I criminali di guerra dovrebbero essere profilati?

Pochi giorni fa, le autorità ucraine hanno annunciato di aver registrato non meno di 58.000 crimini di guerra perpetrati dalle forze russe sul proprio territorio dall'inizio dell'intervento militare il 24 febbraio. Infatti, poco dopo lo scoppio delle ostilità, hanno iniziato a circolare denunce di saccheggi, stupri, torture ed esecuzioni sommarie, anche di prigionieri di guerra e civili, e numerosi casi documentati da parti indipendenti attestano effettivamente tali abusi. Per Il procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia, Karim Khan, oggi l'intera Ucraina sarebbe una scena del crimine, tanti abusi sono stati. Se le autorità nazionali e internazionali ucraine sono ormai attivamente coinvolte nel recupero e nella conservazione delle prove, e nell'identificazione dei criminali, è chiaro che comprendere i meccanismi che hanno dato origine a tali orrori repressi dalla giustizia internazionale, è a dir poco sommaria , e molto spesso si limita a mettere in discussione la catena di comando e gli effetti psicologici che la guerra può causare.

Infatti, se gli accordi internazionali, in particolare la Convenzione di Ginevra, hanno consentito di creare alcune autorità penali internazionali in grado di giudicare i criminali di guerra, come è avvenuto con il Tribunale di Norimberga per processare i criminali nazisti, il Tribunale internazionale per l'Estremo Oriente per i criminali giapponesi, o anche per giudicare i crimini di guerra nell'ex Jugoslavia e in Rwanda, è chiaro che la comprensione stessa dei criminali di guerra, e della loro psicologia che ha dato origine a questi crimini, è molto superficiale, per cui è ora molto difficile implicare penalmente tutti gli attori coinvolti in questi reati, ma anche per acquisire strumenti per anticipare o addirittura prevenire l'insorgenza di questi abusi.

Il Tribunale dell'Aia è stato creato nel 2002. È attivamente presente in Ucraina per raccogliere prove di crimini di guerra.

Le esazioni sfrenate contro popolazioni civili opposte o prigionieri di guerra sono vecchie quanto la guerra stessa. Così, nel 260 aC, il grande generale dello stato di Qin (Cina occidentale) Bai Qi, giustiziò 400.000 prigionieri del vicino stato di Zhao dopo la battaglia di Changpin, seppellendoli vivi. A quel tempo, il vincitore aveva diritto di vita e di morte sui vinti, in Cina come ovunque nel pianeta. Il concetto di crimine di guerra è apparso solo nel XIX secolo, in particolare con la firma della Prima Convenzione di Ginevra sulla protezione dei feriti di guerra nel 19, convenzione strettamente legata alla creazione della Croce Rossa in seguito alla battaglia di Solferino nel 1864. Da allora sono state firmate altre 1959 convenzioni, nel 3 per i marinai feriti, nel 1906 per il trattamento dei prigionieri di guerra e nel 1929 per la protezione delle popolazioni civili. La Corte penale internazionale, l'unica giurisdizione internazionale in grado di giudicare tali misfatti, è stata istituita solo nel 1949. Prima di allora, i criminali di guerra erano spesso processati dai tribunali nazionali, tali procedure miravano soprattutto solo al perdente di un conflitto, sia per motivi legali e finalità politiche.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE