Gli eserciti francesi (anche) hanno bisogno di un piano di ricapitalizzazione da 100 miliardi di euro

A pochi giorni dall'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha presentato al Bundestag, il parlamento tedesco, un piano per investire una busta di 100 miliardi di euro destinata a riparare alcune delle più critiche rilevate all'interno della Bundeswehr, impegnando al contempo un dinamica al fine di portare lo sforzo di difesa del Paese oltre la soglia del 2% del PIL richiesta dalla NATO entro il 2025. Da allora, la stragrande maggioranza dei Paesi europei, membri o meno della NATO, ha annunciato un aumento significativo del proprio i propri sforzi di difesa, tutti impegnandosi, più a lungo...

Leggi l'articolo

La Germania può diventare la prima forza armata convenzionale in Europa?

L'inizio dell'offensiva russa in Ucraina provocò una profonda scossa elettrica nella società tedesca, come ovunque in Europa: all'improvviso, il rischio di una guerra divenne molto più pressante nel vecchio continente e l'opinione pubblica si rivolse con entusiasmo ad alcuni temi, in particolare alla capacità delle loro forze armate di proteggerli da quella che allora veniva spesso presentata come una potenziale ondata di potenza di fuoco e carri armati russi. Il giorno dopo l'inizio di questa offensiva, il capo di stato maggiore tedesco, tenente generale Alfons Mais, ha pubblicato un post sul social network LinkedIn che ha scosso ulteriormente...

Leggi l'articolo

Avvicinandosi al suo primo volo, il KF-21 Boramae della Corea del Sud potrebbe rivelarsi l'antitesi di successo dei programmi di caccia occidentali

Con oltre 550 aerei da combattimento nel suo inventario, l'aviazione sudcoreana è al 7° posto tra le forze aeree mondiali secondo questo criterio, cedendo il sesto posto al suo vicino settentrionale di poche decine di aerei. Tuttavia, e come la Corea del Nord, il Pakistan o l'India che la precedono, la Corea del Sud allinea ancora un gran numero di aerei di vecchia generazione, inclusi 156 F-5 Tiger II e 69 F4 Phantom II. Di fronte all'aggravarsi delle tensioni internazionali, ma anche al rafforzamento delle capacità di attacco nucleare del suo vicino e nemico ereditario da quando...

Leggi l'articolo

Super-Rafale, Mirage NG: la Francia deve studiare un'alternativa a medio termine allo SCAF

Dire che il programma di velivoli da combattimento di nuova generazione SCAF, che riunisce Francia, Germania e Spagna, è oggi in discesa sarebbe un eufemismo. Dopo diversi episodi di tensione sulla condivisione industriale tra Parigi, Berlino e Madrid, il programma è ora sospeso di fronte all'impossibile accordo che Germania e Airbus Defence & Space stanno cercando di far accettare a Parigi e Dassault Aviation, e che obbligherebbe il gruppo aeronautico francese di condividere il pilotaggio del primo pilastro relativo alla progettazione del Next Generation Fighter, o NGF, con la sua controparte tedesca. Da diverse settimane ormai la situazione è totalmente congelata, Eric Trappier,...

Leggi l'articolo

La US Air Force abbandona definitivamente le idee innovative di Will Roper per il suo programma NGAD

Durante i 3 anni trascorsi come Head of Acquisitions per l'US Air Force dal febbraio 2018 al gennaio 2021, il dottor Will Roper, allora Sottosegretario dell'Air Force, ha sviluppato una dottrina industriale estremamente innovativa e in rottura con l'industriale aeronautico militare americano tradizione degli ultimi 50 anni. In base a ciò, economicamente, tecnologicamente e da un punto di vista operativo, era largamente preferibile sviluppare velivoli da combattimento in serie ridotta, specializzati in determinate missioni, e dotati di una vita breve di circa quindici anni, basati su nuove tecnologie di progettazione e modellizzazione , invece di provare a...

Leggi l'articolo

La Grecia si rivolge all'F-35A per integrare la sua potenza aerea

Se per la maggior parte dei paesi europei la minaccia maggiore arriva, ad oggi, dalla Russia, la Grecia, dal canto suo, deve affrontare un conflitto latente con la Turchia da diversi decenni, e rianimato negli ultimi anni dalle ambizioni territoriali e marittime del Presidente RT Erdogan. E se gli europei sanno di poter contare sull'appoggio di Stati Uniti e US Air Force contro Mosca, Atene dal canto suo sa che gli Stati Uniti, ma anche la maggioranza dei paesi europei, Germania in primis, e con i notevoli ad eccezione della Francia, non interverrà in caso di deterioramento di...

Leggi l'articolo

Finlandia e Svezia potranno entrare a far parte della Nato, ma le concessioni alla Turchia sono alte

Poiché la Turchia è oggetto di numerose sanzioni europee a seguito del suo intervento in Siria, Libia e del suo dispiegamento di forze nel Mediterraneo orientale contro Grecia e Cipro, il presidente Erdogan sapeva che Finlandia e Svezia sarebbero state, per lui, un formidabile mezzo di pressione per attenuare queste sanzioni, e di forzare la mano ai due paesi scandinavi nel loro sostegno ai movimenti curdi. Ribadendo la sua opposizione all'adesione dei due paesi all'Alleanza Atlantica, RT Erdogan ha effettivamente raggiunto i suoi scopi, e se i comunicati stampa ufficiali accolgono favorevolmente la revoca...

Leggi l'articolo

La NATO si doterà di una forza di risposta di 300.000 uomini per affrontare la minaccia russa

Solo qualche anno fa, sotto le percosse di Donald Trump e RT Erdogan, diverse cancellerie europee hanno cominciato a dubitare dell'efficacia dell'Alleanza Atlantica, al punto che il presidente francese, in riferimento alla mancata reazione dell'alleanza di fronte delle provocazioni turche nel Mediterraneo occidentale, ha ritenuto di essere in uno stato di “morte cerebrale”, e che gli europei, Francia e Germania in testa, si sono impegnati a cercare di consolidare le capacità di risposta europee di fronte alle minacce emergenti. Quattro anni dopo, mentre la Russia ha riacceso una crisi di sicurezza in Europa di dimensioni paragonabili a quella della Guerra...

Leggi l'articolo

Annunciando la consegna dei missili Iskander-M alla Bielorussia, V.Putin lancia una nuova grande crisi in Europa

Nel 1997, la NATO e la Federazione Russa hanno firmato un accordo bilaterale impegnando, in particolare, le due parti a non estendere le rispettive capacità di attacco nucleare tattico oltre il formato esistente. In altre parole, la NATO si è impegnata a non dispiegare armi nucleari oltre i 5 paesi partecipanti alla deterrenza condivisa dell'Alleanza (Germania, Belgio, Italia, Paesi Bassi e Turchia), mentre la Russia si è impegnata a non schierare o trasferire le proprie armi nucleari oltre i suoi confini. Infatti, quando durante un nuovo incontro con il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato che la Russia...

Leggi l'articolo

La Marina francese dimostra l'importanza del doppio equipaggio per armare le sue fregate

Nel 2019 lo Stato maggiore della Marina francese ha annunciato l'avvio di un esperimento che consente a due fregate FREMM della classe Aquitaine, l'Aquitaine con base a Brest, e la Languedoc con base a Tolone, di essere equipaggiate con 2 equipaggi, sull'esempio di quanto è stato a lungo praticato per i suoi sottomarini a propulsione nucleare. Anche la fregata Bretagne è stata con doppio equipaggio nel 2020 e ora tutti i FREMM delle classi Aquitania e Alsazia saranno dotati di questa caratteristica. L'obiettivo è consentire alle navi di mantenere un'attività in mare per 180 giorni all'anno, riducendo al contempo la pressione su...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE