Di fronte al potenziale arrivo di Su-35 e S-400 in Iran, Israele formalizza un ordine per 25 F-15EX da Boeing

Le tensioni tra Gerusalemme e Teheran sono, oggi, al centro dell'instabilità strutturale del teatro mediorientale. Questi sono in particolare il risultato dei ricorrenti scontri tra le forze armate israeliane e gli sciiti Hezbollah in Libano, così come quelli con le milizie iraniane in Siria. Negli ultimi anni, tuttavia, queste tensioni hanno conosciuto un inasprimento molto evidente, attorno ai programmi di missili balistici, missili da crociera e droni a lungo raggio sviluppati dall'industria della difesa iraniana, conferendo ai suoi eserciti efficaci capacità di attacco contro il territorio israeliano e in particolare le sue aree critiche infrastrutture. Soprattutto, i progressi compiuti dal programma nucleare iraniano sono ora al centro delle preoccupazioni immediate di Gerusalemme, che stima che a Teheran mancheranno solo pochi mesi per avere abbastanza materiale fissile raffinato per costruire la sua prima bomba nucleare.

Infatti, ormai da più di due anni, le forze aeree si addestrano per effettuare raid a lungo raggio, in modo da poter, se necessario, colpire le infrastrutture nucleari ei siti missilistici in Iran. Per questo l'Aeronautica militare israeliana ha acquisito due squadroni di caccia stealth F-35i, un ordine di 50 velivoli, una versione derivata dal caccia F-35A di Lockheed-Martin dotata di sistemi israeliani, oltre ai 25 F-15i, 50 F-15A/B/C/D e 6 squadroni di F-16 C/i. Di fronte all'aumento della minaccia iraniana, Gerusalemme ha annunciato, nel 2020, la sua intenzione di comandare un nuovo squadrone di F-35i, ma anche uno squadrone di nuovi F-15, il primo incaricato di eliminare le difese antiaeree, il secondo di distruggere le infrastrutture e coprire l'illuminazione contro la caccia avversaria, se necessario. A causa dell'instabilità politica del Paese, è stato effettivamente formalizzato solo l'ordine di 25 F-35i. Il sempre più flagrante riavvicinamento tra Teheran e Mosca, attorno al conflitto in Ucraina, e le sue conseguenze sull'acquisizione di armi russe da parte dell'Iran, sembrano aver convinto Gerusalemme, che avrebbe ufficializzato, nei giorni scorsi, l'ordine per 25 F-15EX da Boeing, così come la conversione del suo F-15i a questo standard (a parte i controlli di volo elettrici).

Israele ha sviluppato carri armati stealth per aumentare l'autonomia dei suoi F-35i senza alterarne la furtività

Anzi, oltre l'imminente arrivo di 24-30 Su-35 in Iran, recenti dichiarazioni dell'ambasciatore russo in Iran, sembra indicare che Teheran potrebbe ricevere anche altri sistemi d'arma da Mosca, in particolare i sistemi antiaerei S-400. L'aviazione israeliana conosce bene questo sistema, in servizio in Siria per proteggere le infrastrutture russe, e sa valutarne le prestazioni. Se tali sistemi dovessero essere schierati in Iran, accanto a caccia Su-35 ben più efficienti dei caccia in servizio con l'aeronautica iraniana, i vincoli applicati a una possibile flotta da bombardamento, e soprattutto a velivoli di supporto come i tanker e i velivoli avanzati gli aerei di allarme aereo che dovrebbero accompagnarli sarebbero in realtà molto più importanti. È in questo contesto che avrebbe senso la coppia F-35i e F-15EX.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE