Lo scenario georgiano sta prendendo forma in Ucraina

Nel 2008, un corpo dell'esercito russo di 90.000 uomini ha dislocato le difese georgiane in soli 5 giorni, dopo che il focoso presidente georgiano Saakashvili ha ordinato alle sue forze di impossessarsi della città osseta di Tskhinvali, provocando la morte di 16 soldati della "forza di interposizione IEC" presente sul posto. Ma questa narrazione è solo una parte della storia, perché nelle settimane precedenti a questo sconsiderato assalto da parte di un presidente georgiano troppo sicuro del sostegno dei suoi alleati occidentali, le forze ossete, equipaggiate e addestrate da Mosca, e in gran parte composte da russi soldati, molestato il...

Leggi l'articolo

Social Warfare, questa nuova minaccia contro le democrazie occidentali

L'assalto al Campidoglio da parte di un gruppo di rivoltosi il 6 gennaio, a margine della fine del mandato di Donald Trump, ha avuto l'effetto di una scossa elettrica per tutte le capitali occidentali. Improvvisamente, la minaccia cospirativa, che fino a quel momento era stata considerata un epifenomeno, certamente grave, ma limitato nei suoi potenziali danni, è stata spinta al rango di minaccia maggiore per la sopravvivenza stessa della Democrazia e dello Stato di diritto. Da quel momento in poi, tutti i capi di stato occidentali si sono impegnati ad agire per cercare di controllare questa minaccia manipolata da alcuni politici senza scrupoli e da alcune persone il cui status di guru sociale è lusinghiero...

Leggi l'articolo

La US Air Force sperimenta il copilota digitale sul famigerato aereo spia U2

L'aereo da ricognizione d'alta quota U2 è stato uno degli aerei più famosi della Guerra Fredda. Progettato dalla divisione Skunk Works della Lockheed, fece il suo primo volo nel 1955 e permise rapidamente agli Stati Uniti di effettuare numerose missioni di ricognizione sul territorio sovietico, essendo il dispositivo oltre la portata dei sistemi antiaerei, degli aerei e degli intercettori sovietici di alla fine degli anni 50. Fu un U2 che, nel 1962, individuò i primi missili balistici SS-4 sovietici schierati a Cuba. Fu anche questo dispositivo a causare una grave crisi tra Mosca e Washington, quando gli U2...

Leggi l'articolo

Bellingcat dimostra l'esistenza di un programma di armi chimiche in Russia

Nel 2010, Dimitry Medvedev, allora Presidente della Federazione Russa, annunciò lo smantellamento di tutte le loro infrastrutture per la produzione di armi chimiche e batteriologiche, in conformità con gli impegni della convenzione del 1997. loro, doveva avvenire nel 2012, poi in 2015, per poi essere posticipato al 2020. Ma questi annunci ufficiali potrebbero essere stati un'apparenza di facciata e Mosca potrebbe avere ancora un programma di armi chimiche, armi che sarebbero state utilizzate negli attacchi di diversi dissidenti o oppositori politici, compreso quello di Alexandre Navalny, in una saga...

Leggi l'articolo

Queste le clausole tacite che accompagnano l'accordo tra Israele e Abu Dabi

L'accordo diplomatico firmato il 13 agosto tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti, che i lettori di Meta-Defense potrebbero però anticipare, ha senza dubbio rimescolato le carte sul teatro mediorientale, creando un asse militarmente potente per contrastare possibili aspirazioni regionali di Teheran, o le pericolose manovre del Qatar e del suo alleato turco. Axis a cui il Bahrain ha aderito pochi giorni fa, firmando a sua volta un accordo con Gerusalemme. Tuttavia, al di là dell'accordo stesso, con la sua quota di azioni diplomatiche e di rapporti commerciali, ci sono anche, ovviamente, clausole non scritte, ma molto valide che legano i due...

Leggi l'articolo

La Bielorussia schiera truppe al confine russo per prevenire "uno scenario in stile ucraino"

I rapporti tra Minsk e Mosca si sono gravemente deteriorati nelle ultime settimane, con l'approssimarsi delle elezioni presidenziali bielorusse che si terranno domenica 9 agosto. Infatti, il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, in questa posizione dal 1994 e in corsa per il sesto mandato, accusa Mosca di sostenere l'opposizione, avendo egli stesso finora chiesto di mettere a tacere qualsiasi forma di protesta, il più delle volte con la benedizione del Cremlino . Quest'ultimo però ora si oppone più che simboliche resistenze nelle trattative tra Minsk e Mosca sul trattato di unione, accordo firmato nel 1999 che doveva consentire un'integrazione vicina al federalismo...

Leggi l'articolo

Barkhane: sei mesi dopo il vertice di Pau, quali effetti sul teatro saheliano?

Il 13 gennaio 2020 si è tenuto il Vertice di Pau per ridare slancio a un Sahel del G5 demoralizzato e destabilizzato sotto gli attacchi aggressivi dei Gruppi terroristici armati (GAT). Pochi mesi dopo osserviamo effetti incoraggianti sul terreno, sia per la pressione esercitata sui GAT, sia per l'ascesa al potere degli eserciti saheliani. All'inizio del 2020, l'operazione Barkhane ha perso legittimità in proporzione alle perdite subite dagli eserciti saheliani e alle critiche dell'opinione pubblica francese. Il Vertice di Pau non ha modificato l'effetto finale desiderato (EFR) dell'operazione Barkhane: tieni ...

Leggi l'articolo

Covid-19 avrà la meglio sulla diplomazia europea dell'intelligence?

“È una questione di sovranità europea. Non appena si vuole acquisire capacità di difesa strategica, è necessario acquisire capacità di intelligence”. Era la fine di febbraio quando ha firmato ufficialmente a Zagabria, in Croazia. "Cooperazione a lungo termine senza precedenti per la sicurezza delle democrazie europee", l'Intelligence College in Europe (ICE) ha voluto essere "la risposta comune alla complessità delle minacce asimmetriche di cyber, terrorismo e destabilizzazione provenienti dalla Russia o dalla Cina. tramite il 5G reti. A tre mesi dalle istanze dei rappresentanti dei servizi interni ed esterni dei 23 paesi firmatari[1], l'organismo “diplomatico” informale promosso da Emmanuel Macron è...

Leggi l'articolo

Il ritiro degli Stati Uniti da Open Skies minaccia il controllo delle armi nucleari e la sicurezza del Baltico

La scorsa settimana, il New York Times ha annunciato che l'amministrazione Trump voleva ritirare gli Stati Uniti dal trattato "Open Skies". Sebbene questo accordo internazionale svolga ora un ruolo minore nel controllo degli armamenti, è ancora altamente simbolico e contribuisce direttamente alla sicurezza di alcuni alleati degli Stati Uniti, in particolare dei paesi baltici. Per la Casa Bianca, il ritiro americano sarebbe giustificato dalla mancanza di trasparenza e dalle ripetute violazioni della Russia nei confronti degli accordi Open Skies, come abbiamo accennato nel nostro precedente articolo sull'argomento. Nel bel mezzo di un anno elettorale, e mentre Donald Trump si presenta ancora come un negoziatore...

Leggi l'articolo

Discreto quanto strategico, l'X-37B è tornato in orbita

Sabato scorso, la nuovissima US Space Force ha effettuato il suo secondo lancio spaziale dalla sua creazione. Ma a differenza del lancio di marzo, il razzo Atlas 5 della United Launch Alliance questa volta non trasportava alcun satellite di comunicazione ma uno dei due misteriosi aeroplani spaziali Boeing X-37B Orbital Test Vehicle. Si tratta del sesto volo dell'X-37B dal 2010. La precedente missione, terminata nell'ottobre 2019, ha visto il drone spaziale Boeing battere il proprio record di 780 giorni trascorsi in orbita (vedi il file che abbiamo dedicato all'X-37B a seguire questo volo). Se l'X-37B è...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE