Gli occidentali iniziano a trasferire pesanti equipaggiamenti militari in Ucraina

Che si tratti dell'intransigenza di Mosca, degli eccessi della propaganda russa, del massacro di Bucha, o di un sottile miscuglio dei tre sfumato da una diminuita paura del potenziale militare degli eserciti russi, sta di fatto che, da qualche giorno, le linee sembrano di essersi mosso in Europa, e più in generale in Occidente, per quanto riguarda il supporto militare fornito a Kiev per far fronte all'aggressione russa, e in particolare per resistere al prossimo massiccio attacco nel Donbass, come annunciato. In effetti, la Repubblica Ceca ha appena annunciato l'imminente consegna di diverse dozzine di carri armati T-72M1 e veicoli da combattimento di fanteria BMP-1 agli eserciti...

Leggi l'articolo

La Francia si posiziona al fianco della Grecia durante l'esercizio Iniochos 2021

Dalla fine degli anni '80, l'Aeronautica Militare ellenica ha organizzato ogni anno l'esercitazione Iniochos, volta a migliorare l'interoperabilità delle sue unità con quelle dei suoi alleati. Ma l'esercitazione di quest'anno, denominata Iniochos 2021, assume una dimensione molto più ampia rispetto agli anni precedenti, mentre le tensioni tra Ankara e Atene rimangono molto alte. Pertanto, per le autorità greche, questo esercizio appare come un modo per riunire i suoi più stretti alleati e per mostrare alle controparti turche che, lungi dall'essere isolata, la Grecia può contare sull'appoggio di potenti partner internazionali, se la situazione stesse per deteriorare...

Leggi l'articolo

Synthesis 2020: la Turchia sfida e diffida dell'Occidente

Il 2019 era già stato caratterizzato da crescenti tensioni tra il campo occidentale e Ankara, con l'acquisizione dei sistemi antiaerei S-400 dalla Russia, l'esclusione della Turchia dal programma F-35 e l'intervento delle forze armate nel nord della Siria contro i curdi delle YPG, alleati della coalizione anti-Daesh guidata dagli Stati Uniti nel Paese. È stata scossa anche dalle rivelazioni sui rapporti travagliati tra il regime turco e il Gruppo islamico armato, nonché con molte milizie islamiste presenti in Siria. Tuttavia, è davvero il 2020 che segnerà lo storico passaggio della Turchia al...

Leggi l'articolo

La Turchia riaccende le tensioni nel Mediterraneo orientale schierando Oruc Reis

Mentre la Russia e il Gruppo di Minsk tentano, con relativo successo, di portare Armenia e Azerbaigian al tavolo dei negoziati nonostante le pressioni di Ankara su Baku affinché mantenesse l'offensiva nel Nagorno-Karabakh, le autorità turche hanno annunciato questa mattina che la nave da esplorazione mineraria Orus Reis era una volta nuovamente schierato nel Mediterraneo orientale in un'area rivendicata da Cipro, riaccendendo naturalmente le tensioni con Nicosia e Atene dopo i tentativi di mediazione europei e Nato, e questo nonostante le assicurazioni fornite proprio questo fine settimana dal ministro degli Esteri turco, Mevlüt Çavuşoğlu. Questa distribuzione, che ci sarà...

Leggi l'articolo

Queste 5 capacità che rendono le fregate FDI Belh @ rra indispensabili in Grecia

Se il dossier sull'ordine di 18 aeroplani Rafale da parte della Grecia è stato negoziato in poche settimane, quello sul possibile trasferimento di fregate francesi alla Marina ellenica si trascina da più di un decennio. I progressi registrati all'inizio dell'anno intorno all'acquisizione delle 2 fregate FDI Belh@rra da Naval Group, in uno standard identico a quelli ordinati dalla Marina francese, sono stati spazzati via durante l'estate da trattative, sembra rischiose da parte francese, avendo portato la Grecia a considerare altre opzioni, come ordinare nuove fregate meno costose dai Paesi Bassi o dalla Germania. Senza entrare nel dettaglio...

Leggi l'articolo

La Turchia al centro di un nodo di crisi polimorfiche nel Mediterraneo orientale

Per uso improprio della lingua si fa generalmente riferimento alle forti tensioni tra Grecia e Cipro e Turchia quando si parla della crisi nel Mediterraneo orientale. Questo teatro concentra, in realtà, un gran numero di attori, tutti con obiettivi diversi, eppure tutti in tensione per il comportamento fuori controllo del presidente turco nell'area. Francia, Russia, Egitto, Israele, Unione Europea, sono tutti oggi coinvolti in una crisi che potrebbe avere notevoli implicazioni. Il presidente Erdogan ha infatti lanciato, negli ultimi anni, una serie di operazioni militari e movimenti di truppe che hanno guidato tutti i suoi vicini, come...

Leggi l'articolo

Sarà la Turchia a rivelare il fallimento de La Défense Europe?

Difesa Europa è stato uno dei temi principali della campagna elettorale del candidato Emmanuel Macron durante le elezioni presidenziali del 2017. Appena eletto si è impegnato a dare sostanza a questa visione, lanciando diversi programmi in partnership strategica con la Germania. Da allora, non ha mai smesso di cercare di convincere i suoi omologhi europei dei meriti di questa visione puramente francese di un'Europa sufficientemente potente militarmente e industrialmente da non dipendere più dalla protezione o dalle tecnologie di un alleato per garantirne la protezione e la conservazione di suoi interessi nel mondo. Oggi le tensioni con Ankara evidenziano differenze concettuali se...

Leggi l'articolo

La Francia può estendere la sua dottrina di deterrenza alla Grecia e a Cipro?

Giovedì 10 settembre, il presidente francese Emmanuel Macron si incontrerà alle 16:00 a margine del vertice MED7 che si terrà ad Ajaccio, il suo omologo greco, il primo ministro Kyriakos Mitsotakis, per firmare, secondo le informazioni pubblicate da diversi media greci, un accordo di difesa tra Francia e Grecia. È anche possibile che vengano fatti annunci in merito a contratti militari, a un possibile ordine di caccia Rafale e fregate FDI Belh@rra da parte di Atene, in quella che potrebbe benissimo assumere la forma di una partnership strategica militare e industriale a lungo termine tra i due paesi . L'obiettivo dichiarato di questo riavvicinamento tra Atene e...

Leggi l'articolo

Nonostante la mediazione tedesca, aumentano le tensioni tra Grecia e Turchia

Dopo il vertice dei ministri degli Esteri dell'Unione europea sulle tensioni nel Mediterraneo orientale organizzato su richiesta di Atene, Berlino era stata molto critica nei confronti dell'invio di navi francesi e aerei Rafale nel Mar Egeo, nel tentativo di esercitare pressioni sul presidente turco e porre fine alla missione di esplorazione del gas della nave turca Orus Reis e della sua scorta militare. Per la Cancelleria tedesca, largamente convinta dei vantaggi della negoziazione e del soft-power, l'atteggiamento della Francia non ha fatto altro che alimentare il fuoco nelle relazioni già esplosive tra i due paesi...

Leggi l'articolo

Queste 5 crisi internazionali che minacciano la pace nel mondo

In poche settimane, diversi ambiti di tensione internazionale si sono trasformati in crisi che minacciano di trasformarsi in conflitto aperto, con un notevole rischio di estensione, al punto da minacciare anche la pace su scala planetaria. In effetti, queste grandi crisi hanno in comune il fatto che coinvolgono tutte, direttamente o indirettamente, nazioni nucleari che sono membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il più delle volte l'una di fronte all'altra. In questo articolo, forniremo un rapido riassunto delle 5 principali crisi che potenzialmente minacciano di degenerare in conflitto e coinvolgono nazioni con armi nucleari. 1- La crisi bielorussa Per poco...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE