzare le proprie capacità. Eserciti tedeschi e italiani in Europa e giapponesi nel Pacifico, purché siano immediatamente pagati in dollari o in oro...

Leggi l'articolo

The Defense Base, la risposta ai vincoli francesi in termini di spesa per la difesa

Nel novembre 2018, a seguito di un articolo di Michel Cabirol per il sito economico La Tribune, il progetto Socle Défense aveva brevemente attirato l'attenzione dei media e della politica, al punto da essere oggetto di un argomento nelle 20 ore di Francia 2. Mentre lo Strategico Revisione e Legge di programmazione militare in preparazione, questo progetto proponeva di fare affidamento su una nuova architettura di finanziamento attraverso il risparmio e un modello di noleggio di attrezzature per la difesa, che consentisse di aumentare gli investimenti della difesa oltre il 2,65% del PIL, soglia definita dalla Base di Difesa per consentire alla Francia di...

Leggi l'articolo

La Commissione Europea vuole abolire l'Iva per i programmi di difesa europei

Da diversi anni le autorità europee hanno compiuto sforzi significativi per stimolare la cooperazione europea nell'area dei programmi di difesa. L'osservazione iniziale è stata che nel 2000 gli eserciti europei hanno implementato più di una dozzina di diversi modelli di aerei da combattimento e quasi un centinaio di modelli di veicoli corazzati, molti dei quali sono stati prodotti e mantenuti al di fuori dei confini dell'Europa. Si trattava quindi di trovare approcci per razionalizzare l'equipaggiamento degli eserciti europei, per mettere in sicurezza le catene di produzione e manutenzione e per stimolare l'autonomia strategica europea in questo campo. Tra le soluzioni implementate troviamo la Cooperazione Strutturata Permanente, ovvero…

Leggi l'articolo

Florence Parly in Indonesia per negoziare la vendita dei sottomarini Rafale e Scorpene?

Da questa mattina, il ministro francese delle Forze armate è a Giacarta, in Indonesia, per un viaggio di 2 giorni di importanza strategica per la Francia e la sua industria della difesa. Da due anni sono in corso trattative tra Parigi e Giacarta per l'acquisizione di caccia Rafale per l'aviazione indonesiana e di sottomarini Scorpene per la marina del Paese, in un vasto sforzo di ammodernamento delle forze armate che ha portato, negli ultimi mesi, a nell'ordine di 6 fregate FREMM della fincantieri italiana e due fregate Arrowhead 140 in costruzione localmente dalla compagnia britannica Babcock. Il…

Leggi l'articolo

4 modelli di bilancio sostenibili per la modernizzazione e l'estensione delle forze armate

In un ambiente mediatico sorprendentemente discreto, sul pianeta si stanno svolgendo simultaneamente diverse grandi crisi che potrebbero potenzialmente evolvere in conflitto armato tra grandi potenze, sia che si tratti della crisi tra Ucraina e Russia che potenzialmente coinvolge la NATO, sia tra Israele e Iran sul programma nucleare di quest'ultima , o la crisi tra Pechino e Taiwan, ognuno di essi porta l'inizio di un conflitto internazionale su vasta scala che potrebbe coinvolgere l'Europa, e la Francia in particolare. In tale contesto, sembra che i mezzi oggi a disposizione delle Forze armate francesi siano quantitativamente insufficienti e qualitativamente inadeguati per farvi fronte. Infatti, il…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE