La Bundeswehr ordinerà 200 Puma VCI, di cui 89 costituiranno una riserva di esportazione

Puma IFV

Per molti aspetti la Bundeswehr è ben lungi dall'essere la forza armata più efficace del vecchio continente, in particolare se si considera il budget di cui dispone rispetto alle capacità operative che si riconosce. Ma c'è un settore in cui è esemplare sotto ogni aspetto, il sostegno all'industria della difesa tedesca. Così, l'ordine annunciato pochi giorni fa per 18 Leopard 2 secondo il nuovo standard A8, rappresenta un notevole supporto per imporre questo sviluppo sulla scena dell'esportazione, in particolare di fronte alla concorrenza dei K2 sudcoreani o del KF-51 Panther di Reinmetall. Allo stesso modo, mentre il sostegno del mercato per i veicoli da combattimento di fanteria è stato relativamente limitato negli ultimi anni in un mercato fiacco, gli sconvolgimenti associati alla guerra in Ucraina e i suoi effetti sul rapido e drastico aumento della domanda di questo tipo di carri armati, hanno portato la Bundeswehr a riconsiderare la sua postura. Così, alla fine della scorsa settimana, Il ministro della Difesa tedesco Boris Pistorius ha annunciato l'ordine per 200 nuovi veicoli da combattimento della fanteria Puma, accanto all'ammodernamento dei Puma già in servizio per migliorarne le prestazioni.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati -

Gli articoli ad accesso completo sono accessibili nella sezione "Articoli gratuiti". Gli articoli Flash sono aperti nella versione completa per 48 ore. Gli abbonati hanno accesso completo agli articoli di analisi e riepilogo. Gli articoli in Archivio (più vecchi di due anni) sono riservati agli abbonati Premium.

- 15% sul tuo abbonamento Classic o Premium (mensile o annuale) con il codice Ritorno a casa23
Solo fino al 30 settembre!


Condividi l'articolo:

Saperne di più