Con lo Skyranger 30, Rheinmetall si posiziona sui sistemi SHORAD in Europa

Con il ritorno della minaccia dei cosiddetti conflitti ad alta intensità, cioè opponendosi a eserciti pesantemente equipaggiati e avendo accesso a tecnologie avanzate, molti eserciti europei si sono nuovamente interessati ai sistemi di difesa antiaerea ravvicinata, o SHORAD (Short Range Air Defense) per la Acronimo inglese, per poter proteggere forze mobili e siti sensibili da aerei da combattimento, elicotteri o missili da crociera. Ma il ruolo centrale svolto dai droni e dalle munizioni itineranti dalle forze azere durante la guerra del Nagorno Karabakh del 2020 ha evidenziato l'urgenza...

Leggi l'articolo

La Russia svilupperà un drone anti-drone dopo la guerra del Nagorno-Karabakh

Dalla guerra in Cecenia, gli eserciti russi, così come gli industriali del paese, hanno istituito un meccanismo di feedback dell'esperienza molto efficace che consente la rapida integrazione delle lezioni provenienti dal campo, per migliorare o correggere i guasti osservati nelle apparecchiature. . Questo meccanismo è stato particolarmente utilizzato durante l'intervento russo in Siria, con numerose modifiche apportate a quasi tutti i sistemi schierati in loco. Inoltre, il conflitto è servito da banco di prova per molti nuovi sistemi, siano essi droni, aerei da combattimento, sistemi antiaerei, veicoli corazzati o sistemi robotici. In questo contesto, non poteva sfuggire...

Leggi l'articolo

Forze navali e coronavirus: a che cosa servono le crisi sanitarie attuali e future?

Oggi, poco prima, siamo tornati in dettaglio sul dispiegamento della portaelicotteri anfibia (PHA) Tonnerre in Corsica, al fine di evacuare i pazienti affetti da coronavirus. Con lo schieramento di un ospedale da campo a Mulhouse e l'utilizzo dei kit Morphée da parte dell'Aeronautica Militare per il trasporto di alcuni pazienti, il viaggio di andata e ritorno compiuto questo fine settimana da Tonnerre tra la costa meridionale della Francia e la Corsica dimostra l'impegno delle forze armate in la lotta al coronavirus. Tuttavia, nel nostro articolo pubblicato venerdì sera sulle voci e le fake news che circondano l'uso degli eserciti in questa crisi, abbiamo concluso con...

Leggi l'articolo

La Russia presenta le prossime evoluzioni del sistema antiaereo di Pantsir

Il sistema di difesa antiaereo e antimissilistico russo Pantsir-S è stato uno dei grandi successi commerciali dell'industria della difesa russa negli ultimi anni, essendo stato esportato in 11 paesi tra cui l'Oman, gli Emirati Arabi Uniti e recentemente la Serbia . Identificato dalla NATO come SA-22 Greyhound, il sistema è stato ampiamente utilizzato in Siria per proteggere le infrastrutture russe schierate dal 2015, e più in particolare la base aerea di Hmeimim, bersaglio di numerosi attacchi delle Forze democratiche siriane e di Daesh. Mentre i primi rapporti indicavano una mancanza di efficienza del sistema, sembra che i recenti cambiamenti siano cambiati...

Leggi l'articolo

La Scarabée, un concentrato di innovazioni in un veicolo blindato leggero francese

Nonostante il fallimento del suo Combat Reconnaissance Armored Buggy, o CRAB, presentato all'Eurosatory 2012 come potenziale sostituto del VBL, probabilmente troppo avanti rispetto alle esigenze degli eserciti, Arquus, che ha rilevato il marchio Panhard nel 2012, ha continuato a lavorare sul suo concetto di veicolo blindato leggero ad alte prestazioni. I lavori per lo Scarabée, il successore designato del CRAB, sono iniziati nel 2017 e il prototipo è stato presentato a Eurosatory nel 2018, suscitando lo stesso interesse del CRAB 6 anni prima da parte dei visitatori e della stampa, ma non è arrivato a non portare il CRAB Ministero delle Forze Armate a...

Leggi l'articolo

Le forze russe sostituiranno i loro sistemi Pantsir CIWS

L'informazione era trapelata già qualche mese fa: il sistema di difesa antiaerea a corto raggio Pantsir S1 e S2, identificato dal codice NATO SA-22 GreyHound, e utilizzato dalle forze russe e siriane per proteggere basi aeree e installazioni sensibili, sembra di non aver dato soddisfazione nel teatro siriano. Secondo le indiscrezioni dell'epoca, il radar del sistema aveva grandi difficoltà a rilevare piccoli bersagli e molto spesso veniva interferito da vari elementi, come stormi di uccelli. Questa informazione sembra prendere forma ora. Così, secondo una fonte anonima del ministero della Difesa russo, citata...

Leggi l'articolo

Quando il ministro della Difesa russo fa il punto della sua azione

Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigou, ha presentato, durante un discorso al Comitato di difesa della camera bassa della Duma, una valutazione degli sviluppi intrapresi ed efficaci negli eserciti russi dal 2012, cioè al momento del suo insediamento. E questa valutazione è a dir poco positiva, per non dire lusinghiera. Così, mentre nel 2012 le forze di combattimento russe erano limitate a 16 brigate, a loro volta spesso parzialmente equipaggiate, oggi conta 136 battaglioni su 200 composti da personale militare sotto contratto, ovvero più di 65 brigate e reggimenti. Nello stesso periodo, gli eserciti avranno percepito...

Leggi l'articolo

La Russia modernizza gli elicotteri Mi-35 dopo l'esperienza siriana

Dopo veicoli corazzati e droni, tocca agli elicotteri russi fare il punto sulle proprie capacità dopo il loro utilizzo nel teatro siriano, al fine di aggiornarne capacità e sistemi. Dopo il Ka-52 e il Mi-28, è il Mi-35, erede del famoso Mi-24 Hind, a subire un'evoluzione, la maggior parte della flotta passerà quindi dallo standard M allo standard MV, integrando un nuovo sistema di protezione antimissilistica President-S, optronica modernizzata OPS-24N1, nuovi motori e rinforzo della sua armatura. Questa modernizzazione è interessante in più di un modo. In primo luogo, interviene mentre l'ufficio Mil...

Leggi l'articolo

Il BMPT Terminator 3 diventa chiaro dopo la Siria

Come già discusso più volte, le forze russe hanno fatto ampio uso del teatro siriano per sperimentare e migliorare i sistemi d'arma e le loro dottrine. Tra questi sistemi testati, il veicolo da combattimento e protezione corazzata BMPT Terminator 2 ha dato risultati incoraggianti, giustificando il primo ordine di 12 unità. Ma non appena questo ordine è stato annunciato, è stato ufficializzato lo sviluppo di una nuova versione, il BMPT Terminator 3. La nuova versione abbandonerà la base T72/90 per integrarsi nel programma Armata, rendendo possibile la progettazione di un veicolo blindato più pesante, e molto più moderno di questi due predecessori. Inoltre, esso…

Leggi l'articolo

Riscontro seriale di esperienza per attrezzature russe

Dopo le modifiche apportate al drone da combattimento terrestre Uran-9, è il turno degli elicotteri da combattimento Ka-52 e Mi-28 di sottoporsi a un programma di ammodernamento basato sul feedback del teatro siriano. Secondo l'agenzia TASS, i due elicotteri da combattimento vedranno la loro potenza aumentata e i sistemi optronici modernizzati, per migliorare il rilevamento e l'identificazione dei bersagli. Allo stesso tempo, la stessa agenzia Tass, nella sua versione russa, indica che il ministero della Difesa aveva ordinato 12 robot da sminamento autonomi Uran-6, testati anche in Siria. Dall'inizio dell'intervento in Siria, così come nel Donbass, le forze russe non hanno esitato a schierare...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE