Azerbaigian, Turchia, Cina: i rischi di conflitti di opportunità crescono sulle incertezze in Ucraina

Attaccando l'Ucraina nel febbraio 2022, la Russia non solo metterà in pericolo la pace e la sicurezza in Europa, ma in tutto il mondo. In effetti, molti conflitti latenti, vincolati dall'azione congiunta di Mosca e delle capitali europee e americane, stanno riemergendo, al punto che si può temere che possano sorgere anche grandi conflitti in più luoghi del mondo, alcuni dei quali potrebbero potenzialmente ulteriormente minare i difficili equilibri economici su cui è costruito l'Occidente. Nei giorni scorsi alcuni dei suoi teatri sono divampati, o mostrano segni di estrema tensione, poiché gli eserciti russi...

Leggi l'articolo

L'acquisizione da parte dell'Iran dei Su-35 russi potrebbe incendiare il Medio Oriente

Sebbene l'intervento russo in Ucraina abbia alterato profondamente la geopolitica europea e innescato una grave crisi energetica, la sua influenza sulla geopolitica globale è stata finora relativamente moderata. Col passare del tempo, alcuni paesi sembrano inclini a trarre vantaggio dal relativo isolamento della Russia su questa scena internazionale, a proprio vantaggio. È il caso della Corea del Nord, che nelle ultime settimane ha intensificato gli scambi con Mosca, in particolare offrendo manodopera disponibile ea bassissimo costo per sostenere lo sforzo bellico russo, in particolare per grandi opere, infrastrutture e necessità agricole. In cambio, Pyongyang intende che Mosca sollevi il...

Leggi l'articolo

Secondo quanto riferito, gli ingegneri israeliani hanno esteso la portata dell'F-35i per colpire l'Iran senza rifornimento aereo

Si dice che l'aviazione israeliana abbia modificato alcuni dei suoi F-35i Adir, la versione del Lighting II adattata alle esigenze dello Stato ebraico, per estendere la propria autonomia abbastanza da poter svolgere missioni di attacco profondo in Iran, se necessario . , mentre l'IAF si sta allenando attivamente per questa missione da diversi mesi. Il programma nucleare iraniano è percepito dalle autorità israeliane come una minaccia esistenziale e l'IAF si sta attivamente addestrando da diversi anni per poter, se necessario, essere in grado di colpire installazioni iraniane critiche al fine di privare Teheran delle sue capacità nucleari . In quest'area, l'aviazione israeliana poteva, fino ad ora, fare affidamento solo su...

Leggi l'articolo

Webinar geopolitico "L'Iran e i suoi problemi"

Data: 17 marzo 2022 dalle 9:00 alle 19:00 Formato: Webinar Iscrizione: theo.nencini@gmail.com Introduzione: Con la ripresa delle trattative sulla questione nucleare e di fronte alla prospettiva della successione dell'attuale Guida Suprema, l'Ayatollah Ali Khamenei, la Repubblica Islamica dell'Iran sta entrando in una fase delicata della sua esistenza. Il regime in atto a Teheran si trova in una situazione paradossale di fragilità interna e forza esterna. Internamente, la presa del potere da parte dell'ala conservatrice più dura conferma che il mantenimento del potere da parte del clero sciita ha la precedenza sulle richieste provenienti da una popolazione...

Leggi l'articolo

Ucraina, Taiwan, Medio Oriente: prende forma lo scenario peggiore per il Pentagono

Solo 5 anni fa, la supremazia militare americana era tale che nessuno immaginava che qualsiasi attore internazionale potesse venire a sfidare la vittoria militare negli Stati Uniti a livello convenzionale. Da allora le cose sono molto cambiate. Tre anni fa cominciarono ad apparire simulazioni che mostravano che gli Stati Uniti ei loro alleati non erano più in grado di intervenire con le forze necessarie e sufficienti su due fronti principali, ad esempio in Europa contro la Russia, e in Medio Oriente contro l'Iran. Due anni fa, con l'entrata in servizio di alcuni nuovi sistemi d'arma, come il missile ipersonico russo Kinzhal,...

Leggi l'articolo

Israele rivendica l'attacco al cargo iraniano MV Saviz in risposta agli attacchi iraniani

Il 25 marzo la Lori, una nave portacontainer battente bandiera israeliana, è stata colpita da un missile iraniano nel Mar Arabico, senza causare feriti o vittime. È in risposta a questo nuovo attacco contro le sue navi mercantili che lo Stato ebraico ha organizzato l'attacco alla nave mercantile iraniana MV Saviz, una nave identificata per diversi mesi dai servizi segreti americani come piattaforma d'azione navale per le Guardie Rivoluzionarie iraniane. Secondo le informazioni comunicate dal New York Times citando un funzionario americano, i servizi israeliani avrebbero posizionato una mina navale sotto la linea di galleggiamento della nave prima di farla...

Leggi l'articolo

Secondo quanto riferito, Israele, Arabia Saudita, Bahrein e Emirati Arabi Uniti discutono di alleanza militare contro l'Iran

Il nemico del mio nemico è mio amico, dice un proverbio italiano. Ed è vero che non c'è niente di più efficace di una minaccia pressante e importante per portare nazioni a cui tutto finora si è opposto, a scoprire legami e formare alleanze. Si pensa naturalmente agli Stati Uniti e all'Unione Sovietica durante la seconda guerra mondiale, ma tali esempi sono disseminati nella storia dell'umanità, al di là dei continenti, delle epoche e delle culture. Tuttavia, immagina solo pochi mesi fa che Gerusalemme, Riyadh, Abu Dhabi e Manama potessero negoziare, anche se non ufficialmente, un'alleanza militare al di fuori della supervisione americana,...

Leggi l'articolo

Le 7 principali sfide della difesa del 2021

Il 2020 è stato un anno di straordinaria intensità in termini di difesa, sia politica che tecnologica. E qualunque cosa dicano alcuni media, è molto probabile che il 2021 sarà allo stesso modo, con attriti internazionali sempre più intensi, riarmo globale accelerato e posizioni nazionali sempre più chiare, il tutto portando a un aumento del numero e dell'intensità delle crisi. Certi temi dovranno essere seguiti con grande attenzione nelle settimane e nei mesi a venire, perché molto probabilmente potranno condizionare le questioni della Difesa per il 2021 e per gli anni a venire. La politica di difesa...

Leggi l'articolo

Forze statunitensi in Medio Oriente in allerta per paura di ritorsioni iraniane

Dopo Israele, e senza troppe sorprese, è il turno delle forze armate americane posizionate nel Golfo Persico e nelle vicinanze di essere messe in allerta. Secondo le confidenze di un funzionario americano raccolte dal sito Politico.com, infatti, gli Stati Uniti avrebbero rilevato intriganti segnali di allarme legati alla preparazione degli attacchi iraniani, in particolare da parte delle milizie iraniane presenti in Iraq. Il Pentagono sembra prendere molto sul serio queste minacce, siano esse una rappresaglia per l'assassinio dello scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh nella periferia di Teheran da parte di un gruppo armato apparentemente ben addestrato e preparato, attacco attribuito dall'Iran al Mossad...

Leggi l'articolo

Secondo quanto riferito, Israele anticipa l'attacco degli Stati Uniti all'Iran prima della fine del mandato di Donald Trump

È questo un modo per cercare di contenere una possibile risposta di Teheran in seguito all'assassinio di Mohsen Fakhrizadeh, questo scienziato designato come il padre del programma nucleare iraniano, ucciso il 28 novembre nella periferia di Teheran da un commando armato mentre era in viaggio l'autostrada, un assassinio attribuito ai servizi segreti israeliani da Teheran? Comunque sia, secondo il sito di notizie israeliano Axios, citando dichiarazioni di funzionari statali ebrei, le forze armate israeliane prevedono, nelle prossime settimane e prima della fine del mandato presidenziale del presidente Trump, attacchi degli Stati Uniti contro gli impianti nucleari iraniani. Secondo il sito, anche se...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE