Gli Stati Uniti vogliono impedire all'Ucraina di passare all'offensiva?

Articolo aggiornato alle 22:00 in seguito all'annuncio da parte degli Stati Uniti della spedizione di 30-50 M1A2 Abrams in Ucraina.

Nelle ultime settimane, la questione dell'invio di carri armati pesanti occidentali in Ucraina è diventata un argomento centrale, sia per la stampa che per molte personalità politiche occidentali. Sotto l'impulso delle autorità polacche, sembra che l'intero problema si riduca all'unica posizione tedesca, che ha rifiutato di inviare a Kiev carri armati pesanti Leopard 2 tedeschi o acquistati dalla Germania. Tuttavia, e come abbiamo già detto la scorsa settimana, la posizione tedesca non era in alcun modo diversa da quella che è stata dall'inizio del conflitto, vale a dire che accetta di fornire una nuova categoria di apparecchiature solo dopo che gli Stati Uniti avranno fatto lo stesso. Checché ne dicano i polacchi, e con loro un buon numero di commentatori più inclini alla risposta emotiva che all'analisi, non era tanto la posizione tedesca che, in questo dossier, era cambiata, quanto quella degli Stati Stati, quando questi ultimi si era rifiutato di consegnare i carri Abrams M1, anche in piccole quantità, e questo per diversi giorni, mentre questo avrebbe consentito di liberare la postazione di Berlino.

oro, le spiegazioni addotte dalle autorità americane per spiegare questo atteggiamento sono molto poco convincenti, così come le analisi sull'ambizione di Washington di vendere massicciamente Abram di seconda mano agli eserciti europei per sostituire i Leopard 2 che sarebbero stati consegnati, quando in questo contesto è probabile che la maggior parte di essi si rivolgeranno soprattutto al K2 sudcoreano più moderno, economico ed efficiente, e soprattutto può essere consegnato molto più rapidamente dell'American Abrams. Va notato a questo proposito che queste stesse argomentazioni avanzate da Washington per giustificare la mancata consegna dell'Abrams a Kyiv, vale a dire il consumo di carburante e l'eccessiva manutenzione del serbatoio, possono fare da contraltare agli eserciti europei che intendono sostituire il Leopard 2s potenzialmente consegnato.

Al centro di tutti i dibattiti, i Leopard 2 tedeschi potrebbero essere solo un parametro secondario nella resa dei conti tra Washington e Kiev oggi

Allo stesso tempo, durante la conferenza di Ramstein, il Capo di Stato Maggiore americano, generale Milley, da parte sua ha invitato gli eserciti e le autorità ucraine alla prudenza, in particolare per quanto riguarda le ambizioni avanzate di riprendere l'offensiva una volta che la nuova i carri armati sono stati ricevuti. E sostenere che nelle ultime settimane hanno subito perdite troppo grandi per poter riprendere un atteggiamento offensivo, nonostante i numerosissimi armamenti promessi all'Ucraina in questo stesso incontro, mentre tutto indica che la strategia di cambiamento avviata dalla Russia da metà estate ora sta dando i suoi frutti, sia in ambito militare che industriale. Infatti, rifiutando la consegna di carri pesanti Abrams e per transitività, ostacolando la dinamica europea di sostituzione di questi carri armati, gli Stati Uniti non hanno cercato di impedire alle autorità ucraine di intraprendere una nuova offensiva, che considererebbero troppo rischiosa alla luce dei nuovi dati che circondano questo conflitto?


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE