La Top 5 degli armamenti più efficienti in Ucraina

Dall'inizio dell'aggressione russa, il 24 febbraio, l'Ucraina è diventata, suo malgrado, la più grande piattaforma di sperimentazione di sistemi d'arma russi, ucraini e occidentali, dopo 30 anni di conflitto latente e asimmetrico che non consentiva analisi comparative oggettive. Tra questi sistemi, alcuni hanno dimostrato la loro efficacia, fino a diventare famosi, anche presso il grande pubblico. Ma quali sono i 5 sistemi d'arma che si sono maggiormente distinti dall'inizio di questo conflitto, al punto da cambiare certi concetti da tempo elevati al rango di dogmi negli eserciti occidentali e mondiali?

5 – Il drone TB2 Bayraktar: Turchia

Il drone Medium Altitude Long Endurance o MALE è diventato, negli ultimi trent'anni, una componente chiave della moderna azione militare. Tuttavia, la loro bassa velocità, scarsa manovrabilità e mancanza di furtività suggerivano che se si fossero dimostrati efficaci e persino formidabili durante i cosiddetti conflitti a bassa intensità, contro forze ribelli scarsamente equipaggiate con sistemi antiaerei, sarebbero stati troppo vulnerabili per essere impiegati in conflitti ad alta intensità. E le numerose perdite di droni di questo tipo, siano essi americani, cinesi o turchi, durante la guerra civile libica ma anche in Siria, sembravano attestare l'ipotesi. Tuttavia, il drone leggero MALE TB2 Bayraktar, punta di diamante della compagnia turca Baykar, ha svolto un ruolo decisivo in questo conflitto in diverse occasioni, sia molestando la colonna russa che si stava dirigendo verso Kiev all'inizio del conflitto con munizioni leggere e guidando L'artiglieria ucraina colpisce, ma anche localizzando e ingannando l'incrociatore Moskva, che ha permesso ai missili anti-nave Nettuno di colpire e affondare l'ammiraglia della flotta russa del Mar Nero.

In sostanza, le riserve sulla vulnerabilità dei droni MALE in un ambiente conteso sono state confermate anche durante il conflitto, e la flotta ucraina TB2 ha pagato a caro prezzo i suoi scontri con la difesa contraerea russa, una volta messa in campo . sul posto. Tanto che ormai il drone turco non viene quasi più utilizzato vicino alla linea di ingaggio o in operazioni offensive, gli ucraini preferiscono droni più leggeri, meno costosi e più difficili da ingaggiare per missioni di ricognizione e guida di artiglieria. Tuttavia, è indiscutibile che il TB2 abbia avuto un ruolo decisivo nei primi mesi di questa guerra, anche se da allora ne ha segnato i limiti. Ha convinto anche sulla scena internazionale, ben 27 paesi hanno acquisito o ordinato il sistema turco secondo Baykar.

4- Il cannone antiaereo Gepard: Germania

Alla fine degli anni '60, la Bundeswehr si impegnò a dotarsi di un cannone antiaereo semovente, al fine di rafforzare la stretta protezione delle sue unità corazzate e meccanizzate contro aerei da combattimento ed elicotteri sovietici. Nasce così il Flakpanzer Gepard, che porta su un carro armato Leopard una torretta armata con due cannoni Oerlikon 35mm ad alta cadenza di fuoco controllati da un radar Pulsed Doppler in banda S, un radar di controllo del fuoco in banda Ku, oltre a un sistema di puntamento elettro-ottico, che gli conferisce capacità di ingaggio e rilevamento estese, anche contro bersagli lenti o di dimensioni ridotte e in un ambiente di guerra elettronica. Nel corso degli anni, però, il massiccio afflusso di munizioni aeree di precisione, che consentivano agli aerei da combattimento di sganciarle ad alta quota al di fuori dell'inviluppo di tiro dell'artiglieria, ma anche di munizioni a distanza, cioè lanciate da una distanza di sicurezza, ha portato gli eserciti abbandonare i sistemi antiaerei basati sull'artiglieria terra-aria, per sostituirli con missili in grado di raggiungere bersagli a quote più elevate, ea distanze maggiori. All'inizio del conflitto ucraino, i sistemi antiaerei come il Gepard sembravano appartenere al passato.

Da allora, come il TB2 o il Javelin, il Gepard è diventato uno dei simboli della resistenza ucraina, anche se solo una trentina di questi sistemi sono stati consegnati a Kyiv dalla Rheinmetall, e Berlino stenta a fornire al suo alleato i proiettili di 35 mm necessari, di fronte al rifiuto della Svizzera di rinunciare alle sue scorte di munizioni per non essere coinvolta in questo conflitto contro la Russia. Il Gepard, infatti, si è rivelato uno dei sistemi più efficienti per intercettare i missili da crociera russi, ma soprattutto per distruggere i droni a lungo raggio Geranium II, che altri non sono che i droni suicidi Shahed 136 acquisiti dall'Iran. Il Gepard non solo è in grado di rilevare, inseguire e distruggere Gerani che passano entro 3 km, ma ha bisogno solo di poche decine di proiettili da 35 mm per distruggere il suo obiettivo, quindi un costo compatibile con il prezzo dell'obiettivo stimato in $ 20.000, dove il minimo missile antiaereo leggero supera i 300.000 dollari. Poiché la minaccia delle munizioni da stalking a lungo raggio è destinata ad espandersi (vedi sotto), è probabile che il successo dei Gepard in Ucraina favorirà il ritorno alla grazia dell'artiglieria antiaerea, almeno in attesa di sistemi energetici diretti.

3- Il cannone CAESAR: la Francia


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE