Caso di Huawei: il punto sul braccio di ferro Cina-USA e le sue conseguenze per la difesa

Dopo aver prima emesso un decreto presidenziale per vietare l'acquisto da parte di aziende americane di tecnologie sviluppate da Huawei, il Dipartimento del Commercio americano concede finalmente una tregua di 3 mesi al produttore cinese. In apparenza, questi cambiamenti di rotta potrebbero aver indotto a credere che il governo americano stesse navigando di vista. Tuttavia, venerdì Donald Trump ha annunciato che non chiuderà la possibilità di includere il caso Huawei nelle trattative per un accordo commerciale con la Cina. Nonostante la fermezza delle misure adottate, gli Stati Uniti svelano la loro mano: sfruttando l'affare Huawei per stabilire un favorevole equilibrio di forze nella guerra commerciale condotta contro...

Leggi l'articolo

S-400 è solo un sistema intermedio?

Man mano che arrivano informazioni sul sistema S-500, è ovvio che i russi hanno grandi ambizioni per questo sistema. Da solo, svolgerà le funzioni di missili antibalistici a medio, lungo, lunghissimo raggio e probabilmente anti-satellite. Infatti, coprirà, da solo, le funzioni svolte in Occidente da PATRIOT, THAAD e GBI. Per questo, il sistema S-500 implementerà una serie di radar che consentono la copertura a bassa quota, alta quota e lungo raggio, nonché un radar con funzione di missile antibalistico. Questa suite radar sarà associata a un controllo antincendio che opera su...

Leggi l'articolo

Il Senato degli Stati Uniti istituisce misure di salvaguardia per impedire l'uscita della NATO

Le posizioni del presidente Donald Trump nei confronti della NATO sono imprevedibili. Inoltre, il plurale utilizzato in "le posizioni" non ha nulla a che vedere con una figura retorica, avendo infatti il ​​presidente americano citato, a seconda del contesto, posizioni molto diverse, e anche divergenti, sull'alleanza atlantica, che vanno da minacce di unilaterale esce a dichiarazioni infuocate sul legame indissolubile che unisce gli Stati Uniti ei paesi europei all'interno di questa alleanza. Comunque sia, i senatori americani hanno preferito assumere un ruolo guida nel trattare con il loro versatile presidente, mettendo in atto misure di salvaguardia per prevenire qualsiasi azione sconsiderata. E cosa potrebbe essere più efficace di...

Leggi l'articolo

Il Regno Unito vuole estendere l'articolo 5 della NATO agli attacchi informatici

I paesi membri della NATO possono, se sono oggetto di aggressione militare, fare appello all'articolo 5 dell'Alleanza, noto come "Articolo di difesa collettiva". In effetti, l'attacco contro questo paese membro diventerebbe un attacco contro tutti i paesi dell'alleanza. Tuttavia, ogni paese sarebbe libero di scegliere i mezzi che userebbe per combattere questa aggressione e fornire assistenza al paese attaccato. Questo articolo è stato invocato una sola volta dalla creazione dell'Alleanza Atlantica, dopo gli attentati dell'11 settembre 2001, da parte degli Stati Uniti, che provocheranno l'intervento della NATO in Afghanistan. Di fronte alla recrudescenza degli attacchi informatici contro obiettivi di oltre...

Leggi l'articolo

Tra fantasia e conservatorismo, c'è posto per un esercito europeo?

In quest'ultimo giorno di campagna elettorale per le donne europee, torna alla ribalta l'idea di creare un esercito europeo, con la pubblicazione di una colonna cofirmata da oltre sessanta deputati e senatori della maggioranza presidenziale, sostenendo un esercito europeo per garantire la pace nel Vecchio Continente. Tribune subito denunciato e criticato dagli attori dell'opposizione, giudicandolo privo di senso e, in un certo senso, fuorviante. Colpisce notare, in questo fascicolo, che la stragrande maggioranza delle posizioni espresse si basa sulla sola espressione di convinzioni personali, e che in nessun momento una riflessione oggettiva...

Leggi l'articolo

Belgio e Paesi Bassi formalizzano l'ordine per il minisweeks del consorzio 12 Naval Group / ECA

Dopo la convalida da parte dei rispettivi parlamenti, Belgio e Paesi Bassi hanno ufficialmente notificato al consorzio formato dal French Naval Group e dall'ECA belga l'ordine di 6 cacciamine di nuova generazione per la Royal Belgian Navy, e altrettanti per la Navy Royal Dutch Navy, accompagnato da un centinaio di droni subacquei per il rilevamento e disinnescare mine subacquee. Si tratta di un contratto da 2 miliardi di euro, uno dei più grandi contratti di esportazione firmati da Naval Group negli ultimi 10 anni. Con questi 12 edifici, le marine belga e olandese disporranno della più moderna forza di guerra contro le mine...

Leggi l'articolo

La Marina degli Stati Uniti punta sul laser per proteggere le navi da combattimento

Per spiegare come la Marina degli Stati Uniti sia pronta a investire nella tecnologia laser, in particolare per difendere le sue navi da combattimento, il capo delle operazioni navali di superficie, il contrammiraglio Ron Boxall, ha fatto l'esempio di Cortez, che affondò le sue navi all'arrivo nel nuovo mondo, per galvanizzare i suoi uomini, i quali sapevano che non ci sarebbe stata scampo. E infatti la marina americana intende forzare il destino, sostituendo nel 2021 sul cacciatorpediniere USS Preble, proprio quello che continua a fare notizia e che si è abituato a sfiorare gli isolotti rivendicati dalla Cina in mare....

Leggi l'articolo

Il lanciarazzi Multiple Tornado-S equipaggia una prima brigata russa

Erede dell'Armata Rossa, l'esercito russo ha mantenuto un certo appetito per i sistemi di artiglieria. Non solo ne ha molti di più dei suoi omologhi occidentali, con un sistema di artiglieria mobile per 120 uomini, uno per 500 in media nella NATO, ma sviluppa anche molti sistemi in modo da mantenere un vantaggio permanente sui potenziali avversari. E oggi ha dei vantaggi. Non solo i suoi cannoni semoventi sparano più lontano e con maggiore precisione rispetto alla maggior parte dei sistemi occidentali, ma impiega anche un gran numero di lanciarazzi multipli, con prestazioni notevoli. Il sistema Tornado-S 9M542 si inserisce perfettamente in questo...

Leggi l'articolo

XQ-58 Valkyrie UAV potrebbe supportare rapidamente US F35 e F15XE

Secondo il direttore delle principali acquisizioni del Pentagono, l'aeronautica americana potrebbe acquisire il drone da combattimento XQ-58 Valkyrie per accompagnare gli aerei da combattimento F35 e F15XE durante missioni pericolose. Progettato per poter accompagnare aerei da combattimento, con velocità supersonica, autonomia superiore a 1500 km, capacità di carico utile di 500 kg e manovrabilità paragonabile a quella di un caccia, l'XQ-58 Valkyrie, costruito dall'americana Kratos Defense, rappresenterà un livello intermedio prima dell'arrivo di Skyborg, un programma con ambizioni ben più alte, ma che è solo agli albori. Inoltre, la Valchiria offre un argomento forte, capace...

Leggi l'articolo

Washington lascia 2 settimane in Turchia per abbandonare S400

Secondo la CNBC, le autorità americane hanno dato un fermo ultimatum alla Turchia di abbandonare il programma di acquisizione degli S400 russi entro 2 settimane, in caso contrario Ankara sarebbe esposta a "gravissime conseguenze", prima fra tutte l'esclusione definitiva dal programma F35. Le possibilità che una tale minaccia raggiunga l'obiettivo designato sono più che basse. È davvero molto improbabile che il presidente RT Erdogan accetti di cedere alle richieste americane, a rischio di alterare la sua immagine di uomo forte che mira a riportare il paese al rango e al potere che erano suoi all'inizio del XX secolo. Puoi anche…

Leggi l'articolo
Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE