Con il RapidFire, la Marina francese ha finalmente il suo sistema di protezione ravvicinata CIWS

A partire dalla metà degli anni '60, le nuove navi da combattimento sovietiche furono dotate di sistemi di protezione ravvicinata AK-630, un cannone a tubo esagonale da 30 mm con guida radar destinato a intercettare aerei da combattimento, elicotteri e missili antinave che minacciavano l'edificio, e dopo aver superato il suo lungo e difesa a medio raggio fornita da missili terra-aria e artiglieria navale. Una quindicina di anni dopo, la Marina degli Stati Uniti iniziò a schierare sui suoi nuovi edifici l'ormai famoso sistema Phalanx, un cannone da 20 mm anche esatubo capace di altissime cadenze di fuoco oltre i 4000 colpi al minuto, per intercettare le minacce...

Leggi l'articolo

LPM 2023: La Marina francese affronta la sfida indo-pacifica

Interrogato il 27 luglio dai deputati del Comitato di difesa dell'Assemblea nazionale, l'ammiraglio Pierre ha ripetuto ciò che non ha smesso di dire dalla sua nomina a Capo di Stato Maggiore della Marina Nazionale nel settembre 2020. "Il massiccio riarmo osservato nel mondo renderà il mare una zona di conflitto negli anni a venire”. Infatti, in pochi anni, la Marina francese è passata da un atteggiamento di pace, certa che la migliore difesa a disposizione delle sue navi fosse la bandiera che battono, a una preparazione attiva per impegni di alta o addirittura altissima intensità. Il fatto è,…

Leggi l'articolo

La Russia annuncia l'inizio dei lavori di costruzione di 6 nuove navi, di cui 2 sottomarini e una corvetta

L'agenzia di stampa russa Tass ha annunciato l'inizio dei lavori di costruzione di 6 nuove navi da guerra nei cantieri navali russi il 12 giugno, inclusi 2 sottomarini di classe Lada a propulsione convenzionale (Progetto 677), una corvetta della classe Gremyashchiy (Pr 20385), due navi da ricerca (Pr 03182R) e un cacciatore di mine di classe Alexandrit (pr 12700). Ormai è diventata una forma di tradizione, Mosca ha annunciato il 12 giugno un nuovo lotto di costruzione navale militare di 6 navi nei cantieri navali russi. Così, due nuovi sottomarini di classe Lada a propulsione convenzionale, già chiamati Vologda e...

Leggi l'articolo

Qual è il nuovo sistema di controllo delle mine future della Marina francese?

Durante la Guerra Fredda, le marine occidentali avevano un'impressionante capacità di contromisure navali contro le mine, segnata in particolare dal prolifico programma Tripartite Minehunter che permise a Francia, Belgio e Paesi Bassi di equipaggiare 35 navi ad alta tecnologia particolarmente performanti entrate in servizio tra il 1981 e il 1990. Nel 2010, come parte degli accordi di Lancaster House, Francia e Gran Bretagna si sono impegnate a progettare congiuntamente il programma Maritime Mine Counter Measures, o MMCM, al fine di sviluppare nuove capacità di contromisure per le mine subacquee entro il 2030. In Francia, questo programma è stato designato di…

Leggi l'articolo

I bombardieri cinesi H-6J si addestrano per sganciare mine navali

Se la Marina cinese è ormai solida in termini di flotta di superficie, con nei prossimi mesi una flotta composta da 5 incrociatori Tipo 055 e 25 cacciatorpediniere Tipo 052D in linea, più un centinaio di fregate e corvette, resta minacciata americana ma anche giapponese , sottomarini sudcoreani o addirittura australiani (in un lontano, molto lontano futuro...), come dimostra l'incidente della USS Connecticut nel Mar Cinese due mesi fa. Nonostante siano state adottate misure a medio termine, come il graduale arrivo di nuovi sottomarini Tipo 039C o la possibile sostituzione dei primi 20...

Leggi l'articolo

Quali sono i punti di forza e di debolezza della Marina francese?

L'entrata in servizio della nuova fregata Alsazia, che offre capacità antiaeree potenziate pur mantenendo le capacità di guerra antisommergibile e anti-nave dei FREMM di classe Aquitania, è stata giustamente salutata come un passo importante nello sforzo di modernizzazione la marina francese. Molti altri programmi sono in corso per supportare questo sforzo, tra cui le fregate di difesa e di intervento FDI, i sottomarini d'attacco nucleare classe Suffren, le petroliere classe Jacques Chevallier, le future Ocean Patroller o ancora il programma di guerra SLAM-F Mines, tutti per entrare in servizio nel corso…

Leggi l'articolo

Le nuove ambizioni della Cooperazione Permanente Strutturata Europea

La Cooperazione Europea Strutturata Permanente, o PESCO, è innegabilmente uno dei maggiori progressi ottenuti nel campo della Difesa all'interno dell'Unione Europea. Lanciato a dicembre 2017, consente agli industriali e agli attori politici europei di collaborare allo sviluppo di nuovi programmi, siano essi puramente tecnologici o industriali, con l'obiettivo di evitare il moltiplicarsi di programmi simili all'interno dell'Unione Europea, e quindi spese ritenute irrilevanti perché ridondanti tra i membri. Il 6 marzo 2018 è stato presentato il primo elenco di progetti, incentrato soprattutto sui programmi di supporto, nel campo della formazione, simulazione,…

Leggi l'articolo

La Grecia firma una lettera di intenti per 2 fregate e 6 cacciamine usati con i Paesi Bassi

Durante l'ampia consultazione svolta per Atene per acquisire nuove fregate nell'ambito della modernizzazione della Marina ellenica, due offerte sembravano spiccare dal lotto, l'FDI Belharra del Gruppo Navale, finalmente scelto da Atene, e il Sigma 15515 del Signora olandese. Oltre alle qualità della fregata olandese, Amsterdam ha proposto il trasferimento delle sue due fregate di classe Karel Doorman come soluzione temporanea. Tuttavia, queste navi avevano, agli occhi della Marina ellenica, un interesse molto più alto rispetto alle due fregate Tipo 70 che Parigi proponeva di offrire ad Atene se quest'ultima avesse scelto l'FDI. Alla fine lui...

Leggi l'articolo

La Russia continua gli sforzi per modernizzare la sua forza navale

Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, la Marina russa ha vissuto un lungo periodo di scarsità, vedendo le sue navi non mantenute e le nuove unità arrivare alla grande, quando sono arrivate. Alla fine degli anni 2000 la situazione operativa era addirittura catastrofica, con la maggioranza delle navi inadatte al combattimento, se non alla navigazione. Fu a questo punto che Mosca prese la decisione di iniziare a modernizzare la sua flotta, prima acquisendo nuovi modelli di motovedette e corvette ben armate, come Buyan e Buyan-M, e sottomarini convenzionali Improved Kilo, mentre intraprendeva un vasto piano di…

Leggi l'articolo

Il modulo Mine Warfare della US Navy Coastal Combat Ship è stato convalidato

Il concetto che ha portato il Segretario della Marina Gordon R. England (amministrazione Bush Jr dal 2001 al 2003) a dare vita alle Littoral Combat Ships nei primi anni 2000 era a dir poco innovativo: piuttosto che dover costruire diverse navi specializzate in tipologie di missione, è stato sufficiente fare affidamento su una struttura modulare che consenta l'integrazione dinamica delle capacità richieste on demand, sotto forma di moduli complementari che integrano la tecnologia e le attrezzature necessarie per la missione. Infatti, la LCS doveva essere in grado, cambiando moduli, di svolgere alternativamente ed efficacemente missioni di guerra antisommergibile, contromisure...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE