La Colombia annuncia il fallimento del contratto Rafale... e l'ordine di armi CAESAR per 101 milioni di dollari

Aggiornamento: Bis Repetita. Solo poche ore dopo aver annunciato l'ordine di CAESAR da Nexter, le autorità colombiane hanno fatto marcia indietro, confermando invece l'ordine di 18 sistemi ATMOS dall'israeliano Elbit. Secondo Bogotà, Nexter si era rifiutata di rinunciare all'aumento del 12% dei suoi prezzi rispetto alla quotazione iniziale, mentre Elbit ha accettato di rinunciare a tale aumento. Come il Rafale, il CAESAR è risultato il migliore nelle valutazioni effettuate dagli eserciti colombiani. Ovviamente, l'annuncio fatto dal presidente colombiano due settimane fa in merito a un imminente ordine per 16 velivoli Rafale da parte di...

Leggi l'articolo

L'ordine colombiano Rafale potrebbe avvenire entro la fine del 2022

Meno di una settimana fa, abbiamo elencato in un articolo i potenziali futuri contratti Rafale per l'anno 2023. Dei 6 paesi citati, la Colombia era allora quello con le scadenze probabili più brevi, mentre le compagnie aeree del paese avevano annunciato che l'aereo francese soddisfacevano al meglio le loro esigenze di fronte all'F-16V americano e allo svedese JAS-39 Gripen E/F, e che le autorità colombiane avrebbero annunciato la selezione del vincitore di questa competizione durante il mese di gennaio 2023. Da allora, le cose sembrano essere decollate a Bogotà. Poche ore dopo la pubblicazione di questo articolo,...

Leggi l'articolo

I combattenti "leggeri" sono destinati a scomparire?

Ora è ufficiale, il Rafale ha la preferenza delle autorità colombiane per sostituire oggi la sua flotta da combattimento armata con i caccia israeliani Kfir. Sebbene non si tratti, in senso stretto, di un ordine per 16 nuovi velivoli, la Colombia è ora in trattative esclusive con Dassault Aviation e le autorità francesi per concretizzarlo, dopo aver valutato pubblicamente che il Rafale fosse "la migliore opzione per il Paese in termini di prezzo, efficienza e operabilità", pur essendo il 30% più economico da utilizzare rispetto al Kfir attualmente in servizio. Con questo probabile successo, il Rafale supererebbe il numero di velivoli esportati per il Mirage 2000 con...

Leggi l'articolo

Quali sono le opportunità di esportazione per il Rafale per il 2023?

Con 284 velivoli ordinati per l'esportazione dal 2015 per 7 paesi, il velivolo da combattimento Rafale, a lungo denigrato anche ai massimi livelli dello Stato, è ora considerato un enorme successo per Dassault Aviation, arrivando a flirtare con il successo di esportazione del Mirage 2000 e i suoi 286 velivoli esportati in 8 paesi. Se gli ordini effettuati negli ultimi due anni da Egitto (30 velivoli), Grecia (24 velivoli di cui 12 di seconda mano offset), Croazia (12 velivoli di seconda mano offset), Indonesia (42 velivoli) e soprattutto Emirati Arabi Uniti Emirates con 80 velivoli per un contratto record di 13,5 miliardi di euro, ha assicurato la sostenibilità e l'attività...

Leggi l'articolo

Iraq, Serbia, Colombia: il Rafale ancora all'offensiva sui mercati di esportazione

Il 2021 sarà senza dubbio l'anno del Rafale, con 188 velivoli ordinati per l'esportazione da Grecia (18+6 unità), Croazia (12 velivoli), Egitto (30 velivoli), Emirati Arabi Uniti (80 velivoli) e Indonesia (42 velivoli), oltre ai 96 Rafale precedentemente ordinati da Egitto (24 velivoli), Qatar (24+12 velivoli) e India (36 velivoli). Così facendo, l'ammiraglia di Dassault Aviation e dell'intera industria aeronautica francese, si avvicina ai punteggi delle esportazioni del suo predecessore, il Mirage 2000 con 284 velivoli ordinati da 7 paesi, contro i 298 velivoli ordinati da 8 paesi per il 2000. Tuttavia, il costruttore aeronautico francese non intende fermarsi...

Leggi l'articolo

Dopo il Belgio, la Colombia si prepara a ordinare il cannone montato CAESAR dal francese Nexter

Da quando è entrata in servizio nel 2008, la Canon Equipaggiato con un sistema di artiglieria Nexter, o CAESAR, ha riscosso un notevole successo operativo e commerciale. Impiegato con successo dai cannonieri francesi in Afghanistan, Iraq, Libano e Mali, e dai suoi utilizzatori internazionali in Cambogia (Thailandia) e Yemen (Arabia Saudita), il sistema francese ha dimostrato eccellenti qualità operative, combinando un'elevata mobilità ad alto raggio (fino a 40 km con proiettili ERFB, più di 50 km con proiettili di propulsione aggiunti), nonché un'elevata precisione anche con proiettili non guidati. Queste qualità furono sfruttate dall'artiglieria francese...

Leggi l'articolo

La Colombia diventa un "grande alleato" degli Stati Uniti

La guerra in Ucraina ha generato una certa radicalizzazione a livello delle relazioni internazionali, in Europa ovviamente, ma anche sull'intero pianeta. In questo contesto, il Venezuela del presidente Maduro non ha mancato di giocare una carta importante, dimostrando immancabile sostegno a Mosca fin dall'inizio del conflitto, e votando sistematicamente contro i testi rivolti alla Federazione Russa alle Nazioni Unite. Per Caracas si tratta di assicurarsi le grazie del Cremlino, il cui supporto militare e in termini di esportazioni di armi sono essenziali per mantenere il regime in vigore. Se il riavvicinamento con Mosca e Pechino risale a...

Leggi l'articolo

Qual è il contratto differito di Rafale a cui si riferiva il CEO di Dassault, Eric Trappier?

In occasione della presentazione dei risultati semestrali agli azionisti del gruppo, Eric Trappier, amministratore delegato di Dassault Aviation dal 2013, ha fatto riferimento a un contratto relativo alla vendita di aeromobili Rafale per l'esportazione, contratto che sarebbe stato rinviato a scadenza alla crisi sanitaria legata al COVID-19, senza specificare da quale Paese provenisse questo ordine potenzialmente imminente per l'aereo francese. L'occasione ovviamente per fare una panoramica dei concorsi e delle trattative in corso che coinvolgono il Rafale, per dedurre, se possibile, chi potrebbe essere questo misterioso cliente a cui Eric Trappier ha riferito La Suisse Après la 2014 vote...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE