La US Navy offre 3 opzioni per il futuro della sua forza navale

Per molti anni, la pianificazione della costruzione navale della Marina degli Stati Uniti è stata a dir poco caotica, con piani e obiettivi successivi divergenti, a volte persino contraddittori. L'argomento è anche oggetto di feroce opposizione tra senatori e rappresentanti repubblicani, sostenitori di una flotta imponente, e le loro controparti democratiche che desiderano tenere sotto controllo il bilancio della difesa. Al di là delle ambizioni a volte fantasiose presentate negli ultimi anni, e delle tante bagarre che hanno opposto il Pentagono ai parlamentari americani, in particolare per quanto riguarda il ritiro di alcuni edifici, era quindi necessario che la Marina degli Stati Uniti presentasse una strategia coerente...

Leggi l'articolo

L'Italia aumenterà il suo budget per la difesa di 12 miliardi di euro entro il 2028

L'Europa è una terra di paradossi. Mentre negli ultimi 10 anni i leader europei avevano ignorato l'ascesa degli eserciti russi e la costruzione di una potenza militare alle porte dell'Europa basata sul potente alleato cinese e capace, come pensavamo qualche settimana fa, di conquistare il il sopravvento sulle forze NATO presenti in Europa, lo scoppio dell'invasione dell'Ucraina da parte degli eserciti russi e la flagrante scarsa prestazione di quest'ultimo contro un avversario ritenuto di gran lunga inferiore, hanno generato una raffica di annunci a favore dello sforzo di difesa all'interno dell'intero...

Leggi l'articolo

Conversione di 2 SSBN francesi in sottomarini missilistici da crociera, ipotesi più allettante di quanto sembri

Da diversi mesi, il deputato dell'Eure e membro della commissione Difesa dell'Assemblea nazionale Fabien Gouttefarde, vuole essere forza di proposta per le future evoluzioni dei programmi di difesa francesi. Pur appartenendo alla Republique en Marche, non esitò, ad esempio, a sostenere con insistenza che l'Aeronautica Militare, ma anche la Marina Nazionale, acquisissero una versione di guerra elettronica e di soppressione delle difese antiaeree nemiche del Rafale, e questo nonostante la fine della mancata ricezione, anche molto critica, indirizzata dal Ministero delle Forze Armate a un suo collega all'opposizione, Jean-Christophe...

Leggi l'articolo

Con il bilancio 2023, gli eserciti americani svelano la loro strategia di trasformazione di fronte alla Cina

È comune leggere fino a che punto gli eserciti russi impegnati in Ucraina fanno affidamento sull'equipaggiamento ereditato dal periodo sovietico. È vero che, sebbene modernizzati, i T-72B3, T80BV, BMP-2 e altri Msta-S sono stati tutti progettati negli anni '70 e '80, come nel caso degli aerei da combattimento della serie Flanker o degli elicotteri Mil e Kamov. Tuttavia, è chiaro che in Occidente la situazione è sostanzialmente identica, anche per quanto riguarda la punta della spada, ovvero l'esercito americano, che continua a fare affidamento sui carri armati Abrams, i Bradley VCI, i...

Leggi l'articolo

Con 3 SSBN in mare, la posizione di deterrenza francese ai massimi livelli dal 1983

Vi sono segnali inequivocabili del livello di tensione esistente tra Occidente e Russia, sullo sfondo dell'aggressione russa in Ucraina. Così, appena pochi giorni dopo il lancio di quella che viene presentata da Mosca come una "Operazione militare speciale", e che ovviamente si sta trasformando in un incubo per gli eserciti russi, il Cremlino aveva annunciato l'accresciuta allerta delle sue forze di deterrenza. Se all'epoca le potenze nucleari occidentali non avevano sollevato pubblicamente la minaccia per non aggravare la situazione, hanno comunque tratto le proprie conclusioni. Quindi impariamo...

Leggi l'articolo

12 portaerei, 50 fregate: la US Navy torna ai suoi fondamenti

Dire che la pianificazione della US Navy è stata caotica negli ultimi 30 anni sarebbe un eufemismo. Tra programmi calamitosi e cronicamente overcost come i cacciatorpediniere Zumwalt, le corvette Littoral Combat Ship, o i sottomarini Seawolf, notevoli difficoltà tecniche come per le portaerei classe Ford, e obiettivi segnati da considerazioni politiche ed economiche, e non da esigenze operative , le prospettive e le opzioni della principale forza navale mondiale sono state irrimediabilmente oscurate, mentre allo stesso tempo, le potenze navali dei suoi principali concorrenti come la Russia e soprattutto la Cina, si sono sviluppate con rigore...

Leggi l'articolo

Di fronte agli europei, l'esercito russo nel 2030 sarà molto più potente di oggi

L'attuale crisi russo-ucraina, qualunque sia la sua conclusione, avrà consentito a Mosca di dare una straordinaria dimostrazione di forza in Europa, al punto che nessun Paese europeo, nemmeno quello più vicino a Kiev, intende impegnarsi militarmente a fianco degli eserciti ucraini in caso di conflitto. Ed è chiaro che questi eserciti russi sono riusciti a mobilitare, muovere e radunare un centinaio di battaglioni tattici ad armi combinate, l'equivalente russo dei gruppi tattici inter-armati francesi, ovvero il 65% della sua forza operativa terrestre, e questo tra i Novembre e inizio febbraio. Per fare un confronto, l'Armata di...

Leggi l'articolo

La Cina offre i sottomarini Thailand 2 Type 039 Song come soluzione standby

Nel 2016, a seguito di una competizione internazionale, le autorità thailandesi hanno scelto il sottomarino cinese S-26T, derivato dal tipo 039A di classe Yuan, per costituire la forza sottomarina del Paese, di cui la potente Royal Thai Navy è finora carente. Oltre a prestazioni soddisfacenti e propulsione anaerobica affidabile, l'offerta cinese si basava su un notevole vantaggio, un prezzo unitario di soli 460 milioni di dollari, la metà di quello dei suoi concorrenti con le offerte più alte. Tuttavia, nella sua proposta, Pechino aveva incluso apparecchiature europee, in particolare turbine tedesche costruite da MTU, senza aver preso la precauzione di chiedere preventivamente l'autorizzazione al produttore di motori tedesco....

Leggi l'articolo

Con i 42 Rafale indonesiani, il caccia Dassault eguaglia le esportazioni del Mirage 2000

"Troppo complesso, troppo costoso, invendibile", così Hervé Morin, allora ministro della Difesa di Nicolas Sarkozy, spiegava la scarsa vendita del Rafale sulla scena internazionale dei primi anni 2010. Oggi, però, con un nuovo contratto per l'acquisizione di 42 velivoli in consegna dal 2025 per l'Aeronautica Militare Indonesiana, l'ammiraglia aeronautica francese ha raggiunto un totale di 284 ordini export a 7 clienti internazionali, eguagliando in volume le esportazioni del suo predecessore, il Mirage 2000, 285 esportate in 8 paesi. Questo nuovo contratto, stimato in 7 miliardi di euro, consente al Team Rafale di confermare gli eccezionali risultati registrati...

Leggi l'articolo

Florence Parly in Indonesia per negoziare la vendita dei sottomarini Rafale e Scorpene?

Da questa mattina, il ministro francese delle Forze armate è a Giacarta, in Indonesia, per un viaggio di 2 giorni di importanza strategica per la Francia e la sua industria della difesa. Da due anni sono in corso trattative tra Parigi e Giacarta per l'acquisizione di caccia Rafale per l'aviazione indonesiana e di sottomarini Scorpene per la marina del Paese, in un vasto sforzo di ammodernamento delle forze armate che ha portato, negli ultimi mesi, a nell'ordine di 6 fregate FREMM della fincantieri italiana e due fregate Arrowhead 140 in costruzione localmente dalla compagnia britannica Babcock. Il…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE