L'ordine colombiano Rafale potrebbe avvenire entro la fine del 2022

Meno di una settimana fa abbiamo elencato in un articolo i potenziali futuri contratti Rafale per l'anno 2023. Tra i 6 paesi citati, la Colombia era allora quella con i minori ritardi probabili, mentre l'aeronautica del paese aveva annunciato che l'aereo francese rispondeva meglio alle loro esigenze a fronte dell'americano F-16V e del JAS-39 svedese Gripen E/ F, e che le autorità colombiane avrebbero annunciato la selezione del vincitore di questo concorso durante il mese di gennaio 2023. Da allora, le cose sembrano essere decollate a Bogotà. Solo poche ore dopo la pubblicazione di questo articolo, il sito spagnolo infodefensa.com, sempre affidabile e molto ben informato, soprattutto in Sud America, ha annunciato che il Rafale era stato selezionato da Bogotà, che le autorità colombiane stavano avviando trattative con Dassault Aviation, e che una delegazione colombiana era attesa in Francia nei giorni o nelle settimane a venire, per preparare l'attuazione del contratto.

Ovviamente non c'è voluto molto perché i negoziatori colombiani e francesi si mettessero d'accordo, a riprova che l'offerta francese era particolarmente ben congegnata. Infatti, ieri, 26 dicembre, questo stesso sito ha pubblicato un articolo ha annunciato che il contratto tra Colombia e Dassault sarebbe stato firmato questa settimana, prima della fine dell'anno. Mentre l'ordine complessivo colombiano è di 16 velivoli con una dotazione di quasi 3 miliardi di dollari, il primo ordine, quello che verrà firmato questa settimana, riguarderà solo 3 o 4 velivoli che saranno consegnati nel 2025, oltre a servizi e servizi associati attrezzature, come il simulatore, l'addestramento del personale e l'adattamento del velivolo alle esigenze dell'aeronautica colombiana, per un importo annunciato di 678 milioni di dollari, ovvero 640 m€.

Con il Rafale, l'aeronautica colombiana sarà equipaggiata con il caccia più efficiente del teatro sudamericano, e potrà tenere a bada alcuni vicini turbolenti, in particolare l'aeronautica militare bolivariana del Venezuela, che sta schierando una ventina di Su -30MK2 accanto ad altrettanti F-16 A/B e una manciata di F-5. La decisione di Bogotà a favore del Rafale potrebbe in questo senso diffondere petrolio in Sud America, mentre l'aviazione ecuadoriana dovrà sostituire il suo Cheetah C sudafricano (copia del Mirage III), e anche il Perù dovrà sostituire il suo MiG-29 , Su-25 e la sua dozzina di Mirage 2000. Il successo di Dassault in Colombia, ma soprattutto la qualità dell'offerta proposta alle autorità colombiane, potrebbe portare questi paesi ad avvicinarsi al produttore francese nei mesi e negli anni a venire, soprattutto perché i 3 paesi sono applicare una strategia comune sulla scena internazionale, in particolare avendo firmato un accordo commerciale con l'UE nel 2013 (Colombia, Perù) cui si è unito l'Ecuador nel 2017.


Il resto di questo articolo è riservato agli abbonati

Gli articoli ad accesso completo sono disponibili nella sezione “ Articoli gratuiti“. Gli abbonati hanno accesso agli articoli completi di Analisi, OSINT e Sintesi. Gli articoli negli archivi (più vecchi di 2 anni) sono riservati agli abbonati Premium.

A partire da € 6,50 al mese – Nessun impegno di tempo.


Related posts

Meta-Difesa

GRATIS
VEDERE