Le simulazioni mostrano che gli sciami di droni sarebbero una soluzione per difendere Taiwan

Se il sostegno all'Ucraina è al centro delle preoccupazioni strategiche dell'esecutivo americano, è proprio la difesa di Taiwan che, da diversi anni, regala incubi a strateghi e pianificatori delle forze armate americane. Infatti, la maggior parte delle simulazioni e dei wargames effettuati negli ultimi anni mostrano che proteggere l'isola indipendente dal 1949 da un massiccio assalto lanciato dall'Esercito popolare di liberazione nel giro di pochi anni sarà un compito che è insieme uno dei più difficili e più pericoloso per le forze americane. Tra le ipotesi di massicci attacchi preventivi contro l'isola e contro le basi militari americane presenti in questo teatro (Giappone, Guam, ecc.), le capacità...

Leggi l'articolo

General Atomics presenta il drone aerotrasportato leggero Eaglet per alta intensità

Dall'entrata in servizio del primo drone MALE MQ-1 Predator nella US Air Force nel 1995, il ruolo di questi velivoli pilotati da terra e dotati di un'autonomia di oltre 24 ore non ha smesso di crescere negli eserciti mondiali. Ora, la maggior parte dei principali eserciti del mondo utilizza questo tipo di drone, o il suo successore MQ-9 Reaper, per svolgere missioni di intelligence e talvolta di attacco in teatri a bassa intensità, come è avvenuto durante le campagne irachene e gli afgani per il Stati Uniti, o per l'Operazione Barkhane nel Sahel per gli eserciti francesi....

Leggi l'articolo

La Marina degli Stati Uniti finanzia un programma di droni con una portata di oltre una settimana

Tra le lezioni apprese dalla guerra in Ucraina, il ruolo preponderante dei droni da ricognizione nello svolgimento delle operazioni militari rappresenta probabilmente, se non la sorpresa più grande, in ogni caso la conferma più evidente delle trasformazioni che stanno avvenendo ora sul campo. -intensa azione militare. Il successo degli eserciti ucraini di fronte alle forze russe più numerose e potentemente armate si basa infatti in gran parte sulla perfetta integrazione di un dispositivo che combina un innovativo sistema di comunicazione per coordinare le unità schierate con le informazioni riportate da diversi tipi di droni che vanno da MASCHIO (Medium Altitude Long Endurance) leggero…

Leggi l'articolo

La Francia ha perso la sua audacia nell'innovazione della Difesa?

All'inizio della settimana, l'Agenzia francese per l'innovazione della difesa ha lanciato due inviti a presentare progetti per la progettazione di modelli di munizioni vagabondi. Queste armi, a volte impropriamente chiamate droni suicidi, segnano le novità nel conflitto ucraino, con l'arrivo dei modelli Switchblade 300 e 600 e del misterioso Phoenix Ghost appositamente progettato dall'industria della difesa statunitense su richiesta degli ucraini. Tuttavia, l'efficacia delle munizioni vagabonde non è emersa durante questo conflitto, né durante la guerra del Nagorno Karabakh nel 2020 durante la quale gli Harops e gli Orbiters di fabbricazione israeliana hanno saturato le difese armene. In effetti, questo tipo di munizioni esiste...

Leggi l'articolo

General Atomics presenta una versione di bordo del suo drone MALE MQ-9B SkyGuardian

Negli ultimi due decenni, i droni da combattimento Medium Altitude Long Endurance, o MALE, come il famoso MQ-1 Predator della American General Atomics, e il suo successore MQ-9A Reaper, hanno cambiato profondamente il combattimento aria-terra. Dotati (come suggerisce il nome) di una lunga autonomia dell'ordine di 30 ore per il Razziatore, questi dispositivi possono pattugliare e sorvegliare vaste aree grazie a avanzati sistemi elettro-ottici e colpire bersagli con munizioni aria-superficie come il Missile AGM-114 Hellfire e bomba guidata GBU-38 JDAM. Mentre la loro efficacia nei combattimenti ad alta intensità resta da determinare a causa della significativa vulnerabilità, e questo...

Leggi l'articolo

Quali soluzioni per affrontare la minaccia dei droni leggeri e delle munizioni vaganti?

All'inizio dell'offensiva russa contro l'Ucraina, l'equilibrio delle forze, in particolare in termini di potenza di fuoco disponibile, era così tanto favorevole alle forze russe che sembrava molto difficile, se non impossibile, perché le forze ucraine potevano resistere a più di un poche settimane di fronte all'assalto di fuoco e acciaio che doveva venire. Tuttavia, il comando ucraino è riuscito a utilizzare al meglio i mezzi a sua disposizione per sfruttare le debolezze dell'avversario, come la necessità di rimanere su strade e strade asfaltate, per vessare con unità di fanteria mobili e determinate, le linee logistiche russe, mentre bloccando le offensive meccanizzate di...

Leggi l'articolo

Germania, Polonia, Slovacchia: presto i carri armati europei in Ucraina?

Fino a che punto siamo arrivati ​​dal giorno dopo l'inizio dell'offensiva russa in Ucraina, un diplomatico tedesco avrebbe risposto al suo omologo ucraino che non aveva senso inviare equipaggiamento militare agli eserciti ucraini, poiché questi ultimi sarebbero stati spazzati via in un pochi giorni. In questi giorni, infatti, si sono moltiplicate le dichiarazioni in Europa, e più in generale in tutto il campo occidentale, a favore di un sostegno molto più sostenuto dato all'Ucraina in termini di equipaggiamento di difesa, compreso il pesante equipaggiamento richiesto per diverse settimane da Kiev per resistere alle ondate d'assalto lanciate da Mosca. Già, la scorsa settimana, Praga aveva confermato...

Leggi l'articolo

Il Rafale sarà l'erede del Mirage III per il futuro dell'industria aeronautica francese?

Veloce, agile, potente e ben armato, il Mirage III è senza dubbio una leggenda nell'aviazione militare da combattimento di tutto il mondo. Nelle mani dei piloti israeliani, il caccia monomotore ad ala delta della Dassault Aviation ha prevalso contro i MiG e i cacciatori arabi durante le guerre dei Sei Giorni e dello Yom Kippur e ha svolto un ruolo decisivo nella vittoria dello stato ebraico in questi due conflitti, adornando il aereo con un'aura di efficienza e prestazioni che ha costruito il suo successo nelle esportazioni con 1400 aeromobili costruiti (Mirage III e V) e che ha imposto i caccia di Dassault Aviation sul mercato internazionale per diversi decenni.…

Leggi l'articolo

Un motore italo-americano per l'Eurodrone, un'eresia industriale e tecnologica

Per diversi mesi, il programma europeo di droni Medium Altitude Long Endurance, o MALE, che riunisce Francia, Germania, Italia e Spagna, era sospeso, in attesa del via libera di bilancio da Madrid e della scelta finale della sua soluzione di propulsione. Mentre la Spagna ha confermato qualche settimana fa la sua partecipazione finanziaria, la scelta annunciata da Airbus DS del motore Catalyst, prodotto in Italia da Avio Aero ma progettato negli Stati Uniti da General Electric, a scapito del motore Ardiden 3TP della francese Safran, ha creato un profondo movimento di malcontento all'interno dell'industria della difesa francese. Il turboelica Catalyst, valutato a 850...

Leggi l'articolo

In che modo la guerra in Ucraina trasformerà la pianificazione strategica in Europa?

Solo 3 settimane fa, pochissimi in Occidente credevano che la Russia avrebbe davvero intrapreso una guerra globale di aggressione contro l'Ucraina. Per molti, il dispiegamento delle forze russe intorno all'Ucraina aveva lo scopo di far piegare il presidente Zelensky sulla sua appartenenza alla NATO e sullo status delle repubbliche separatiste del Donbass. Per i più informati, come lo Stato maggiore degli eserciti francesi, e come abbiamo discusso in un articolo del 23 febbraio, i rischi militari e politici associati a tale offensiva non superavano i potenziali benefici, sicché tale decisione appariva irrazionale e quindi poco...

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE