Il Pentagono si affida più che mai alla DARPA per i suoi programmi ipersonici

Se negli anni '90, 2000 e 2010 gli Stati Uniti avevano programmi di ricerca in campo ipersonico, come l'X-51 Waverider, l'argomento era considerato di minore importanza dal Pentagono, e beneficiava solo di crediti limitati e soprattutto di nessun programma applicativo da seguire. Ma quando nel marzo 2018 Vladimir Putin ha annunciato l'entrata in servizio del missile ipersonico aviotrasportato Kinzhal, ma lungi dal rappresentare una notevole svolta scientifica nel campo, le cose sono cambiate radicalmente a Washington e lo sviluppo dei sistemi ipersonici è diventato molto rapidamente una questione strategica per le forze armate americane. L'entrata in servizio del cinese DF-17, il prossimo arrivo...

Leggi l'articolo

Quali soluzioni per affrontare la minaccia dei droni leggeri e delle munizioni vaganti?

All'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, l'equilibrio delle forze, in particolare in termini di potenza di fuoco disponibile, era così tanto favorevole alle forze russe che sembrava molto difficile, se non impossibile, perché le forze ucraine potevano resistere a più di un poche settimane di fronte all'assalto di fuoco e acciaio che doveva venire. Tuttavia, il comando ucraino è riuscito a utilizzare al meglio i mezzi a sua disposizione per sfruttare le debolezze dell'avversario, come la necessità di rimanere su strade e strade asfaltate, per vessare con unità di fanteria mobili e determinate, le linee logistiche russe, mentre bloccando le offensive meccanizzate di...

Leggi l'articolo

L'artiglieria antiaerea sta tornando ad essere un'alternativa credibile?

Durante la guerra del Vietnam, le forze armate americane persero quasi 3.750 aerei e 5.600 elicotteri. Mentre i caccia e i missili nordvietnamiti hanno giocato un ruolo decisivo, insieme hanno abbattuto solo il 15% degli aerei persi dagli Stati Uniti, mentre gli incidenti hanno rappresentato il 25% delle perdite registrate. Il restante 60% proveniva dall'artiglieria antiaerea del Vietnam del Nord, che rappresentò la più grande minaccia per gli aerei americani durante la guerra. Economiche da acquisire e relativamente semplici da implementare, le batterie antiaeree di fattura sovietica e cinese implementate dal solo Vietnam del Nord abbatterono il 45% degli aerei...

Leggi l'articolo

La Turchia rimane determinata a ricevere una seconda batteria antiaerea S-400 di fabbricazione russa

Dall'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, la Turchia ha mostrato un atteggiamento coerente con il suo allineamento alla NATO, in particolare chiudendo lo stretto e impedendo così alle navi russe posizionate nel Mediterraneo di rafforzare la flotta della Marina. Inoltre, Ankara ha attivamente sostenuto lo sforzo militare di Kiev, in particolare consegnando droni Bayraktar TB2, quest'ultimo avendo svolto un ruolo importante nel molestare le unità russe durante l'offensiva contro Kiev, nonché nella conduzione degli attacchi ucraini contro le unità navali russe presenti nel Mar Nero, anche contro l'incrociatore Moskva. Questo cambio di...

Leggi l'articolo

Dopo il Giappone, la Corea del Sud sceglie l'americano SM-6 per contrastare la minaccia ipersonica

Mentre gli occhi del mondo rimangono puntati sulla guerra in Ucraina, le tensioni nel teatro del Pacifico rimangono molto alte e le principali nazioni coinvolte stanno raddoppiando i loro investimenti e innovazione nel tentativo di avere il sopravvento sui loro potenziali avversari. Così, negli ultimi mesi, le due Coree si sono impegnate in un tiro alla fune sulle rispettive capacità di attacco a lungo raggio, dimostrando successivamente l'efficacia dei loro nuovi missili balistici e da crociera, mentre la Cina ha anche implementato nuove capacità in questo settore, tra cui armi a traiettoria ipersoniche e semibalistiche. Quelli…

Leggi l'articolo

La Russia perderà il suo esercito in Ucraina?

Dall'intervento militare del 2008 in Georgia, la potenza militare convenzionale russa è stata un potente strumento al servizio del Cremlino, sia per intimidire i suoi vicini sia per riportare la Russia in prima linea sulla scena geopolitica internazionale. I successi registrati in Crimea e poi in Siria hanno creato un'aura di potere che ha permesso a Mosca di imporsi in più occasioni in Europa ma anche in Africa. Questa stessa potenza convenzionale, sostenuta dall'immensa forza deterrente dell'arsenale nucleare russo, spiega ampiamente l'atteggiamento talvolta timoroso degli occidentali a sostegno dell'Ucraina durante le prime settimane del conflitto, quando pochissimi credevano che...

Leggi l'articolo

La Cina ha consegnato alla Serbia i missili antiaerei a lungo raggio HQ-22

La Cina è solo un attore recente nel campo dell'esportazione di sistemi antiaerei, ma si sta affermando su sempre più mercati, anche in Europa. È così che il cinese HQ-9, un sistema paragonabile al russo S-300, è stato inizialmente selezionato da Ankara nel 2015, offrendo, secondo le autorità turche, un rapporto prestazioni-prezzo molto più alto di quello dei sistemi russi e occidentali. Se, sotto la pressione dei suoi alleati della NATO, la Turchia ha finalmente annullato questo ordine, per rivolgersi finalmente all'S-400 russo, che ha avuto conseguenze ben peggiori per Ankara, Pechino ha registrato negli ultimi anni altri...

Leggi l'articolo

La Germania è interessata al sistema antibalistico israeliano Arrow 3 ed è (ancora) ignara delle soluzioni francesi esistenti

Mentre Parigi e Berlino continuano a proclamare forte e chiaro la loro comune volontà di cooperare nel campo delle tecnologie per la difesa, numerosi arbitrati svolti dalle autorità tedesche, prima e dopo il cambio di governo di dicembre, mostrano una situazione ben più complessa e un rivalità permanente tra le due maggiori economie della zona euro, in particolare nel campo degli armamenti. Dall'EuroSpike al P8 Poseidon, dall'F-35 all'ESSM, dall'Apache all'Arrow 3, le scelte passate, presenti e future degli eserciti tedeschi in termini di equipaggiamento sembrano escludere sistematicamente delle alternative...

Leggi l'articolo

In che modo la guerra in Ucraina trasformerà la pianificazione strategica in Europa?

Solo 3 settimane fa, pochissimi in Occidente credevano che la Russia avrebbe davvero intrapreso una guerra globale di aggressione contro l'Ucraina. Per molti, il dispiegamento delle forze russe intorno all'Ucraina aveva lo scopo di far piegare il presidente Zelensky sulla sua appartenenza alla NATO e sullo status delle repubbliche separatiste del Donbass. Per i più informati, come lo Stato maggiore degli eserciti francesi, e come abbiamo discusso in un articolo del 23 febbraio, i rischi militari e politici associati a tale offensiva non superavano i potenziali benefici, sicché tale decisione appariva irrazionale e quindi poco...

Leggi l'articolo

Le 5 armi occidentali Le forze ucraine hanno bisogno di più oggi

Da 12 giorni a questa parte, le Forze armate e la Difesa territoriale ucraine sono riuscite a resistere all'offensiva russa, nonostante un evidente inasprimento delle regole di ingaggio dell'avversario, quando è ovvio che non avrà alcuna possibilità di una rapida vittoria o di conquista il sostegno o addirittura la neutralità della stragrande maggioranza della popolazione ucraina. Iniziate prima del conflitto dagli Stati Uniti e da alcuni paesi europei, le consegne di armi alle forze ucraine svolgono ora un ruolo decisivo nella loro capacità di mantenere la pressione sulle unità che prendono parte all'offensiva russa, colpendo efficacemente i convogli di rifornimenti e bloccando alcune offensive, in…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE