La US Navy vuole eliminare 5 squadroni di aerei da guerra elettronica EA-18G Growler

Dal ritiro degli ultimi EF-111A Ravens dalla US Air Force nel 1998, la US Navy è stata l'unica forza aerea statunitense con una flotta di caccia tattici dedicati alla guerra elettronica e alla soppressione delle difese antiaeree nemiche. , inizialmente in servizio EA-6B Prowler, poi, dal 2011, su EA-18G Growler, una versione del Super Hornet F/A 18 F appositamente per questa missione. Tuttavia, le esigenze del Pentagono per questo tipo di missioni non sono scomparse con il ritiro degli EF-111A, e gli F-16C/D dotati di missili HARM non sono stati sufficienti per garantire le missioni di scorta delle forze aeree nelle aree contese. È qui…

Leggi l'articolo

Perché le navi francesi spesso non sono equipaggiate a sufficienza?

Pochi giorni fa, un articolo di Mer et Marine ha provocato una certa frenesia mediatica nell'ambito della difesa nazionale. Ha spiegato che la fregata Bretagne della Marina francese, una nave di classe Aquitaine, aveva visto i suoi jammer R-ECM, equipaggiamento progettato da Thales, e che consentono alla nave di bloccare i radar delle navi ma anche i missili antiaerei. , ritirata per equipaggiare la nuova fregata Lorena. Infatti, solo 7 lotti di jammer sono stati effettivamente ordinati dalla Marina francese per equipaggiare le sue 8 fregate FREMM, lasciando una nave permanentemente priva di questi sistemi, che sono comunque considerati critici per...

Leggi l'articolo

L'Italia aumenterà il suo budget per la difesa di 12 miliardi di euro entro il 2028

L'Europa è una terra di paradossi. Mentre negli ultimi 10 anni i leader europei avevano ignorato l'ascesa degli eserciti russi e la costruzione di una potenza militare alle porte dell'Europa basata sul potente alleato cinese e capace, come pensavamo qualche settimana fa, di conquistare il il sopravvento sulle forze NATO presenti in Europa, lo scoppio dell'invasione dell'Ucraina da parte degli eserciti russi e la flagrante scarsa prestazione di quest'ultimo contro un avversario ritenuto di gran lunga inferiore, hanno generato una raffica di annunci a favore dello sforzo di difesa all'interno dell'intero...

Leggi l'articolo

Con il bilancio 2023, gli eserciti americani svelano la loro strategia di trasformazione di fronte alla Cina

È comune leggere fino a che punto gli eserciti russi impegnati in Ucraina fanno affidamento sull'equipaggiamento ereditato dal periodo sovietico. È vero che, sebbene modernizzati, i T-72B3, T80BV, BMP-2 e altri Msta-S sono stati tutti progettati negli anni '70 e '80, come nel caso degli aerei da combattimento della serie Flanker o degli elicotteri Mil e Kamov. Tuttavia, è chiaro che in Occidente la situazione è sostanzialmente identica, anche per quanto riguarda la punta della spada, ovvero l'esercito americano, che continua a fare affidamento sui carri armati Abrams, i Bradley VCI, i...

Leggi l'articolo

La Germania è interessata al sistema antibalistico israeliano Arrow 3 ed è (ancora) ignara delle soluzioni francesi esistenti

Mentre Parigi e Berlino continuano a proclamare forte e chiaro la loro comune volontà di cooperare nel campo delle tecnologie per la difesa, numerosi arbitrati svolti dalle autorità tedesche, prima e dopo il cambio di governo di dicembre, mostrano una situazione ben più complessa e un rivalità permanente tra le due maggiori economie della zona euro, in particolare nel campo degli armamenti. Dall'EuroSpike al P8 Poseidon, dall'F-35 all'ESSM, dall'Apache all'Arrow 3, le scelte passate, presenti e future degli eserciti tedeschi in termini di equipaggiamento sembrano escludere sistematicamente delle alternative...

Leggi l'articolo

The Defense Base, la risposta ai vincoli francesi in termini di spesa per la difesa

Nel novembre 2018, a seguito di un articolo di Michel Cabirol per il sito economico La Tribune, il progetto Socle Défense aveva brevemente attirato l'attenzione dei media e della politica, al punto da essere oggetto di un argomento nelle 20 ore di Francia 2. Mentre lo Strategico Revisione e Legge di programmazione militare in preparazione, questo progetto proponeva di fare affidamento su una nuova architettura di finanziamento attraverso il risparmio e un modello di noleggio di attrezzature per la difesa, che consentisse di aumentare gli investimenti della difesa oltre il 2,65% del PIL, soglia definita dalla Base di Difesa per consentire alla Francia di...

Leggi l'articolo

La Germania può diventare il pilastro della difesa europea in divenire?

L'aggressione russa contro l'Ucraina ha infranto molte certezze in Europa sulla realtà della sicurezza del vecchio continente. Il Paese che oggi risente maggiormente di questi cambiamenti non è altro che quello che il 27 febbraio, appena 4 giorni dopo l'inizio dell'offensiva russa ha annunciato il cambiamento più radicale della propria politica, abbandonando 30 anni di Soft-Power e OstPolitik per misure spettacolari per modernizzare e rafforzare le sue forze armate, con una dotazione immediata di 100 miliardi di euro e un budget annuale che sarà aumentato oltre il 2% del PIL richiesto dalla NATO dal...

Leggi l'articolo

La Francia allineerà il suo sforzo di difesa con la Germania?

Tra i profondi sconvolgimenti geopolitici causati dall'offensiva russa in Ucraina, l'annuncio fatto domenica 27 febbraio dal cancelliere tedesco Olaf Scholz al Bundestag sul massiccio aumento dello sforzo di difesa tedesco, è senza dubbio quello che avrà più conseguenze in Europa a medio e lungo termine. Rompendo con 30 anni di sottoinvestimenti cronici da parte della Bundeswehr, che hanno portato il capo di stato maggiore tedesco ad avvertire pubblicamente Berlino del deterioramento delle capacità operative dei suoi eserciti dal primo giorno del conflitto in Ucraina, Berlino ha annunciato un piano volto a modernizzare l'esercito tedesco eserciti a breve termine con...

Leggi l'articolo

La Francia e l'Europa possono affrontare la sfida della sicurezza russa?

Dopo settimane e mesi di speculazioni e tentativi di mediazione diplomatica, Vladimir Putin ha svelato parte del suo gioco ieri lunedì 21 febbraio, all'indomani della fine dei Giochi Olimpici Cinesi, riconoscendo l'indipendenza delle due sedicenti repubbliche del Donbass, e commovente poche ore dopo, parte delle sue unità in questa regione, sulla base di pretesti tanto discutibili quanto artificiali. Tuttavia, l'eccezionale dispiegamento di forze effettuato dagli eserciti russi intorno all'Ucraina supera di gran lunga le esigenze di quest'ultima manovra da sola per dissuadere l'Ucraina da qualsiasi tentativo di rappresaglia, e il...

Leggi l'articolo

12 portaerei, 50 fregate: la US Navy torna ai suoi fondamenti

Dire che la pianificazione della US Navy è stata caotica negli ultimi 30 anni sarebbe un eufemismo. Tra programmi calamitosi e cronicamente overcost come i cacciatorpediniere Zumwalt, le corvette Littoral Combat Ship, o i sottomarini Seawolf, notevoli difficoltà tecniche come per le portaerei classe Ford, e obiettivi segnati da considerazioni politiche ed economiche, e non da esigenze operative , le prospettive e le opzioni della principale forza navale mondiale sono state irrimediabilmente oscurate, mentre allo stesso tempo, le potenze navali dei suoi principali concorrenti come la Russia e soprattutto la Cina, si sono sviluppate con rigore...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE