In che modo le 5 minacce strategiche a bassa letalità sconvolgeranno l'equilibrio militare globale?

Il concetto di attacco strategico emerse durante la seconda guerra mondiale, prima attraverso il blitz tedesco contro le città britanniche che ebbe luogo tra la fine della stessa battaglia d'Inghilterra, nel settembre 1940, e il maggio 1941 quando la Luftwaffe fu reindirizzata in Oriente in previsione del piano Barbarossa. Si trattava, per gli strateghi tedeschi e in particolare per Herman Goehring comandante della Luftwaffe, di distruggere la volontà di resistenza degli stessi inglesi, colpendo non solo obiettivi militari come le basi e le fabbriche, ma anche le grandi città di i paesi, come Londra, ma anche Coventry, Plymouth, Birmingham e Liverpool. Questa campagna, che provocò 43.000 morti civili e 90.000 feriti gravi, fu un fallimento, poiché la Luftwaffe perse quasi 900 aerei, compresa buona parte della sua flotta da bombardamento, senza raggiungere gli obiettivi prefissati. Tuttavia, questo fallimento non ha dissuaso gli inglesi e gli americani dal fare altrettanto, effettuando numerosi raid strategici di giorno (US Army Air Force) e di notte (Royal Air Force) contro siti industriali ma anche città tedesche, oltre che alcune città della zona occupata, provocando più di 500.000 morti in Germania, altrettanti in Giappone, oltre a 100.000 morti in Italia e 67.000 morti in Francia.

I vantaggi di questa campagna aerea strategica alleata sono ancora oggetto di dibattito, anche se hanno oggettivamente e significativamente eroso le capacità industriali e le riserve di carburante dell'Asse. Tuttavia, l'esplosione delle due bombe a Hiroshima e Nagasaki nell'agosto del 1945 cambiò la situazione, creando per la prima volta colpendo obiettivi civili, un effetto strategico importante con la resa dell'Impero giapponese, è vero già in pessime condizioni dopo aver perso la stragrande maggioranza della sua flotta, e l'arrivo delle divisioni russe impegnate in Europa a guidare l'offensiva contro le forze giapponesi in Manciuria. Tuttavia, è proprio l'arma nucleare che da quella data ha condizionato gli equilibri mondiali di potere, creando il concetto di arma di distruzione di massa, in grado di distruggere contemporaneamente le infrastrutture e le popolazioni civili di una grande città, per raggiungere gli obiettivi prefissati obiettivi politici, piuttosto che mirare a distruggere lo strumento militare del nemico come durante i 50 secoli di storia umana prima di allora.

Le armi nucleari sono state il cardine della comunicazione strategica delle superpotenze sin dalla fine della seconda guerra mondiale.

Se la bomba A, poi la bomba all'idrogeno, costituivano il cuore delle capacità strategiche delle nazioni più potenti del pianeta, esse svilupparono, nel corso degli anni, altre capacità derivate, come le armi chimiche o batteriologiche, o le armi a radiazioni, destinate più specificamente per distruggere le popolazioni senza distruggere le infrastrutture. Queste armi, riunite nell'acronimo NRBC per Nucleare, Radiologico, Biologico e Chimico, hanno costituito il perno degli equilibri strategici durante tutta la Guerra Fredda, e anche oltre. Tuttavia, da diversi anni, anche da alcuni decenni, è apparsa gradualmente un'altra categoria di armi strategiche. A differenza delle precedenti, queste mirano non a distruggere le popolazioni, ma a distruggere le infrastrutture e le capacità economiche e sociali di un Paese, per ottenere l'obiettivo strategico prefissato, senza varcare la soglia nucleare o simili provocando la morte di milioni di civili. In questo articolo studieremo le 5 capacità strategiche corrispondenti a questa classificazione, che potrebbero cambiare non solo gli equilibri di potere negli anni a venire, ma anche la logica stessa della soglia strategica e della risposta.

1- Armi a impulsi elettromagnetici

Di tutte le capacità strategiche non letali, l'uso di armi a impulsi elettromagnetici è il più antico. Infatti, dalle prime esplosioni nucleari del 1945, le conseguenze del potente impulso elettromagnetico allora generato furono studiate prima dagli Stati Uniti, poi dal 1949, dall'Unione Sovietica. Nel 1962 le due superpotenze effettuarono esperimenti in questa direzione quasi contemporaneamente, con il progetto americano Starfish Prime che fece detonare una carica nucleare di 1,44 megatoni a un'altitudine di 400 chilometri sopra il Pacifico, e il progetto sovietico 184 che lo stesso con minore importanza carichi di 300 kt sopra il Kazakistan. In entrambi i casi si trattava soprattutto di neutralizzare le capacità militari dell'avversario su una vasta area, distruggendo tutti i circuiti elettronici che allora apparivano su veicoli militari, navi e aerei. D'altra parte, a quel tempo, l'uso in alternativa di bombe nucleari e missili nella posizione di deterrenza non era nemmeno considerato, ritenendo troppo limitata la vulnerabilità delle infrastrutture civili agli EMP.

La rete elettrica è uno dei bersagli più ovvi di un attacco a impulsi elettromagnetici.

La situazione non è cambiata molto su questo tema fino all'inizio degli anni 2000, e l'inizio della digitalizzazione globale dell'economia ma anche dell'intera vita sociale dei paesi. Allo stesso tempo, anche le conoscenze intorno al fenomeno dell'impulso elettromagnetico e dei suoi effetti erano notevolmente progredite, tanto che nel 2001 il Congresso americano ha avviato uno studio sulla vulnerabilità degli Stati Uniti a questo tipo di minaccia, con la creazione dell'United Commissione EMP degli Stati. I primi riscontri di questa commissione, nel 2004 e soprattutto durante un'audizione al Senato nel 2005, mostrarono che questo tipo di arma rappresentava ormai una minaccia strategica per il Paese, non solo per la sua efficacia su infrastrutture strategiche come la rete elettrica o telecomunicazioni, ma anche distruggendo quasi tutte le capacità di trasporto del Paese. Inoltre, la commissione ha identificato non meno di 15 paesi, oltre agli Stati Uniti, che stavano conducendo esperimenti in questo campo, tra cui Corea del Nord, Iran, Russia, Cina, Cuba, India, Pakistan e Cuba.

Tuttavia, il "biglietto d'ingresso" per dotarlo di una tale capacità strategica è fuori dalla portata della stragrande maggioranza dei paesi. Infatti, al di là delle armi ad impulsi elettromagnetici non nucleari che non hanno potenza sufficiente per essere qualificate come strategiche, è contemporaneamente necessario disporre di una capacità balistica avanzata a lungo raggio, nonché di testate nucleari di elevata potenza (oltre 100 kt) e sufficientemente miniaturizzato per svolgersi a bordo di questi missili. Inoltre, anche se i maggiori effetti distruttivi dell'arma nucleare impiegata in tale ipotesi, come l'onda d'urto e il muro di calore, sono largamente attenuati dall'esplosione eso-atmosferica, così come il fallout radioattivo, le vittime di tale arma , come i passeggeri dei mezzi di trasporto ei pazienti ricoverati o dipendenti dalla tecnologia, potrebbero convincere il Paese preso di mira della natura "nucleare" e di "distruzione di massa" dell'attacco, e quindi portare a una risposta nucleare. Tuttavia, la minaccia è considerata abbastanza significativa da convincere le autorità giapponesi a seppellire le capacità di comando e supporto di 5 dei suoi principali distretti militari, proprio per resistere a un attacco EMP.

2- Sciami e massicci attacchi di droni

Se l'utilizzo di droni armati di testata non si è manifestato durante la guerra in Ucraina, è durante questa che, per la prima volta, sono stati impiegati in maniera massiccia e coordinata per distruggere, nel tempo, le infrastrutture civili dell'avversario . Per questo le armate russe si affidano al drone iraniano Shahed-136, un dispositivo dal design relativamente semplice del peso di circa 2500 kg, in grado di trasportare un carico militare di 40 kg su XNUMX km per colpire con grande precisione grazie alla navigazione satellitare, il suo obiettivo . Questi droni sono stati utilizzati da Mosca insieme a capacità più tradizionali come i missili da crociera per distruggere le capacità energetiche ucraine, con l'obiettivo di innescare un esodo di massa della popolazione civile verso ovest, e per portare le autorità ucraine a negoziare a condizioni sfavorevoli. Per il momento, il volume degli attacchi russi non ha permesso di raggiungere tali obiettivi e la resilienza dell'opinione pubblica ucraina sembra più forte che mai, come lo fu quella britannica durante il Blitz.

Con un prezzo unitario di soli $ 20.000, il drone iraniano Shahed 136 mette la capacità di attacco strategico alla portata di (quasi) tutti i budget.

Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE