Abbiamo assistito a un'inversione strategica durante l'incontro di Ramstein?

Oggetto di tutte le speranze e attese da parte degli ucraini e dei loro più stretti sostenitori come la Polonia o gli Stati baltici, l'incontro che si è tenuto oggi presso la base aerea americana di Ramstein in Renania-Palatinato, avrà finalmente prodotto molto pochi risultati concreti a parte gli annunci che erano già stati fatti dai vari partecipanti. E se gli Stati Uniti annunciassero la spedizione di 50 nuovi Bradley IFV e 80 veicoli corazzati Stryker, non avrebbero né annunciato la tanto attesa spedizione di carri armati pesanti Abrams, né sarebbero riusciti a convincere la Germania a consegnare i suoi carri armati Leopard 2 , o semplicemente per consentire ai paesi europei con loro di farlo.

Se, come era prevedibile, tutte le critiche ora si fondono contro Berlino e il cancelliere Olaf Scholz, è chiaro che la posizione tedesca non ha deviato di una virgola dall'inizio del conflitto. Berlino, infatti, ha sempre e sistematicamente aspettato che Washington annunciasse la consegna di un nuovo tipo di equipaggiamento, per fare altrettanto. Così è stato, all'inizio del conflitto, per le armi anticarro dopo l'annuncio dell'invio di giavellotti americani, poi per i veicoli corazzati dopo l'annuncio dell'invio di M113, ancora dopo il trasferimento in Ucraina di IRIS -T e pistole antiaeree Cheetah dopo l'invio di NASAMS americani, o persino pistole semoventi Pzh2000 dopo l'arrivo di M109 e M777 americani in Ucraina. Anche di recente, Berlino ha atteso un annuncio congiunto con gli Stati Uniti per confermare l'invio di 40 veicoli da combattimento della fanteria Marder a Kiev, insieme a 50 Bradley americani.

Come Parigi con i Cesari, Berlino aveva aspettato la spedizione dei sistemi di artiglieria americani M777 e M109 prima di inviare il proprio Pzh2000 in Ucraina.

Infatti, che le autorità tedesche si rifiutino di consegnare i Leopard 2 all'Ucraina, senza che gli Stati Uniti abbiano annunciato la consegna degli M1 Abrams, non è affatto una sorpresa, e tanto meno una battuta d'arresto. Si tratta solo della rigida applicazione della dottrina perseguita fin dall'inizio del conflitto, e alla quale si sono attenuti anche la stragrande maggioranza degli altri paesi che sostengono l'Ucraina, tra cui Francia e Gran Bretagna, fino all'episodio AMX-10RC e Challenger 2. Tuttavia, Parigi e Londra possono, se necessario, fare affidamento sulla propria deterrenza per far fronte a possibili minacce russe, mentre la Germania non può basarsi solo sulla copertura della NATO e degli Stati Uniti. Ciò che è molto più sorprendente, è il rifiuto americano di consegnare Abrams a coinvolgere le dinamiche, e ancor più le spiegazioni fornite dai funzionari su questo argomento. In effetti, le spiegazioni fornite dal capo di stato maggiore americano, generale Miley, nonché dal segretario alla Difesa, Llyod Austin, su questo argomento sono molto poco convincenti.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE