Il sistema di uccisione dura di Iron Fist protegge gli American Bradley solo il 70% delle volte

Entrati in servizio nei primi anni 2010 per proteggere i carri armati Merkava e i veicoli da combattimento di fanteria Namer delle forze armate israeliane, i sistemi di protezione attiva hard-Kill Trophy e Iron Fist degli israeliani Raphael ed Elbit, si sono dimostrati molto efficaci durante gli interventi armati nei territori palestinesi occupati, intercettando decine di razzi anticarro RPG ma anche Konkurs e Kornet lanciati dagli Hezbollah iraniani. Il fatto è che nessun carro armato israeliano è stato perso durante le operazioni militari dei primi anni 2010, a causa del lancio di munizioni anticarro. Questa efficienza non è sfuggita agli eserciti occidentali, in particolare all'esercito americano, che ha deciso nel 2015 di equipaggiare parte dei suoi carri armati pesanti Abrams, i suoi veicoli da combattimento di fanteria Bradley e persino i suoi veicoli da trasporto delle truppe corazzate Stryker, di questi sistemi.

Tuttavia, se il Namer e il Merkava Mk4 erano stati appositamente adattati per ricevere questi sistemi, l'integrazione del Trophy sui carri M1A2, e ancor più dell'Iron Fist sul Bradley, era molto complessa. Così, durante i test nel 2018 dei primi Bradley equipaggiati con l'Iron Fist, è apparso subito che la disposizione dei sistemi di rilevamento e dei sistemi di intercettazione consentiva di coprire solo il 50% del perimetro vulnerabile del veicolo blindato. In altre parole, mentre l'integrazione dell'Iron Fist costa diversi milioni di dollari per unità, o sostanzialmente il prezzo di un Bradley, questo sistema era in grado di intercettare solo uno dei due proiettili anticarro sparati contro di lui. Questo basso risultato ha portato ad una nuova fase di studio per cercare di posizionare in modo più efficace i radar che assicurano la rilevazione delle minacce e le torrette che sparano le munizioni di intercettazione.

Aggiungere un APS Hard-kill, come qui il Trofeo al carro armato M1A2, è un esercizio complesso, costoso e spesso inefficace.

Secondo l'esercito americano, l'obiettivo è stato raggiunto. In effetti, gli ultimi test effettuati nel settembre 2022 hanno dimostrato che ora, il sistema Iron Fist copriva il 70% del perimetro che circondava il Bradley M2A4, grazie agli sforzi congiunti di Elbit e General Dynamics Ordnance and Tactical Systems, responsabile del programma. Pertanto, i rilevatori e gli effettori sono stati spostati sul veicolo blindato, è stato installato un nuovo sistema di contromisure elettroniche mentre il software di sistema è stato profondamente modificato per dare vita a una nuova versione denominata Iron Fist Light Decoupled. Tuttavia, il finanziamento per trasformare una prima brigata meccanizzata dotando i suoi Bradley dell'Iron Fist non è ancora stato rilasciato dall'esercito americano, che sta continuando le sue prove, in particolare per quanto riguarda l'adattamento del sistema Trophy Light sull'APC Stryker. E questo non sorprende.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE