Probabilmente l'ammiraglio Gilday ha vinto la sua scommessa per il dimensionamento della flotta americana

La pianificazione a medio e lungo termine della US Navy è stata, negli ultimi 15 anni, un argomento a dir poco caotico, con la presentazione di molti piani contraddittori a seconda che Casa Bianca e Congresso favorissero il risparmio di bilancio o la ricostruzione militare. Queste esitazioni e successivi passi indietro, così come programmi rischiosi ed eccessivamente costosi come LCS e i cacciatorpediniere Zumwalt, hanno portato a una situazione difficile ora, poiché le capacità di bilancio e industriali faticheranno ad assorbire a tempo debito il previsto ritiro dei numerosi edifici e aeromobili che hanno raggiunto il limite di età. Al di là dei complessi arbitrati annuali che danno luogo, ogni anno, a un feroce braccio di ferro tra US Navy e Congresso, in particolare riguardo al ritiro di navi inefficaci come le corvette LCS, il comando della US Navy ha dovuto proporre un nuovo multi- piano annuale per il dimensionamento della flotta. Cosa ha fatto nell'aprile 2022. Ma piuttosto che proporre un piano unico che desse vita a una nuova resa dei conti con il Congresso, tra i sostenitori di una flotta massiccia e quelli di investimenti minori, il capo delle operazioni navali, l'ammiraglio Gilday, ha optato per un strategia originale in questo contesto.

En effet, la Marina degli Stati Uniti ha presentato non 1 ma 3 opzioni di pianificazione, così da permettere a senatori e rappresentanti americani di proiettarsi a medio termine nella realtà del futuro della potenza navale americana a fronte degli investimenti fatti. Così, la terza opzione, la più ambiziosa, proponeva di aumentare di 4 miliardi di dollari l'anno gli investimenti destinati alla costruzione navale, consentendo di raggiungere, nel 2045, un formato di 11 portaerei nucleari, 80 cacciatorpediniere, 49 fregate e LCS, 59 sottomarini di attacco nucleare, 59 navi anfibie, 50 navi logistiche e 42 navi di supporto, ovvero 363 navi. Le altre due ipotesi, meno costose, hanno favorito alternativamente la flotta di superficie o quella sottomarina a scapito dell'altra, tanto da raggiungere nel 332 solo 2045 navi. , sembrava basarsi su una ben nota strategia di marketing, l'effetto di dominanza asimmetrica.

Così presentata, infatti, i parlamentari americani dovettero fare i conti non con i benefici legati all'investimento, ma con le rinunce che la scelta di una delle prime due ipotesi avrebbe generato, sia nel campo della flotta di superficie, sia in quello della flotta sottomarina, rendendo il costo aggiuntivo della terza ipotesi, peraltro più ambizioso della semplice sintesi dei primi due scenari, un costo accettabile viste le rinunce evitate. La strategia del CNO, infatti, sembrava basarsi su un'audace scommessa basata su una teoria di marketing, pensata più per vendere automobili, televisori e orologi che per presiedere al destino della prima forza navale mondiale. Tuttavia, questa scommessa è stata ovviamente coronata dal successo, secondo l'opinione dello stesso ammiraglio Gilday.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE