Il programma di energia a microonde Leonidas dell'esercito americano raggiunge un nuovo traguardo

I droni suicidi a lungo raggio come le munizioni per roditori sono stati senza dubbio una delle rivelazioni militari tecnologiche più significative degli ultimi anni. Facili ed economici da produrre, con un'elevata capacità distruttiva, una portata che può superare i 2000 km e una precisione quasi metrica, questi droni rappresentano un'arma con capacità strategica una volta prodotti in grandi quantità, anche per un Paese che non dispone di risorse molto significative . E se il termine "Game Changer" è spesso abusato e usato a torto in termini di sistemi d'arma, vale indiscutibilmente per questi nuovi droni leggeri, in quanto ormai è difficile proteggersi da essi, e che conferiscono a chi li detiene mezzi di azioni che erano, fino ad allora, fuori dalla loro portata.

A causa della loro traiettoria di volo relativamente lenta e della loro velocità, questi droni non sono fondamentalmente difficili da intercettare. Ma il loro basso costo unitario, dell'ordine di 20.000 dollari per lo Shahed 136 iraniano utilizzato massicciamente dalla Russia in Ucraina, consente di effettuare attacchi massicci che saturano i sistemi di difesa convenzionali o ne sfruttano le debolezze. Molto meno costosi dei missili antiaerei che oggi forniscono il grosso della difesa occidentale, possono anche saturare rapidamente le capacità di questi sistemi, o semplicemente svuotarne le scorte di munizioni. Per far fronte a ciò, gli ucraini stanno ora schierando un numero crescente di sistemi di artiglieria antiaerea, sia guidati da radar come il tedesco Cheetah, sia controllati da operatori, come i numerosi cannoni Bofors e Oerlikon inviati negli ultimi mesi dall'Occidente a proteggere le infrastrutture critiche da queste minacce.

Con una portata di 2500 km e trasportando 40 kg di esplosivo, il drone iraniano Shahed 136 costerebbe, secondo le stime, solo $ 20.000 da produrre.

Oltre ai cannoni antiaerei convenzionali, la maggior parte dei principali eserciti del mondo sta sviluppando armi ad energia diretta per rispondere a questa minaccia. Gli eserciti americani hanno assunto un vantaggio significativo in questo campo, ad esempio con il sistema laser Helios che già equipaggia alcune navi della US Navy, o il sistema laser aviotrasportato SHIELD sviluppato dalla US Air Force. Ma è senza dubbio l'esercito degli Stati Uniti, attraverso il programma Indirect Fire Protection Capability, che è il più dinamico in questo campo, con il sistema laser Guardian da 50 Kw montato su un veicolo blindato Stryker attualmente in fase di test, il sistema laser pesante Valkyrie IFPC-HEL da 300 Kw per affrontare bersagli più grandi come missili da crociera e il pesante sistema a microonde IPFS-HPM. Insieme a questi sistemi, l'esercito americano ha appena assegnato un budget di 66 milioni di dollari alla compagnia Epirus per sviluppare prototipi del suo sistema anti-drone a impulsi elettromagnetici diretti Leonidas, specificamente progettato per eliminare un gran numero di droni leggeri da una porzione del cielo, eludendo i sistemi amici vicini.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE