In Cina, l'addestramento dell'equipaggio non riesce a tenere il passo con la consegna delle moderne navi PLA

L'ascesa dell'Esercito popolare di liberazione negli ultimi 30 anni è stata tanto rapida quanto ambiziosa. Si è passati da un esercito prevalentemente difensivo basato sui precetti degli eserciti popolari ereditati dalle dottrine sovietiche, a un esercito ad alta tecnologia, con molti equipaggiamenti avanzati e dottrine paragonabili a quelle utilizzate dagli eserciti meglio addestrati del mondo. Per questo, Pechino ha potuto contare su una pianificazione industriale e una ricerca sia dinamica che straordinariamente eseguita, consentendo ai suoi eserciti di recuperare, in 30 anni, i 30 anni di ritardo tecnologico e dottrinale che avevano dovuto affrontare all'Occidente e persino alla Russia eserciti nel 1990. È così che il caccia dell'Aeronautica Militare di Liberazione del Popolo si è evoluto da una flotta basata su caccia derivati ​​dai Mig-17, 19 e 21 sovietici, a una flotta basata su caccia perfettamente moderni di 4a e 5a generazione, come il singolo -motore J-10C, il versatile J-16 e il J-20 di quinta generazione. L'esercito era equipaggiato con carri armati Tipo 5 e poi Tipo 96/A paragonabili ai carri armati occidentali, oltre a una flotta corazzata e di artiglieria altrettanto efficiente. Allo stesso tempo, la forza lavoro è stata ridotta da 99 milioni di uomini sulla base della coscrizione rigorosa, a una forza di 10 milioni di uomini metà professionisti e metà composta da coscritti volontari per un servizio di 2 mesi.

Ma la componente che ha subito la trasformazione più radicale è senza dubbio la Marina cinese. Quest'ultima, in questo stesso periodo, è infatti passata da una forza difensiva costiera impiegando prevalentemente navi armate di cannoni, a una modernissima flotta d'altura che schiera un centinaio di cacciatorpediniere e fregate armate di missili, una sessantina di marinai, più di una decina di di cui sono a propulsione nucleare, e persino una componente navale e anfibia in rapida crescita, che la rende la seconda forza navale d'altura al mondo e il principale concorrente della Marina degli Stati Uniti. Tuttavia, a differenza delle forze aeree e di terra cinesi, la cui progressione tecnologica è stata relativamente lineare negli ultimi 30 anni, la Marina cinese ha registrato, a partire dagli anni 2010, una crescita quasi geometrica, al punto che ora sono comuni da 7 a 8 nuovi cacciatorpediniere e fregate entrano in servizio ogni anno, insieme a due o tre sottomarini e una o due grandi navi militari o anfibie.

La Marina cinese riceve più di 6 nuovi cacciatorpediniere ogni anno, come i cacciatorpediniere pesanti Tipo 055.

Se i cantieri navali cinesi sono infatti riusciti a produrre nuove navi perfettamente moderne, come le fregate Type 054A specializzate nella guerra antisommergibile, i cacciatorpediniere antiaerei Type 052D/L e i cacciatorpediniere pesanti Type 055, e grandi navi come il la portaerei pesante Fujian e le portaelicotteri d'assalto Tipo 075, ad un ritmo quanto mai sostenuto, sembra che le forze navali dell'Esercito Popolare di Liberazione stiano faticando a fornire a queste nuove navi equipaggi ed ufficiali addestrati ed addestrati. Questo è comunque il senso di un articolo pubblicato sul "Giornaliero dell'Esercito popolare di liberazione", l'organo di stampa interno alle forze armate, trasmesso dal sito di informazioni eurasiatimes.com.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE